Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Autotrasporti & Responsabilità solidale

Una nuova forma di responsabilità solidale entra nel settore dell’autotrasporto, peraltro estesa anche alle sanzioni del codice della strada

Autotrasporti & Responsabilità solidale - Una nuova forma di responsabilità solidale entra nel settore dell’autotrasporto, peraltro estesa anche alle sanzioni del codice della strada

La richiesta di regolarità del vettore
All'atto della conclusione del contratto, il vettore è tenuto a fornire al committente un'attestazione rilasciata dagli enti previdenziali, di data non anteriore a tre mesi, dalla quale risulti che l'azienda è in regola ai fini del versamento dei contributi assicurativi e previdenziali. Sarà quindi necessario, dal 1° gennaio 2015, richiedere al vettore copia del Durc in corso di validità

La richiesta di regolarità del vettore sarà tuttavia presto destinata a sparire: è infatti prevista, entro 6 mesi, l’adozione di una specifica delibera da parte del presidente del Comitato centrale per l'albo nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano l'autotrasporto di cose per conto di terzi, grazie alla quale la verifica sulla regolarità del vettore potrà essere assolta dal committente mediante accesso ad apposita sezione del portale internet attivato proprio dal Comitato centrale. 

Le responsabilità solidale

Nel caso in cui invece il committente non verifichi la regolarità del vettore
in merito al versamento dei contributi previdenziali e assicurativi, scatta, in capo allo stesso, la responsabilità solidale per il pagamento non solo delle retribuzioni, ma in alcuni casi anche degli oneri fiscali e delle sanzioni del codice della strada. 

A fare la differenza sarà la forma del contratto di trasporto

Se il contratto, infatti, è in forma scritta il committente che non effettua le verifiche deve ritenersi obbligato in solido con il vettore, nonché con ciascuno degli eventuali sub-vettori, entro il limite di un anno dalla cessazione del contratto di trasporto, a corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, nonché i contributi previdenziali e i premi assicurativi agli enti competenti, dovuti limitatamente alle prestazioni ricevute nel corso della durata del contratto di trasporto, restando escluso qualsiasi obbligo per le sanzioni amministrative di cui risponde solo il responsabile dell'inadempimento. 
Il committente che ha eseguito il pagamento può esercitare l'azione di regresso nei confronti del coobbligato secondo le regole generali. 

Invece, qualora il contratto di trasporto sia stipulato in forma non scritta, il committente che non esegue la verifica, oltre a dover corrispondere ai lavoratori i trattamenti retributivi, i contributi previdenziali e i premi assicurativi agli enti competenti, si assume anche gli oneri relativi all'inadempimento degli obblighi fiscali e alle violazioni del codice della strada commesse nell'espletamento del servizio di trasporto per suo conto eseguito. 
 

Il rapporto tra vettore e sub-vettore
Sempre in virtù delle novità introdotte con la Legge di stabilità 2015 il vettore incaricato della prestazione di un servizio di trasporto può avvalersi di sub-vettori nel caso in cui le parti concordino, alla stipulazione del contratto o nel corso dell'esecuzione dello stesso, di ricorrere alla sub-vettura. 
Si badi bene, però: nel caso in cui il vettore si affidi a un sub-vettore senza il consenso del committente, il contratto può essere risolto per inadempimento, fatto salvo il pagamento del compenso pattuito per le prestazioni già eseguite. 

In ogni caso, il sub-vettore non può a sua volta affidare ad altro vettore lo svolgimento della prestazione di trasporto. In caso di violazione di tale divieto il relativo contratto è nullo e il sub-vettore successivo al primo ha diritto a percepire il compenso già previsto per il primo sub-vettore. Viene così limitato lo sfruttamento dei padroncini. 

Anche nel caso in cui il vettore si affidi ad un sub-vettore (con il consenso del committente), è prevista la responsabilità solidale se non è acquisito il Durc, attestante la regolarità previdenziale e assicurativa del sub-vettore. 

 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Possibilità di rateazione per lo scaduto Equitalia

La rateazione è possibile per tutte le cartelle scadute a dicembre 2014

Continua

Assemblea di bilancio in seconda convocazione

Analisi delle criticità

Continua

Fondo di Garanzia per le PMI

Microcredito: pubblicato il decreto che modifica le modalita' di accesso all'intervento del Fondo di Garanzia per le PMI

Continua

Autotrasportatori, credito imposta per le accise gasolio

Le rettifiche alle istruzioni di compilazione del modello F24 in caso di utilizzo del credito d'imposta per le accise sul gasolio

Continua

L’iscrizione del fondo svalutazione crediti

L’attuale schema di bilancio CEE non contempla l’evidenza, tra i fondi del passivo, di quello relativo alla svalutazione dei crediti.

Continua

Cambiare la composizione del debito finanziario

Il responsabile della finanza in un’impresa, non importa se di grandi o di piccole e medie dimensioni, abbia a cuore la struttura del debito

Continua

Partite IVA: presenza online e incidenza sul fatturato

Lo studio di Fattura24 sul provincialismo delle partite IVA Italiane: scarsa la presenza sul web e chi c'è non sfrutta le potenzialità

Continua

Bilancio: riserve disponibili non sempre distribuibili

C’è una fondamentale distinzione con riferimento alle riserve: quella che esiste tra le riserve di utili e le riserve di capitale

Continua

Immobilizzazioni “stravolte” dai nuovi OIC 16

Possiamo tranquillamente ritenere che il principio che è stato letteralmente “stravolto” dall’opera di riforma sia il numero 16

Continua

Fattura: IVA Split Payment con la Pubblica Amministrazione

Modalità di contabilizzazione per le operazioni soggette a inversione contabile. Recenti chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Continua

La nuova moratoria di mutui e finanziamenti alle Pmi

La c.d. Legge di Stabilità 2015 ha previsto (Art. 1, comma 246) una nuova moratoria dei mutui e dei finanziamenti accordati alle famiglie ed alle PMI

Continua

Bilanci: obbligo Xbrl solo se approvati dal 3 marzo

Il Ministero dello Sviluppo Economico conferma la soluzione data dall'Associazione Xbrl Italia: Xbrl solo se approvazione dal 3 Marzo in poi

Continua

P.V.C. e processo penale – Onere della prova

Con la sentenza n. 4919 del 03.02.2015 la Cassazione, Sezione Terza Penale, è tornata ad occuparsi di Pvc e di processo penale tributario

Continua

Piano di Risanamento attestato ex art 67 l.f

Dal 13 Dicembre 2014 è stata introdotta una grandissima novità per quello che riguarda la deducibilità delle perdite e la detraibilità IVA sui crediti

Continua

Reti d’impresa senza notaio

Pubblicato il decreto ministeriale che introduce le specifiche tecniche per la trasmissione del contratto di rete al registro delle imprese

Continua

Rapporti commerciali con San Marino dal 2015

San Marino entra ufficialmente nella white list fiscale,

Continua

Beni e Servizi fatturati ad Enti Pubblici

Cessioni di beni e le prestazioni di servizi eseguite nei confronti di enti pubblici. Split payment P.A.: tre modalità per versare l’IVA

Continua

Abuso del diritto e reati tributari

Bloccato l’invio alle Commissioni Finanze del Decreto Legislativo sulla certezza del diritto approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri

Continua

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte con effetto retroattivo

Continua