Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Il coordinamento tra gli artt. 183 e 183 bis cpc

Questioni procedurali, le possibili insidie

Il coordinamento tra gli artt. 183 e 183 bis cpc - Questioni procedurali, le possibili insidie

Il Decreto Legge 12 settembre 2014 n. 132, convertito in Legge n. 162, del 10 novembre 2014, pubblicato in pari data sulla Gazzetta Ufficiale, con l’art. 14 ha introdotto il seguente articolo: «183-bis (Passaggio dal rito ordinario al rito sommario di cognizione). - Nelle cause in cui il tribunale giudica in composizione monocratica, il giudice nell'udienza di trattazione, valutata la complessità della lite e dell'istruzione probatoria, può disporre, previo contraddittorio anche mediante trattazione scritta, con ordinanza non impugnabile, che si proceda a norma dell'articolo 702-ter e invita le parti ad indicare, a pena di decadenza, nella stessa udienza i mezzi di prova, ivi compresi i documenti, di cui intendono avvalersi e la relativa prova contraria. Se richiesto, può fissare una nuova udienza e termine perentorio non superiore a quindici giorni per l'indicazione dei mezzi di prova e produzioni documentali e termine perentorio di ulteriori dieci giorni per le sole indicazioni di prova contraria. 

 

2. La disposizione di cui al comma 1 si applica ai procedimenti introdotti a decorrere dal trentesimo giorno successivo all'entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.»

 

Il menzionato art. 183 bis dispone, pertanto, che per i procedimenti “introdotti” e, quindi, iscritti a ruolo dopo il 10 dicembre 2014, su decisione del giudice istruttore, è possibile il passaggio dal rito ordinario a quello cd. sommario di cognizione, ex art. 702 bis c.p.c. 

 

Il precedente art. 183, al sesto comma, dispone invece che: «Se richiesto, il giudice concede alle parti i seguenti termini perentori: 1) un termine di ulteriori trenta giorni per il deposito di memorie limitate alle sole precisazioni o modificazioni delle domande, delle eccezioni e delle conclusioni già proposte; 

 

 2) un termine di ulteriori trenta giorni per replicare alle domande ed eccezioni nuove, o modificate dall'altra parte, per proporre le eccezioni che sono conseguenza delle domande e delle eccezioni medesime e per l'indicazione dei mezzi di prova e produzioni documentali; 

 

 3) un termine di ulteriori venti giorni per le sole indicazioni di prova contraria.»

 

Nessun dubbio che, fino al 10 dicembre p.v., il giudice istruttore all’udienza di comparizione delle parti e trattazione della causa in presenza di una richiesta di termini ex art. 183, VI co., avrà l’obbligo di concedere i termini perentori di cui al suddetto articolo, salvo non ritenga la causa matura per la decisione e, quindi, procedere ai sensi dell’art. 187 c.p.c.. 

 

Ciò si traduce nella possibilità per l’avvocato di articolare i mezzi istruttori, anche alla luce delle avverse difese, negli atti successivi all’introduzione del giudizio (I, II e III memoria istruttoria) senza necessità di "scoprire le carte subito”, potendo tranquillamente scegliere di non indicare i propri mezzi di prova nell’atto di citazione che, generalmente, introduce il giudizio di cognizione ordinaria. 

 

Con l’introduzione del nuovo art. 183 bis c.p.c. la mancata indicazione dei mezzi di prova nell’atto introduttivo del giudizio comporterà non pochi rischi

 

Ed invero potrebbe accadere che il giudice istruttore, nelle cause in cui il Tribunale giudica in composizione monocratica, valutata la complessità della lite e dell’istruzione probatoria - la norma, per avere un senso, presupporrebbe che il giudice istruttore conosca la causa (e abbia letto l’intero fascicolo) già alla prima udienza - potrebbe disporre con ordinanza, si badi bene, non impugnabile, il passaggio al rito sommario di cognizione (ex art. 702 bis) e, pertanto, invitare le parti - qualora non lo avessero già fatto nell’atto introduttivo del giudizio - ad indicare, a pena di decadenza, i mezzi di prova e a produrre i documenti di cui intendono avvalersi già nella medesima udienza. 

 

E’ pur vero che, se richiesto, il giudice può fissare una nuova udienza e concedere termine perentorio non superiore a quindici giorni per l'indicazione dei mezzi di prova e produzioni documentali e termine perentorio di ulteriori dieci giorni per le sole indicazioni di prova contraria, ma è altrettanto vero che l’uso del verbo “può”, nel suo significato letterale, sta ad indicare una mera facoltà del giudice e non certo un obbligo, di talché il chiesto termine potrebbe anche essere negato, con tutte le probabili nefaste conseguenze in termini di onere probatorio. 

