Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

L'ipoteca

I diversi tipi di ipoteca

L'ipoteca - I diversi tipi di ipoteca

L'ipoteca attribuisce al creditore il diritto di espropriare un bene immobile vincolato a garanzia del suo credito e di essere soddisfatto con preferenza sul prezzo ricavato dall'espropriazione (art. 2808 c.c.). 

 

I diversi tipi di ipoteca 

Legale: 

quando il titolo per l'accensione è dato direttamente dalla legge (art. 2817 c.c.); solo a titolo di esempio si può far riferimento all'ipoteca legale a favore del venditore sull'immobile venduto, quale garanzia dell'adempimento degli obblighi relativi alla vendita da parte dell'acquirente, come il pagamento del prezzo; 

Giudiziale: 

quando il titolo per l'accensione è una condanna al pagamento di una somma o all'adempimento di una obbligazione o al risarcimento di danni (art. 2818 c.c.); si tenga conto che è titolo sufficiente per l'accensione dell'ipoteca legale anche il decreto ingiuntivo dichiarato esecutivo o divenuto esecutivo, nonché il lodo arbitrale reso esecutivo; 

Volontaria: 

quando il titolo è costituito da contratto (o da atto unilaterale) fatto per atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata o accertata giudizialmente (artt. 2821 e 2835 c.c.). 

 

L'iscrizione dell'ipoteca 

L'ipoteca si costituisce mediante l'iscrizione nei registri immobiliari (art. 2808 c.c.); per iscrivere l'ipoteca si deve presentare il titolo costitutivo con una nota d'iscrizione, in duplice copia, al Conservatore dei Registri Immobiliari del luogo in cui si trova l'immobile; il Conservatore restituirà una delle note indicando la data e il numero d'ordine dell'iscrizione che rappresenterà, poi, il grado dell'iscrizione dell'ipoteca. Come è noto, possono iscriversi anche più ipoteche sullo stesso bene e l'ipoteca prende il grado dal momento dell'iscrizione. 

 

La surroga ipotecaria e la postergazione dell'ipoteca 

Ogni creditore, anche chirografario, può sostituirsi al creditore ipotecario di grado superiore pagando il credito. 

Un caso particolare di surroga è quella c.d. del "creditore perdente" regolata dall'art. 2856 c.c.: "Il creditore che ha ipoteca sopra uno o più immobili, qualora si trovi perdente perché sul loro prezzo si sia in tutto o in parte soddisfatto un creditore anteriore, la cui ipoteca si estendeva ad altri beni dello stesso debitore, può surrogarsi nell'ipoteca iscritta a favore del creditore soddisfatto, al fine di esercitare l'azione ipotecaria su questi altri beni con preferenza rispetto ai creditori posteriori alla propria iscrizione". 

Tra i creditori ipotecari si può anche effettuare la postergazione dell'ipoteca cioè scambiare il proprio grado; sia le surroghe, come sopra indicate, che le postergazioni debbono essere annotate in margine all'iscrizione d'ipoteca; tale annotazione ha effetto costitutivo. 

 

La rinuncia dell'ipoteca 

Il creditore può rinunciare all'ipoteca, ma deve farlo con atto scritto a pena di nullità. La rinuncia non ha effetto di fronte ai terzi che hanno acquistato il diritto all'ipoteca medesima ed eseguita l'annotazione prima della cancellazione. 

In ogni caso, se un creditore ha l'ipoteca su vari immobili, non può rinunciare alla sua ipoteca se ciò favorisce un creditore o un terzo, a danno di un altro creditore iscritto o di un acquirente che abbia un'ipoteca iscritta o un titolo trascritto anteriore; se il creditore intende, in ogni caso, rinunciare, il medesimo è responsabile dei danni che con la sua rinuncia abbia eventualmente causato, a meno che non vi siano giusti motivi. 

 

Il rinnovo e la prescrizione dell'ipoteca 

Il diritto di ipoteca è imprescrittibile, mentre l'effetto dell'iscrizione è limitato a 20 anni; l'iscrizione si può rinnovare prima che il termine scada; con la rinnovazione viene protratto per ulteriori 20 anni dalla data del rinnovo l'effetto dell'iscrizione ipotecaria. 

Per il rinnovo dell'ipoteca bisogna presentare una nota in doppio originale conforme a quella precedente in cui si dichiari che si intende rinnovare l'iscrizione. 

Se il creditore non rinnova l'iscrizione entro il termine di prescrizione e il debito non è estinto si può procedere con una nuova iscrizione; attenzione però, perché il rinnovo tardivo non può essere fatto contro il terzo acquirente dell'immobile ipotecato che ha trascritto il suo titolo di acquisto prima del rinnovo dell'ipoteca. 

