Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Decreti attuativi del Jobs Act e art. 18

Nella recente formulazione dei Decreti attuativi del Jobs Act e dell`art. 18 si palesano profili di incostituzionalità e ingiustizia sociale

Decreti attuativi del Jobs Act e art. 18 - Nella recente formulazione dei Decreti attuativi del Jobs Act e dell`art. 18 si palesano profili di incostituzionalità e ingiustizia sociale

ART. 18 E JOBS ACT: PROFILI DI INCOSTITUZIONALITA' E INGIUSTIZIA SOCIALE 

a cura dell’avv. Ernesto Maria Cirillo 

  

Tra i primi due decreti attuativi dello Jobs Act, approvati durante le recenti festività natalizie, uno ha riguardato la materia dei licenziamenti

Sembrerebbe che la nuova disciplina dei licenziamenti non sia applicabile ai lavoratori già titolari di un contratto a tempo indeterminato presso un’azienda con più di 15 dipendenti, ma soltanto ai lavoratori assunti a tempo indeterminato a decorrere dalla entrata in vigore del decreto ovvero a quei lavoratori a tempo indeterminato di un’impresa che passerà dalla tutela obbligatoria (meno di 15 dipendenti) a quella reale (oltre i 15 dipendenti), successivamente alla entrata in vigore del decreto. 

Si legge, infatti, all’articolo 1 - Campo di applicazione: ”Per i lavoratori che rivestono la qualifica di operai, impiegati o quadri, assunti con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto, il regime di tutela nel caso di licenziamento illegittimo è disciplinato dalle disposizioni di cui al presente decreto. 

Nel caso in cui il datore di lavoro, in conseguenza di assunzioni a tempo indeterminato avvenute successivamente all’entrata in vigore del presente decreto, integri il requisito occupazionale di cui all’articolo 18, ottavo e nono comma, della legge 20 maggio 1970, n. 300, il licenziamento dei lavoratori, anche se assunti precedentemente a tale data, è disciplinato dalle disposizioni del presente decreto”. 

Già solo questa distinzione parrebbe sconfinare nell’incostituzionalità, attesa l’ingiustificata discriminazione tra chi già lavora e chi verrà assunto domani. 

Altro elemento di novità, per i licenziamenti, riguarda il tentativo di questo Legislatore di ridurre al minimo, sino ad eliminarla nei fatti, la possibilità di reintegra del lavoratore licenziato per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo. L’art. 3 recita: “Esclusivamente nelle ipotesi di licenziamento per giustificato motivo soggettivo o per giusta causa in cui sia direttamente dimostrata in giudizio l'insussistenza del fatto materiale contestato al lavoratore, rispetto alla quale resta estranea ogni valutazione circa la sproporzione del licenziamento, il giudice annulla il licenziamento e condanna il datore di lavoro alla reintegrazione del lavoratore nel posto di lavoro e al pagamento di un'indennità risarcitoria…”. 

In base alla nuova norma, soltanto nel caso in cui, in giudizio, venga direttamente dimostrato che il fatto materiale addebitato al lavoratore, tanto grave da giustificarne il licenziamento, in realtà non sussiste, quest’ultimo potrà essere reintegrato, altrimenti avrà diritto solo al pagamento di un'indennità non assoggettata a contribuzione previdenziale di importo pari a due mensilità dell’ultima retribuzione globale di fatto per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a quattro, e non superiore a ventiquattro mensilità. 

La novella all’art. 18 della L 300/70 presenta evidenti sintomi di illegittimità costituzionale e di nodi interpretativi che spetterà a giuslavoristi e alla magistratura del lavoro sciogliere. 

In primis, bisogna chiedersi: Cosa intende il Legislatore quando dice “direttamente dimostrato”? Cosa succede se nel corso del processo si perviene “indirettamente” a dimostrare che il fatto contestato non sussiste? Il lavoratore verrà reintegrato? 

La questione nasce dal fatto che nel nostro ordinamento esistono le prove dirette e quelle indirette, le prime sono idonee a dimostrare immediatamente un fatto senza alcuna operazione logica, viceversa, sono prove indirette, gli indizi. L'operazione logica da operarsi in virtù degli indizi si chiama "presunzione semplice”, si riferisce ad essa l'art. 2727 c.c. disponendo che "le presunzioni sono le conseguenze che il giudice trae da un fatto noto per risalire ad un fatto ignoto" che si aggiungono all'interpretazione degli indizi come presunzioni "gravi, precise e concordanti" ex art. 2729. 

Altro nodo da sciogliere riguarda l’impossibilità per il giudice di una valutazione secondo equità, in ordine alla sproporzione del licenziamento rispetto ad altre sanzioni conservative quali il richiamo, la multa o la sospensione. 

La "proporzionalità" delle sanzioni, infatti, è un principio direttamente desumibile dall’art. 2106 c.c. per cui l’applicazione delle sanzioni disciplinari deve avvenire "secondo la gravità dellinfrazione”. 

Volendo applicare letteralmente la norma appena approvata, sembrerebbe non aver diritto alla reintegra, per fare un esempio, il lavoratore cui verrà contestato il ritardo sul luogo di lavoro anche di solo 1 minuto. Infatti, sebbene la sanzione sia evidentemente sproporzionata rispetto all’addebito, il giudice non potrà applicare il principio, costituzionalmente orientato, dell’ equità e proporzione, ma, accertato il ritardo, potrà, al massimo, condannare il datore di lavoro al pagamento dell’indennità. 

In tal modo, però, la sanzione risulterà arbitraria e irragionevole, da qui il dubbio di incostituzionalità della norma in commento. 