 

Pertanto, con decorrenza 11 dicembre 2014, è consigliabile articolare tutti i mezzi di prova e produrre tutta la documentazione a supporto sin dall’atto introduttivo del giudizio ovvero “presentarsi” alla prima udienza di comparizione e trattazione della causa già “preparati”, avendo già contezza delle circostanze e deduzioni istruttorie da proporre nonché del nominativo dei testimoni eventualmente da indicare, senza poter fare ciecamente affidamento sui termini di cui all’art. 183, VI comma, c.p.c., ben potendo il giudice istruttore obbligarvi, valutata la complessità della lite (sommariamente aggiungerei), ad indicare immediatamente i mezzi di prova alla prima udienza.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'accordo transattivo dell’assemblea condominiale.

La transazione non può impedire al condomino la tutela in giudizio del proprio diritto di proprietà.

Continua

Insidia stradale e concorso di colpa

L'imprescindibile rilevanza del comportamento colposo del danneggiato: la sentenza della Suprema Corte n. 15859 del 28.07.2015

Continua

I debiti contratti dal condominio

Sapere per difendersi meglio. Condomini morosi: obblighi dell’amministratore, la solidarietà passiva e il principio di parziarietà

Continua

Incidenti e coordinamento con la negoziazione

Il risarcimento danni da sinistro stradale e il coordinamento con la negoziazione assistita obbligatoria. Gli aspetti pratici dell’invito alla negoziazione

Continua

Danno da fermo tecnico per incidente stradale

Il contrasto giurisprudenziale: il danno è o non è in re ipsa?

Continua

Il condomino “sporcaccione” o “prepotente”

La condanna penale e l’azione civile per il risarcimento dei danni

Continua

L'amministratore di condominio privo dei requisiti

Quando l'assemblea nomina un amministratore di condominio privo delle qualità e dei requisiti necessari. Cosa fare e come tutelarsi?

Continua

Il risarcimento danni da sinistro stradale

Il coordinamento con la negoziazione assistita obbligatoria. Gli aspetti pratici dell’invito alla negoziazione

Continua

Riforma del lavoro, cosa cambia?

Gli interrogativi sulle nuove assunzioni e le regole in caso di licenziamento previste dal “Jobs Act”

Continua

Il risarcimento danni da sinistro stradale

Dall’identificazione dei testimoni al risarcimento del danno non patrimoniale. Le modifiche al Codice delle Assicurazioni

Continua

Il trasferimento del dirigente sindacale.

La necessità del nulla osta dell’organizzazione sindacale di riferimento e le ipotesi di condotta antisindacale.

Continua

Il risarcimento danni da sinistro stradale

La risarcibilità delle lesioni solo se accertate strumentalmente

Continua

In bicicletta ubriaco: è guida in stato di ebbrezza

La Corte di Cassazione ribadisce il proprio orientamento

Continua

La nullità dell’atto di citazione

L'omissione o assoluta incertezza del petitum. La Suprema Corte chiarisce quando ricorrono i presupposti

Continua

Pignoramento presso terzi

Debitore residente all’estero e terzo residente in Italia. Quid iuris per la competenza territoriale?

Continua

Pignoramento presso terzi

Debitore residente o con sede all’estero. La competenza territoriale.

Continua

La tutela del credito

Gli atti di disposizione del patrimonio del debitore e le "contromisure" del creditore: l’azione revocatoria ordinaria

Continua

Mai più precari

La Corte di Giustizia Europea e il Tribunale di Napoli dichiarano l’illegittimità dei reiterati contratti a tempo determinato.

Continua

La mediazione e la negoziazione assistita.

I casi di obbligatorietà e gli aspetti procedurali.

Continua

Apprendistato

Le novità contenute nel “Jobs Act”: disciplina, campo di applicazione, risoluzione e regime sanzionatorio

Continua

Separazione e divorzio

Le novità introdotte dal DL 132/2014: la negoziazione assistita dagli avvocati e l’accordo dinnanzi all’ufficiale dello stato civile

Continua

I rapporti tra amministratore e condomini

L’analisi dei requisiti per la nomina, la revoca o le dimissioni. Dubbi interpretativi e approfondimenti

Continua

La ricerca telematica dei beni da pignorare

La procedura da seguire e i profili sistematici

Continua

Il pignoramento dei crediti presso terzi

Le novità introdotte dalla riforma. Possibili criticità ed eventuali rimedi

Continua