Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Responsabilità del medico: facciamo chiarezza

Una sentenza del Tribunale di Milano "sembrerebbe" modificare la natura giuridica della responsabilità del medico

Responsabilità del medico: facciamo chiarezza - Una sentenza del Tribunale di Milano "sembrerebbe" modificare la natura giuridica della responsabilità del medico

Pochi mesi fa alcune testate giornalistiche, riportavano una notizia destinata a cambiare definitivamente il corso del contenzioso civile in materia di malpractice medica

Secondo una recentissima sentenza del Tribunale di Milano, infatti, la colpa del medico deve essere provata dal paziente che ha solo cinque anni per agire e non più dieci. Alla base di una simile “rivoluzione” vi sarebbe la diversa qualificazione giuridica della colpa medica, non più contrattuale ma extracontrattuale in linea con quanto previsto dalla cosiddetta Legge Balduzzi.  

 

Subito fioccavano i primi commenti sensazionalistici: secondo il Presidente OMCEO di Milano, Roberto Carlo Rossi, si deve parlare, addirittura, di “sentenza storica” destinata, tra l’altro, a far “venir meno alcune delle ragioni della cosiddetta medicina difensiva”

Poichè la sentenza in esame ha definito un giudizio introdotto proprio dal mio studio legale, mi sento di dover un po' di chiarezza. 

A mio modo di vedere, lungi dal voler cancellare con un colpo di spugna “un ventennio di giurisprudenza italiana” come ampollosamente riferito da qualche cronista, la pronuncia ha invece il pregio di fare chiarezza sulla portata dell’art 3 della L.189/2012 (Legge Balduzzi) precisando che: 

1) Se un paziente/danneggiato agisce in giudizio nei confronti del solo medico con il quale è venuto in “contatto” presso la struttura sanitaria, senza allegare la conclusione di un contratto, la responsabilità di quel medico andrà ritenuta di natura extracontrattuale, ciò comportando un onere probatorio a carico del paziente ed un lasso temprale per agire ridotto a cinque anni; 

2) Se nel caso suddetto, oltre al medico è convenuta dall’attore anche la struttura sanitaria presso la quale l’autore del fatto illecito (il medico) ha operato, la disciplina andrà distinta (extracontrattuale per il medico e contrattuale per la struttura), con conseguente diverso atteggiarsi dell’onere probatorio e diverso termine di prescrizione del diritto al risarcimento; 

3) Tale diversa qualificazione, nasce dal fatto  che l’articolo in esame – e la Balduzzi in generale – non ha alcuna incidenza sul regime di responsabilità civile della struttura sanitaria (pubblica o privata) che risponderà in via contrattuale nei confronti del danneggiato anche per colpa dei suoi dipendenti o  ausiliari. 

 

Come interpretare, in concreto, la portata di una simile pronuncia? A mio parere in maniera assai semplice: se il cittadino non è in grado di allegare un “contratto” (concetto su cui si dovrà molto discutere in futuro essendo lecito ipotizzare, soprattutto in ambito ambulatoriale, la conclusione di un contratto per  “fatti concludenti”) e/o di dimostrare che il medico non abbia rispettato i protocolli, le linee guida e la buona prassi, meglio che desista dal coinvolgerlo in giudizio e limitare la sua azione, da esperirsi entro dieci anni dal verificarsi del fatto dannoso, alla struttura sanitaria (pubblica o privata è indifferente) al cui interno si è verificato l’evento. 

Spetterà a quest’ultima fornire la prova positiva che i danni patiti dall’attore non siano imputabili all’operato dei suoi dipendenti e/o ausiliari, rispondendo, in difetto, di inadempimento contrattuale  ai sensi dell’art 1228 C.C. 

 

Quindi, lungi dal rappresentare un freno alla cd medicina difensiva, l’illuminata sentenza del Tribunale di Milano ha il pregio di voler riequilibrare un rapporto tra medici e strutture fino ad oggi sproporzionato, veicolando le azioni giudiziarie verso l’accertamento delle responsabilità non già del singolo medico (destinato, per definizione, nell’arco della sua carriera a commettere un errore) ma della struttura sanitaria all’interno della quale – spesso per disfunzioni organizzative – l’errore si è verificato. 

Un simile orientamento dovrebbe condurre ad un’implementazione radicale dei sistemi di prevenzione del rischio, giacchè se gli errori non diminuiranno e le strutture sanitarie italiane (la maggior parte delle quali NON assicurate) saranno le uniche a doverne rispondere, i  cittadini vittime di errate prestazioni mediche rischieranno di trovarsi tra le mani sentenze di condanna perfettamente inutili, stante l’insolvenza cronica di ASL e Aziende Ospedaliere. 

Avv. Francesco Lauri

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Legge sulla responsabilità medica: tutto tace

La necessità di una legge sulla responsabilità professionale è oramai improrogabile. A pagare non sono soli i medici ma anche i cittadini

Continua

Urge una tabella nazionale sulle macropermanenti

C'è bisogno di una legge quadro sulla responsabilità medica. Ma prima, di una tabella unica sulle lesioni macropermanenti

Continua

Infezioni Ospedaliere nel terzo millennio

Ogni anno, in Italia, circa 7000 cittadini restano vittime di infezioni ospedaliere.

Continua