Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Nuove regole di acquisto per la prima casa

Acquisto della prima casa: ecco cosa cambia dal 13 dicembre 2014

Nuove regole di acquisto per la prima casa - Acquisto della prima casa: ecco cosa cambia dal 13 dicembre 2014

Dal 13 dicembre l’acquisto di “prima casa” con un contratto imponibile IVA è disciplinato con l’obbligo che la casa oggetto di acquisto agevolato non sia più un’abitazione “non di lusso”, come precedentemente disposto, ma che sia accatastata in una categoria del gruppo catastale “A” diversa dalle categorie A/1, A/8 e A/9.  Il passaggio dai requisiti “di lusso” (ampia metratura, dotata di piscina, ecc.) ai requisiti catastali, già vigente dal 1° gennaio 2014 per gli acquisti cui si applica l’imposta proporzionale di registro, decorre dal 13 dicembre per gli acquisti imponibile – IVA. 

 

Riepilogando

dal 1° gennaio a 12 dicembre 2014:
L' acquisto tassato con l’imposta proporzionale di registro (2% per imposta di registro, 100 euro per imposte catastali e ipotecarie, esenzione dal bollo) ha beneficiato dell’agevolazione “prima casa” se ha avuto per oggetto case non accatastate nelle categorie A/1, A/8 e A/9, anche se si trattava di case “di lusso”, acquisto IVA – imponibile (4% IVA e 920 euro per imposte registro, catastali, ipotecarie e bollo) ha beneficiato dell’agevolazione “prima casa” se ha avuto per oggetto case “non di lusso”, anche se accatastate nelle categorie A/1, A/8 e A/9.

Dal 13 dicembre 2014

Il beneficio fiscale compete a chi compra un’abitazione non accatastata nelle categorie A/1, A/8 e A/9, a prescindere se si tratti di un’abitazione “di lusso”, il beneficio fiscale non compete a chi compra un’abitazione “non di lusso” se si tratta di un’abitazione accatastata nelle categorie A/1, A/8 e A/9.

Purtroppo il sistema presenta ancora incoerenze, primo perché molte norme fanno ancora riferimento alle “abitazioni non di lusso”  e, soprattutto, il punto 127-undecies della tabella A – Parte iii allegata al DPR 633/1972; pertanto la cessione di una casa “di lusso” non accatastata in A/1, A/8 e A/9 può beneficiare del 4% ma, se non ne beneficia, non può avere l’IVA al 10%, dovendola scontare al 22%, mentre la cessione di una casa “di lusso” accatastata in A/1, A/8 e A/9 non può beneficiare del 4% ma deve essere tassata con  l’IVA al 10%.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Ravvedimento operoso 2015

Legge di Stabilità 2015: i contribuenti potranno sanare i mancati versamenti fiscali, senza limiti di tempo, con sanzioni ridotte

Continua

I principi del diritto comunitario

Impresa comunitaria che appalta i lavori in Italia e invia i lavoratori in trasferta

Continua

Tfr in busta paga

Dal 1° marzo 2015 il trattamento di fine lavoro (Tfr) potrà acquisire la forma di un'integrazione della retribuzione mensile

Continua

Stabilita’ 2015: ampliato il Reverse charge

Ecco quali sono le nuove categorie soggette al Reverse charge

Continua

Guida pratica al commercio online

Riferimenti normativi, disposizioni Iva, sito online contenuto e consigli, fatturazione e news

Continua