Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Spese di giustizia

Una parola chiarificatrice da parte della Suprema Corte

Spese di giustizia - Una parola chiarificatrice da parte della Suprema Corte

La materia della regolazione delle spese processuali è sempre molto discussa e spesso le decisioni dei giudici di merito sul punto non lascia completamente convinti. 

In particolare, poi, quando parte del giudizio sia una Pubblica Amministrazione, non di rado si assiste a decisioni che troppo spesso appaiono favorire l’Ente Pubblico

Nel caso di cui si è occupata la Corte di Cassazione con l’ordinanza del 13.1.05, il giudice di merito, pur avendo accolto il ricorso del contribuente avverso una sanzione amministrativa in materia tributaria irrogata dalla locale Prefettura, ha disposto la compensazione delle spese di lite in ragione della mancata costituzione della Prefettura stessa. 

 

Ed invero, in conformità a quanto già espresso in precedenti casi, la Cassazione ribadisce che, poiché, ai fini della distribuzione dell'onere delle spese del processo tra le parti, essenziale criterio rivelatore della soccombenza è l'aver dato causa al giudizio, la soccombenza non è esclusa dalla circostanza che, una volta convenuta in giudizio, la parte sia rimasta contumace o abbia riconosciuto come fondata la pretesa che aveva prima lasciato insoddisfatta così da rendere necessario l'accertamento giudiziale. Infatti, l'individuazione del soccombente si fa in base al principio di causalità, con la conseguenza che parte obbligata a rimborsare alle altre le spese che hanno anticipato nel processo, è quella che, con il comportamento tenuto fuori del processo, ovvero col darvi inizio o resistervi in forme e con argomenti non rispondenti al diritto, ha dato causa al processo o al suo protrarsi. 

 

Non può quindi assumere rilievo alcuno, ai fini dell'applicazione della disciplina fissata nell'art. 92 c.p.c., la circostanza che la parte che ha dato causa al processo abbia poi omesso di costituirsi in esso e comunque di dispiegare attività difensiva, condotta alla quale va attribuita valenza totalmente neutra siccome inidonea a costituire indice di esclusione del dissenso e addirittura di adesione all'avversa richiesta, e che, anzi, conclude la pronuncia in epigrafe, può semmai considerarsi espressione di mera indifferenza rispetto alle ragioni di economia che dovrebbero indurre le parti (specialmente le parti pubbliche) all'adozione di ogni cautela utile ad evitare inutili dispendi di energia processuale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Insidia o trabocchetto. Danno da cose in custodia

Un bambino va a sbattere contro un palo a causa di una strada danneggiata. La Suprema corte rigetta la richiesta di risarcimento

Continua

Comodato immobiliare

Esigenze familiari e restituzione del bene

Continua