Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Debiti con il fisco

Equitalia potrebbe rinunciare ai crediti inesigibili

Debiti con il fisco - Equitalia potrebbe rinunciare ai crediti inesigibili

Novità in arrivo nella gestione dei rapporti, ultimamente invero abbastanza tesi, tra il Fisco e i cittadini. O per essere più precisi, tra l'agente di riscossione per conto del fisco e per molti altri Enti (regioni, comuni; INPS) cioè Equitalia S.p.A. e i cittadini. Si assiste ormai da qualche tempo ad una nuova tendenza da parte del Governo, iniziata già nel 2012 con il cosiddetto "Decreto Fare"  convertito in legge con la Legge 98/2013. Lo scopo dichiarato, anche in seguito a numerosi fatti di cronaca che hanno visto coinvolto l'Agente di riscossione, è quello di far percepire l'Agenzia delle Entrate e di conseguenza anche Equitalia S.P.A., non più come un mostro senza testa minaccioso ed aggressivo, ma piuttosto come un  soggetto in grado di aiutare il cittadino che cade in errore (occorre ricordare che non sempre l'evasione è dolosa) a rimediare senza incorrere in sanzioni eccessive ed azioni esecutive oltremodo aggressive. 

 

Vediamo alcuni dei punti salienti dell`ultima riforma. Il Governo ha annunciato che, con la nuova legge di Stabilità, verranno riaperti i termini per chi è decaduto entro il 30 ottobre scorso dalla rateizzazione delle cartelle esattoriali di Equitalia. Per ottenere un nuovo piano di rateazione in 72 mesi bisognerà presentare domanda entro il 30 giugno 2015. 

La novità più interessante, invece, riguarda tutti i crediti che, sino ad oggi, l’Agente della riscossione non è riuscito a riscuotere e che costituiscono una massa critica di 545 miliardi di euro mai incassati dai contribuenti. Equitalia è ora tenuta a una verifica di tali arretrati, ma la mole di lavoro è tale da minacciare la paralisi di tutti gli uffici. 

 

Per evitare ciò, si vorrebbe scadenzare i tempi di lavoro. Secondo un’idea contenuta in un emendamento alla legge di Stabilità di prossima approvazione si potrebbe invertire il calendario, avviando prima il procedimento per le cartelle più recenti, e poi procedendo a ritroso con quelle più antiche. Entro il 2017, dunque, verrebbero gestite le cartelle inviate nel 2014 e poi, ogni dodici mesi, si arretrerà di un anno. In questo modo, per esempio, le cartelle del 2013 sarebbero affrontate nel 2018, quelle del 2012 nel 2019 e così via, fino a chiudere nel 2031 le partite risalenti al 2000. 

Non tutte le cartelle arretrate, però, saranno passate al setaccio. Nel rispetto, infatti, del principio di “economicità dell’azione amministrativa”, gli enti creditori (per es. Inps, Agenzia delle Entrate, ecc.) si limiteranno a effettuare verifiche a campione, in genere sul 5% delle vecchie cartelle, concentrandosi principalmente su quelle più pesanti (si stima che l’80% delle mancate riscossioni fino al 2012 si riferisce a contribuenti che hanno un debito col Fisco di oltre 500mila euro a testa). 

 

Effettuata quindi la verifica della inesigibilità delle cartelle vecchie, ci sarà la definitiva “rinuncia alla pratica” da parte di Equitalia che “restituirà” il credito all’ente titolare. E, probabilmente, il contribuente che chiederà un estratto di ruolo, circa la propria posizione, presso l’ufficio dell’Agente per la riscossione troverà una bella sorpresa: la “fedina fiscale” immacolata.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Paolo Paganoni

16/02/2015 13:02

Salve avv. Federico Vaccaro,
Io ho numerose multe arretrate non pagate che son state impugnate da equitalia. Le cartelle esattoriali sono degli anni 2012, 2013 e 2014. Io sono disoccupato e non riesco a pagarle. La somma si aggira sui 10 mila euro in rata unica. C'è modo che cadano in giacenza e che nn debba piu pagarle?
Grazie in anticipo.
Cordiali saluti
Paolo

Rispondi

In risposta al commento di Paolo Paganoni

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuova procedura esattoriale

Eliminata la cartella esattoriale

Continua

Separazione e divorzio

Brevi riflessioni sulle recenti riforme

Continua

Negoziazione assistita parere obbligatorio del PM

Prime applicazioni in concreto

Continua

Separazione e divorzio semplificato

Applicabilità in concreto della norma prevista dalla Legge n.162/2014

Continua

Regime patrimoniale dei coniugi e divorzio

Particolari ipotesi di mutamento nel regime patrimoniale dei coniugi

Continua

Danno da vacanza rovinata

Il danno non patrimoniale non sussiste nel caso di pregiudizio non grave

Continua

Separazione e divorzio

Cosa cambia in concreto con la riforma approvata al Senato

Continua

Separazione e divorzio assistiti dall'Avvocato

Cosa cambia con la riforma in itinere: l’accordo consensuale di separazione o divorzio potrà essere stipulato anche in presenza di figli minori

Continua

Divorzio Breve

Negoziazione assistita ed adempimenti successivi dell'avvocato

Continua

Equitalia non può pignorare la prima casa

Una recente pronunzia della Corte di Cassazione ribadisce il principio della impignorabilità della casa di abitazione

Continua

Divorzio Breve

Nuova disciplina sullo scioglimento del matrimonio

Continua

Vacanza rovinata

Giudice di Pace: responsabilità solidale della compagnia crocierista e di quella aerea

Continua

Vacanza Rovinata

Concrete possibilità risarcitorie

Continua

Vacanza Rovinata

vademecum per rimediare

Continua

Divorzio immediato, legge straniera

Coniugi di nazionalità diversa possono chiedere concordemente al giudice di applicare la legge del paese di uno dei due per divorziare

Continua

Separazione e divorzio

Cassazione: rischia la decadenza dalla potestà genitoriale chi impedisce ai figli di vedere i nonni dopo la morte del coniuge

Continua

Il danno da vacanza rovinata

La prova del danno da vacanza rovinata è intrinseca nella dimostrazione dell’inadempimento

Continua

Divorzio breve

Le novità più interessanti del Ddl sono in corso di approvazione al Senato

Continua

Vacanza rovinata - Pubblicità ingannevole

Quando la tanto agognata vacanza si trasforma in un incubo

Continua

Giudizio di separazione

E` reato esibire nel giudizio di separazione la corrispondenza bancaria del coniuge

Continua

Il Processo Civile Telematico

Breve resoconto a poco più di un mese dalla introduzione dell'obbligo dell'invio telematico degli atti processuali

Continua

Il divorzio breve

Le ultime novità della riforma

Continua

Divorzio e annullamento alla Sacra Rota

Tra le due richieste ci sono importanti differenze di carattere patrimoniale

Continua