Riguardo ai beni acquistati da terzi, l'ipoteca si prescrive, indipendentemente dal credito garantito, con il decorso di 20 anni dalla trascrizione del titolo di acquisto; in tal caso, si parla di ipoteca "perenta" che talune Conservatorie non cancellano nemmeno, perché asseriscono "non si può cancellare ciò che non esiste". 

 

Effetti dell'ipoteca sul terzo acquirente 

Il terzo acquirente di beni ipotecati che ha trascritto il suo titolo di acquisto e non è personalmente obbligato può: 

1) pagare integralmente i creditori iscritti con diritto di regresso nei confronti del debitore e diritto di subingresso in eventuali ipoteche a favore del creditore soddisfatto costituite su altri beni del debitore; 

2) in alternativa, può rilasciare i beni, se i debiti da pagare sono superiori al valore del bene; 

3) oppure, se vuole avere il bene libero dalle ipoteche, può promuovere la procedura per la purgazione delle ipoteche medesime. 

Se il terzo non compie alcuno di questi atti, il creditore del venditore con ipoteca sul bene alienato, può iniziare o proseguire l'espropriazione secondo le forme prescritte dalla legge. 

 

L'estinzione dell'ipoteca 

L'ipoteca si estingue per 

1) estinzione dell'obbligazione; 

2) perimento del bene ipotecato; 

3) rinunzia del creditore; 

4) scadenza del termine; 

5) avvenuto provvedimento di esproprio che ordina la cancellazione delle ipoteche; 

6) mancato rinnovo; 

7) cancellazione; 

Si può, pertanto, avere una ipoteca estinta, ma non cancellata, c.d. "ipoteca apparente". L'immobile è sicuramente libero solo dopo la cancellazione dell'ipoteca o passati 20 anni dall'iscrizione, senza rinnovo. 

 

Cancellazione dell'iscrizione dell'ipoteca 

Per la cancellazione dell'iscrizione è necessaria la domanda della parte per atto pubblico o scrittura autenticata o accertata giudizialmente, contenente l'assenso del creditore, corredata dal titolo o una sentenza passata in giudicato o altro provvedimento definitivo emesso dalla Autorità competenti come, ad es. il decreto di trasferimento o l'ordinanza di chiusura della procedura di purgazione. Debbono considerarsi come interessati all'iscrizione ipotecaria di cui si chiede la cancellazione solo coloro che figurano nelle annotazioni e non altri; occorre anche il consenso dell'originario creditore, se ciò risulta dal titolo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
3 Commenti

Giovanna Vanni

11/06/2014 00:07

Volendo estiguere l'ipoteca su un immobile ereditato ,il creditore quanto tempo puo' fare passare per rispondere e redimere la questione? .Ringraziandola per la risposta ,Cordiali saluti
Giovanna Vanni

Rispondi

In risposta al commento di Giovanna Vanni

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Mario Barabbino

30/09/2014 15:40

SE IL TERMINE VENNTENNALE SCADE IN GIORNO FESTIVO SLITTA AUTOMATICAMENTE AL GIORNO SUCCESSIVO?

Rispondi

In risposta al commento di Mario Barabbino

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

Enrico Schiada'

05/11/2014 10:55

Buon giorno, sono un privato che ha venduto un immobile facendo scrivere ipoteca, ma purtroppo il debitore
non è corretto, e salta delle rate quando vuole senza preoccuparsi di reintegrale,vorrei sapere gentiulmente se posso agire in qualche modo per rientrare in possesso delle suddette, oppure come fare per iniziare una procedure per rientrare in possesso del mio credito, o rientrare in possesso dell'immobile, premettendo che il
tuuto risale a 4 anni fa, e la fine del pagamento e stato fatto per 20 anni. Le sarei grato se mi rispondesse. La sauto cordialmente, schiada enrico.

Rispondi

In risposta al commento di Enrico Schiada'

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Figli non riconosciuti e risarcimento del danno

Accertata giudizialmente la paternità, il Giudice obbliga il padre a risarcire i danni da “vuoto emotivo, relazionale e sociale” Cass 26205, 22.11.13

Continua

Revoca per Ingratitudine della Donazione

Presupposti e Termine di Decadenza, Cassazione 08.11.2013, n. 25248

Continua

Le leggi sul Bed and Breakfast. Come aprire un B&B

Legge 29 marzo 2001, n. 135 "Riforma della legislazione nazionale del turismo" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 92 del 20 aprile 2001.

Continua

AAA Casa vacanze affitasi

Le case vacanza e gli appartamenti ad affitto turistico, in forma imprenditoriale e non.

Continua