Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari

Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Agevolazioni per l’acquisto di macchinari - Grazie al “Decreto del Fare” è possibile ottenere un contributo in conto interessi per finanziamenti della durata di 5 anni

Il “Decreto del Fare” (Legge 69/2013) ha introdotto nel nostro Paese un nuovo incentivo destinato alle micro, piccole e medie imprese così come individuate dalla Raccomandazione 2003/361/CE della Commissione europea. In sintesi, sono escluse dall’agevolazione le grandi imprese, ovvero quelle che hanno un numero di occupati superiore ai 250 dipendenti, un fatturato annuo superiore ai 50 milioni di euro o un totale di bilancio annuo superiore ai 43 milioni di euro. 

 

L’agevolazione è mirata ad incentivare l’acquisto di beni strumentali nuovi ad uso produttivo, anche mediante operazioni di leasing, da parte delle PMI. Sono promossi anche gli investimenti per l’acquisto di strumenti hardware, software e tecnologie digitali

 

L’agevolazione consiste in un aiuto finanziario da parte dello Stato che si sostanzia nell’erogazione di un contributo in conto interessi sul finanziamento per l’acquisto di macchinari e strumentazione. Per fare ciò è stato, appunto, istituito un Fondo ad hoc attraverso l’articolo 2 della succitata Legge 69/2013. 

 

Entrando più nel vivo dell’incentivo, possono richiedere l'agevolazione tutte le PMI di tutti i settori produttivi (compresi agricoltura e pesca), tranne i settori dell’industria carboniera, delle attività finanziarie e assicurative e il settore della fabbricazione di prodotti di imitazione o di sostituzione del latte o dei prodotti lattiero-caseari. 

 

Oltre alle esclusioni dettate dalla dimensione dell’azienda e dal settore di appartenenza, ci sono poi delle condizioni da rispettare per poter ottenere l’agevolazione, pena l’impossibilità di richiedere la facilitazione finanziaria. Per essere ammesse, le PMI devono: 

- avere sede operativa in Italia ed essere regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle imprese 

- non presentare difficoltà economiche e non essere sottoposte a procedure concorsuali 

- non aver ricevuto e, successivamente, non rimborsato o depositato in un conto bloccato gli aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione Europea 

 

L’agevolazione è applicata nel caso di finanziamenti richiesti per l’acquisto, come di è detto, di macchinari impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuove di fabbrica, hardware, software e tecnologie digitali. 

 

Il finanziamento richiesto alla banca, o a un altro intermediario finanziario, (anche per contratti di leasing), deve poi: 

- avere durata massima di 5 anni (compreso l’eventuale periodo di preammortamento o di prelocazione) 

- deve essere di un importo minimo di 20 mila euro e massimo di 2 milioni di euro (si parla del totale dei finanziamenti richiesti per più iniziative di acquisto) 

- deve essere erogato dalla banca, o da un altro intermediario finanziario, in un’unica soluzione 

- può coprire il 100% dell’investimento deciso dall’azienda 

 

L’agevolazione istituita dal “Decreto del Fare” è un’agevolazione in conto interessi finalizzata a coprire parte degli interessi passivi che la PMI dovrebbe pagare alla banca, o a un altro intermediario finanziario, per l’acquisto dei macchinari e dei beni strumentali. Nello specifico, l’agevolazione prevede la copertura degli interessi calcolati con un tasso pari al 2,75% e per cinque anni sull’importo dell’investimento. 

 

Un’altra facilitazione da non sottovalutare, è la possibilità di ricorrere al Fondo Centrale di Garanzia, istituito con la Legge 662/96 che consente alle PMI di godere di una maggiore facilità al credito. 

 

Uno dei problemi più ricorrenti, purtroppo, è dato dal fatto che le PMI, che non hanno sufficienti garanzie, si trovano nell’impossibilità di investire poiché le banche o gli altri intermediari gli negano il finanziamento. Per loro, interviene la garanzia pubblica che si sostituisce, a determinate condizioni, a quella provata. Il Fondo non interviene direttamente nella contrattazione tra banca e PMI. Ma nel caso di richiesta di finanziamento, la PMI può richiedere tramite la banca, di ottenere la garanzia del Fondo. Un ultimo dato in merito: la garanzia del Fondo può essere al massimo a copertura dell’80% del finanziamento richiesto. 

 

In periodi come quelli attuali, dove l’accesso al credito è sempre più complicato per privati e imprese e dove la necessità di investimenti è quanto mai necessaria per competere sul mercato, è più che mai indispensabile conoscere e cogliere tutte le opportunità di investimento agevolato. 

 

Il nostro studio è a vostra disposizione se volete ottenere maggiori informazioni al riguardo.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Consulenza e assistenza fiscale e tributaria

Cs Dati Dr. Piero Mistretta - Milano (MI)

Cs Dati Dr. Piero Mistretta

Commercialisti, Ragionieri ed Esperti contabili / Commercialisti

Viale Monte Ceneri 73

20155 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Corsi aziendali obbligatori: è possibile ottenerli gratis?

Attraverso determinati enti si possono ottenere notevoli risparmi sui corsi obbligatori per le aziende o addirittura ottenerli senza spese

Continua

Legge di Bilancio 2017: torna il maxi-ammortamento, ma intanto…

E’ possibile usufruire del maxi-ammortamento del 140% sull’acquisto di beni strumentali acquistati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016

Continua

Pressione fiscale: abbatterla con l’assetto societario!

L’ostacolo principale alla sopravvivenza delle imprese Italiane è la pressione fiscale. Ma un modo per risparmiare c’è!

Continua

Sicurezza sul lavoro: bando incentivi Isi

Fino al 7 maggio, le aziende che vogliono investire in salute e sicurezza nei posti di lavoro potranno avvalersi di finanziamenti a fondo perduto

Continua

S.O.S liquidità per le PMI

La difficoltà ad ottenere i finanziamenti bancari può essere superata dalle garanzie concesse dai Confidi

Continua

Cassa Depositi…ma anche prestiti!

Competere nel mercato di oggi significa saper cogliere le opportunità di finanza agevolata

Continua

Legge 394/81: internazionalizzate la vostra impresa

Finanza agevolata: espandere il proprio mercato è possibile se si ricorre ai finanziamenti a tassi agevolati

Continua

Novembre e dicembre: incubo fiscale

L’attesa del Natale è segnata da un calendario dell’avvento ricco di scadenze fiscali da ricordare e di difficile comprensione

Continua

Imprese: danno da usura e anatocismo

Il fabbisogno finanziario delle aziende risente delle pratiche scorrette e illegali bancarie contro le quali si può essere risarciti

Continua

Agevolazioni nazionali e regionali alle PMI

Una strada di finanziamento poco battuta dalle imprese è il ricorso ai fondi pubblici tramite bando e convenzioni nazionali e regionali

Continua

Privati: come difendersi da usura e anatocismo

La maggior parte dei conti correnti e mutui stipulati sono viziati da anomalie bancarie a scapito dei cittadini. Ecco come difendersi

Continua

Confusione Tasi

Il 16 ottobre è il giorno della scadenza del pagamento dell’acconto della nuova tassa comunale. Tutti i nodi verranno al pettine...

Continua

Come aprire un bar

Nonostante la liberalizzazione del Decreto Bersani, sono ancora molti gli adempimenti da rispettare per avviare l’attività

Continua