Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Casa coniugale e convivenza con un nuovo partner

E' possibile impedire al nuovo compagno/a di vivere nella casa coniugale assegnata al coniuge separato?

Casa coniugale e convivenza con un nuovo partner - E' possibile impedire al nuovo compagno/a di vivere nella casa coniugale assegnata al coniuge separato?

Una recente sentenza della Corte di Cassazione, la n. 23786 del 2014, ha ribadito un principio, consolidato anche  nella prevalente  Giurisprudenza di merito, prevedendo che non si possa impedire al coniuge separato di vivere con il nuovo partner nella casa coniugale assegnata dal Giudice.  

 

Ciò consegue all'assenza, nel nostro ordinamento,  di una norma che limiti il  diritto  dell'ex coniuge  ad intraprendere una nuova relazione sentimentale, ove ciò comporti una convivenza nella casa familiare assegnata, anche nel caso sia  di  esclusiva proprietà  dell'altro coniuge.
Pertanto non potrà essere imposto all' ex moglie di non convivere con il nuovo compagno nella casa a lei assegnata in sede di separazione.  

 

Unico ostacolo potrebbe ravvisarsi  in una situazione di disagio per i figli minori,  derivante dalla presenza costante della figura del nuovo compagno all'interno della casa, ma tale  circostanza dovrà essere provata  e valutata dal Giudice a seguito di indagini non sempre facili. 

Diverso discorso è quello relativo al diritto di mantenere l'assegnazione della casa coniugale in caso di instaurazione di una convivenza more uxorio. La Legge 154/2006 che ha introdotto l'affido condiviso, ha infatti previsto,  con l'introduzione dell'art. 155 quater c.c., che il diritto al godimento della casa coniugale cessi in caso di sopravvenuta convivenza more uxorio o in caso di nuovo matrimonio.  

 

E' bene precisare, però, che la suddetta norma è stata interpretata dalla Corte Costituzionale  nel senso della inapplicabilità automatica della decadenza dal diritto di godimento, essendo preminente la valutazione nell'interesse dei figli minori, nel cui interesse è stata disposta l'assegnazione della abitazione  coniugale. 

 

Diversi sono, invece, gli effetti sulla corresponsione di un assegno di mantenimento in favore del coniuge. In questo caso,  una stabile convivenza con un nuovo compagno, comporta il diritto del coniuge obbligato alla corresponsione del mantenimento di vederne ridotta l'entita sino alla sua  completa  eliminazione.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Separazione: mantenimento anche se disoccupato

Anche in caso di disoccupazione il coniuge è obbligato a versare il mantenimento in difetto di prova sulla reale impossibilità ad adempiere

Continua

Il medico di base sbaglia? L'ASL è responsabile

La ASL è responsabile per gli errori del medico convenzionato. Lo dice la Cassazione

Continua

Conto corrente, contestazione del credito

La banca deve provare l`esistenza del credito attraverso la produzione degli estratti conto e dare prova del loro invio al cliente

Continua

Separazione dei coniugi e riconciliazione

Separarsi e poi riconciliarsi ....difficile ma non impossibile per la Cassazione

Continua