Parlare di ragionevolezza e di proporzionalità equivale a volersi sostituire al lavoro quotidiano della Corte Costituzionale. I giudizi di ragionevolezza e proporzionalità, infatti, attraversano – esplicitamente o implicitamente – un grande numero di questioni che spetta esclusivamente all’esame della Corte, nell’esercizio della sua funzione. 

Ancora, la norma in esame, sembrerebbe ignorare come, almeno nei licenziamenti per giusta causa, il fatto materiale imputabile di per sé, non giustifica il recesso, ma va analizzato ed interpretato alla luce di criteri soggettivi ed oggettivi che devono accertare l’irrimediabile frattura del vincolo fiduciario tra lavoratore e datore.  

In particolare, come ha recentemente ricordato la Suprema Corte di Cassazione (s.n. 1459/2011), ai fini della valutazione della legittimità  del licenziamento per giusta causa, e’ necessario accertare se, in relazione alla qualità  del singolo rapporto intercorso fra le parti, ed alla qualità ed al grado di fiducia che il rapporto comporta, la specifica mancanza risulti oggettivamente e soggettivamente idonea a ledere in modo grave, così da far venir meno, la fiducia che il datore ripone nel proprio dipendente, senza che possa assumere rilievo l'assenza o la modesta entità  del danno patrimoniale subito dal datore. 

L'irrogazione della massima sanzione disciplinare risulta giustificata solamente in presenza di un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali, ovvero di un comportamento tale che non consenta la prosecuzione del rapporto di lavoro. 

Altro importante dubbio riguarda il caso in cui la condotta contestata al lavoratore non rientri tra quelle per le quali il CCNL di categoria prevede il licenziamento, bensì una sanzione conservativa. In tal caso, sembrerebbe chiaro che il lavoratore andrebbe, pur in presenza del fatto contestato, reintegrato. 

La c.d. Legge Fornero stabilisce che, qualora il fatto contestato e posto alla base del licenziamento sussiste, ma il CCNL di categoria prevede sanzioni di tipo conservativo, il datore di lavoro deve reintegrare il dipendente. 

L’ultimo forte presentimento, o quasi certezza, è che lo Jobs Act rappresenti l’ennesimo, inutile, sacrificio che i lavoratori saranno costretti a pagare per colpa dell’incompetenza e della presunzione della nostra politica. 

  

Napoli, 03 gennaio 2015 

 

Avv. Ernesto Maria Cirillo

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il percorso casa-cliente è orario di lavoro

Corte di Giustizia Europea: il tragitto da casa al primo cliente e viceversa costituisce orario di lavoro

Continua

Nuova ASPI

Nuova ASPI: Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Il requisito lavorativo, durata, misura, etc per accedere alla fruizione

Continua

Responsabilità civile dei magistrati

Responsabilità civile dei magistrati: il Tribunale di Verona solleva vari profili di incostituzionalità

Continua

Mobbing e risarcimento

Mobbing e risarcimento: presupposti, danno patrimoniale e non patrimoniale; danno professionale.

Continua

Diritti indisponibili

I diritti indisponibili non sono modificabili attraverso un accordo sindacale di prossimità

Continua

Requisiti d’individuazione lavoratore notturnista

Requisiti utili all’individuazione del lavoratore notturno; definizione del lavoratore notturno, interpretazione del Ccnl telecomunicazioni

Continua

Jobs Act: art. 10 e licenziamenti collettivi

Le novità introdotte rischiano di diventare uno strumento espulsivo nelle mani dell`arbitrio del datore di lavoro

Continua

Lavoratori bancari a rischio

Attenzione alle esternalizzazioni e alle deroghe al CCNL del Credito

Continua

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario: la Cassazione da ragione ai lavoratori

Continua

Concetto giuridico di articolazione d'azienda

Sul concetto giuridico di articolazione di azienda – art. 2112 comma 5: divieto di cessione di singole attività/uffici

Continua

Contratti a termine

Contratti a termine illegittimi e reintegra: spetta al lavoratore l'anzianità di servizio per l'intero periodo lavorato. Sentenza n. 262 del 12/1/15

Continua

Diritto all'Oblio

Diritto degli utenti internet alla cancellazione delle ricerche effettuate tramite i motori di ricerca

Continua

Cessione di ramo d`azienda: preesistenza del ramo

Una recente sentenza del Tribunale di Napoli applicando i principi di preesistenza invalida una cessione di IT OPERATION

Continua

Aliunde perceptum dei trattamenti previdenziali

Licenziamento illegittimo: le somme percepite a titolo di indennità previdenziale, non sono da detrarre al danno per le retribuzioni non percepite

Continua

Il nuovo Job Act: quale riforma?

Dopo lo svuotamento dell’articolo 18, la nuova proposta della Job Act, che solo in parte risulta innovativa rispetto alla vigente legislazione

Continua

Demansionamento e Quantificazione del danno

L'assegnazione a funzioni di pari livello non significa non demansionare perché occorre salvaguardare il patrimonio professionale del dipendente

Continua

Interposizione di manodopera

Per la Cassazione è vietata quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa

Continua

Job Act

Analisi e conseguenze del D.L. 34 del 20 marzo 2014 sui contratti a tempo determinato e a tempo indeterminato

Continua

Interposizione fittizia di manodopera: licenziamento

Nel caso di interposizione fittizia di manodopera ci si pone la domanda su quali siano i termini per impugnare un licenziamento

Continua

Assorbimento del superminimo

Non è praticabile per il tribunale di Napoli la riduzione della retribuzione attraverso l'assorbimento del superminimo

Continua

Cessioni ramo d’azienda art 2112

Influenza nella giurisprudenza Italiana della sentenza della Corte di Giustizia Europea in tema di cessione di ramo d’azienda (6.3.14 causa C 458/12)

Continua