Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

La pratica collaborativa: uniti per separarsi

Il paradosso della pratica collaborativa: tutti uniti per separarsi, una procedura che minimizza l'impatto del conflitto sui figli e sulla coppia

La pratica collaborativa: uniti per separarsi - Il paradosso della pratica collaborativa: tutti uniti per separarsi, una procedura che minimizza l'impatto del conflitto sui figli e sulla coppia

La pratica collaborativa rappresenta un modo nuovo di separarsi e, più in generale, di risolvere le controversie familiari. E' una sorta di mediazione interdisciplinare o strutturata in cui le parti danno vita ad negoziazione basata sugli interessi e non tanto sui diritti o sulle posizioni.
Ha come obiettivo primario quello di salvaguardare il mantenimento di buone relazioni fra i componenti del nucleo familiare, anche dopo la separazione, non solo nell'interesse dei figli ma anche per riorganizzare in maniera positiva la vita post separazione della ex coppia coniugale, una riorganizzazione siffatta migliorerà senza dubbio la qualità della vita di tutti.
Il fine è quello di trovare accordi congiunti e soddisfacenti per entrambi che dunque saranno in grado di relazionarsi positivamente anche in futuro.
La pratica collaborativa parte da presupposti teorici decisamente nuovi rispetto al tradizionale modo di concepire una separazione da parte dell’ordinamento giuridico italiano.

Non è possibile, infatti, pensare alla separazione solo in termini meramente giuridici, il problema è ben più complesso, in quanto l'evento agisce direttamente a 360 gradi sul modo di vivere di tutta la famiglia, toccando vari aspetti dove paradossalmente quello giuridico è forse il minore: pensiamo, infatti, agli aspetti psicologici, finanziari, relazionali e di riorganizzazione del propria vita.

Al fine di contenere gli effetti negativi della separazione, la pratica collaborativa ricerca una soluzione alle questioni conseguenti all'evento che non sia quella della contrapposizione propria della separazione giudiziale ovvero vincitore e vinto, logica non funzionale al benessere di adulti e figli perché entrambe le parti devono sentirsi soddisfatte del risultato raggiunto.
Nella decisione della vita futura propria e dei suoi figli, il cliente non deve demandare le decisioni sulla sua vita nè all'avvocato nè al giudice, ma deve rimanere il vero protagonista, e per fa ciò egli deve essere messo nella condizione di effettuare le scelte migliori anche in un momento di maggior fragilità come é, quasi sempre, quello della separazione.
Questi sono i presupposti teorici della pratica collaborativa, ovvero una tecnica che si propone il raggiungimento dei predetti obiettivi attraverso un lavoro di squadra, squadra composta necessariamente dalle due parti e dai rispettivi avvocati (uno per ciascuna parte) ed eventualmente anche da altri professionisti, professionisti esperti in ogni questione proprio della separazione: commercialista per gli aspetti finanziari, facilitatore della comunicazione per gli aspetti più propriamente psicologici e relazionali.
A tutti i professionisti del team é richiesta la formazione nella pratica collaborativa.
La pratica collaborativa è quindi è un percorso non contenzioso volto ad ottenere la risoluzione di una controversia familiare (separazione, divorzio, affidamento dei figli nati fuori dal matrimonio) in modo efficiente e con il minor danno finanziario ed emotivo possibile, garantendo al contempo un accordo che risolva sia gli interessi comuni sia quelli individuali  

 

Alla base della Pratica collaborativa deve esserci la massima trasparenza tra le parti e la buona fede affichŔ possa avere successo, niente deve essere tenuto nascosto, dalla eventuale presenza di fondi neri al tradimento del partner. Si espongono perplessità, problemi, timori, ansie, desideri. Si prova a costruire insieme il destino di ciascuno, senza lasciare che sia il giudice a deciderlo. E, anche, con la volontà di non litigare, ma di mettere al centro la buona qualità delle relazioni, presenti e future.
Gli avvocati, ben consapevoli del costo psicologico del conflitto, si adoperano per far sì che ricevano tutela non le posizioni, ma gli interessi dei loro assistiti.
La pratica collaborativa, riducendo i tempi della negoziazione, consente anche di contenere i costi rispetto ai percorsi tradizionali
Questa nuovo approccio consente alle parti di non rimanere invischiate nel conflitto ma, con l’aiuto dell’intera squadra a propria disposizione, di superarlo, di acquisire consapevolezza non già rispetto a quello che vogliono, ma rispetto al perché lo vogliono. E’ così che raggiungeranno un accordo che consentirà loro di avere lo sguardo rivolto al futuro non già al passato.

L’esercizio della pratica collaborativa comporta un cambiamento culturale ed un approccio decisamente innovativo: i professionisti lavorano “insieme”, senza riserve mentali di sorta, per aiutare i loro assistiti a trovare un accordo che poggi su solide basi e che sia, quindi, duraturo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

La morosità incolpevole nella locazione

Guida pratica su cosa fare nei casi della cosiddetta morosità incolpevole per evitare lo sfratto per morosità

Continua

Inquilino moroso? Ecco cosa fare

Gli strumenti a disposizione del proprietario di un immobile locato quando l'inquilino non paga più il canone di locazione .

Continua

Le Unioni civili: un pasticcio tutto italiano

La nuova legge sulle unioni civili se da un parte tutela i diritti delle coppie omosessuali, dall'altra non risolve appieno la discriminazione

Continua

Novità riguardo l' assegno di mantenimento

Al fine di determinare l'assegno di mantenimento dei figli anche maggiorenni ,si deve tenere conto dei debiti dei coniugi.

Continua

La mediazione trasformativa

Il lato umanistico del conflitto giuridico.Distinzione metodologica con l'intervento in mediazione diretto al problem solving.

Continua

Il sovraindebitamento dei privati, uscirne si può

La L n 3/2013 ha introdotto una procedura per facilitare il risanamento dei debiti da parte dei privati, di che cosa si tratta?

Continua

Bambini, privacy e Facebook

Ecco perché è altamente sconsigliato pubblicare foto di bambini piccoli su Facebook

Continua

La pratica collaborativa, che cosa è?

Una serie di domande e risposte per conoscere la Pratica collaborativa. Capire che esiste un altro modo per risolvere le controversie familiari.

Continua

Mantenimento dei figli: cosa dice la legge

Spese ordinarie e spese straordinarie, in mancanza di un preciso riferimento normativo la Suprema Corte tenta di fare un po' di chiarezza

Continua

Come proteggere i figli durante la separazione

Piccoli consigli su come rendere la separazione meno traumatica per i minori, una guida su come i genitori si dovrebbero comportare.

Continua

La convenzione di negoziazione nella separazione

A tre mesi dall'entrata in vigore della negoziazione assistita, le prime riflessioni sull'utilità della firma della convenzione e sul suo valore

Continua

Mediatore familiare: né avvocato né psicologo

Qual è il ruolo del mediatore familiare nel procedimento di separazione e di divorzio? Una figura professionale che ad oggi ancora non è conosciuta

Continua

La mediazione familiare reclama il suo spazio

La Mediazione, il migliore strumento per la risoluzione extra giudiziale delle controversie familiari, ancora una volta snobbata dal legislatore

Continua