Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza gestionale

Il buono acquisto alla stregua del denaro contante

Sempre più aziende, per omaggi e promozioni, si affidano al sistema dei buoni acquisto e dei buoni regalo. Ecco un piccolo vademecum

Il buono acquisto alla stregua del denaro contante - Sempre più aziende, per omaggi e promozioni, si affidano al sistema dei buoni acquisto e dei buoni regalo.
Ecco un piccolo vademecum

I buoni acquisto o buoni regalo sono buoni che hanno un valore facciale variabile e danno la possibilità a colui che lo riceve di scegliere il proprio acquisto o regalo fra beni di diversa natura che gli esercizi convenzionati offrono.
Il buono prende le sembianze di denaro contante, dando l’opportunità a chi lo utilizza di acquistare con le medesime condizioni ordinarie di vendita, quali l’assistenza, il cambio di merce se non perfettamente in buono stato, ecc. e integrabile se il bene scelto appartiene a una gamma di prodotti più costosi del buono stesso. 

 

Con la risoluzione n. 21/E del 22 febbraio, viene ribadito un concetto, oramai assodato nella prassi dell’Amministrazione finanziaria (tra le altre, la circolare 27/1976), per il quale nessuna fattura deve essere emessa nella fase di circolazione “interna”, in quanto i buoni regalo servono solo a identificare l’avente diritto alla prestazione e non quale passaggio di merce.
Soltanto nel momento in cui il buono viene utilizzato per l’acquisto del bene/servizio, l’operazione di cessione sottostante deve essere assoggettata a IVA dal cedente (nel caso, l’esercizio affiliato) per l’intero importo del prezzo del bene o del servizio. Solo in quel momento, pertanto, il cedente dovrà emettere documenti fiscali attestanti l’operazione.
Nello scontrino o nella fattura, l’Iva si applica all’intero importo versato e non è rilevante se viene utilizzato tutto il buono o solo in parte versando il resto in contanti. Il buono rimanente in capo al venditore rappresenterà poi il diritto a ricevere il rimborso del valore facciale dello stesso, da parte del produttore. 

 

Si vengono così ad identificare quattro fasi:
Rapporto tra emittente e azienda cliente - la cessione dei buoni effettuata dall'emittente a favore dell'azienda cliente non assume rilevanza ai fini dell'IVA ai sensi dell'articolo 2, terzo comma, lettera a), del D.P.R. n. 633 del 1972.
Dovrà essere, invece, fatturato separatamente, con aliquota ordinaria, qualsiasi eventuale servizio prestato dall'emittente verso corrispettivo specifico quale stampigliatura, personalizzazione, consegna a domicilio, etc;
Rapporto tra azienda cliente e beneficiario del buono - La successiva distribuzione gratuita del buono acquisto ai dipendenti o a clienti e fornitori risulta anch’essa fuori campo di applicazione dell’IVA, ai sensi dell'articolo 2, terzo comma, lettera a), del D.P.R. 633/1972 in quanto la circolazione dei titoli di legittimazione è assimilabile ad una mera movimentazione di carattere finanziario;
Rapporto tra esercizio convenzionato e società emittente - Il rimborso del valore facciale dei buoni da parte della società emittente costituisce un'operazione non rilevante ai fini dell'IVA, ai sensi dell'articolo 2, terzo comma, lettera a), del D.P.R. n. 633 del 1972.
Rapporto tra beneficiario del buono ed esercizio - Riguardo tale operazione, si ritiene che la base imponibile per l'esercizio commerciale a fronte della vendita/prestazione a favore di un consumatore finale sia costituita dall'intero prezzo al minuto, comprensivo sia del prezzo effettivamente versato dal consumatore finale in contanti (o con modalità analoghe) che del valore facciale dei buoni acquisto
In conclusione, l`esercizio convenzionato, al momento di effettuazione dell'operazione - da determinarsi ai sensi dell'articolo 6 del D.P.R. n. 633 del 1972 - emette regolare scontrino/fattura con IVA per l'intero prezzo del bene/servizio dovuto dal consumatore finale, a prescindere dalle modalità di pagamento dello stesso (integralmente con buoni ovvero in parte con buoni e in parte contanti o altri mezzi).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza gestionale

Studio Busin - Peschiera Borromeo (MI)

Studio Busin

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Via Liberazione 27

20068 - Peschiera Borromeo (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Reverse charge: valutazioni sulle cessioni di beni

La modifica all'art. 17 Dpr 633/72, amplia ed estende il Reverse Charge a nuovi casi. Le modifiche sono ancora oggetto di interventi e chiarimenti

Continua

Reverse charge: valutazioni sulle cessioni di beni

La modifica all'art. 17 Dpr 633/72, introduce nuove casistiche di Reverse Charge ancora oggetto di chiarimenti ed interventi

Continua

Fattura elettronica per le PA chi sono i soggetti?

La Finanziaria del 2008 ha introdotto ll’obbligo che ogni fattura destinata alle PA debba essere emessa in formato elettronico.

Continua

I beni significativi limitano l'aliquota agevolata

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità di applicazione dell'iva al 10% in caso di acquisto ed installazione di infissi

Continua

Scia-Imprese, controllo entro 60 giorni

Maggiori certezze per chi deve utilizzare la Scia per avviare un'attività di impresa regolamentata da leggi specifiche

Continua

Associazioni con sponsorizzazioni scontate

Cambia la percentuale di detrazione IVA forfetaria dal 90% al 50% per le spese di sponsorizzazione delle associazioni

Continua

Semplificazioni verso l'estero

Cosa cambia per le operazioni con lettere di intento, servizi intracomunitari e scambi con paesi Black List

Continua

STOP alla solidarietà negli appalti

Committenti e appaltatori non saranno più costretti a richiedere la certificazione di regolarità ritardando i pagamenti alle imprese

Continua

Esportazioni indirette anche dopo 90 giorni

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito la non imponibilità delle esportazioni dirette per le uscite dal territorio Ue dopo i 90 giorni

Continua