Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto bancario e assicurativo

Banche e tutela della privacy

Nei rapporti tra bance e cliente è sempre meno tutelata la privacy del cliente a vantaggio della conoscibilità della capacità di pagare

Banche e tutela della privacy - Nei rapporti tra bance e cliente è sempre meno tutelata la privacy del cliente a vantaggio della conoscibilità della capacità di pagare

Purtroppo nei rapporti tra Banca a Clientela il diritto alla privacy del Cliente di un Istituto creditizio è sempre più pregiudicata dalla necessità della Banca di conoscere la capacità del Cliente di riuscire ad onorare puntualmente i propri debiti. E' naturale che la Banca prima di concedere credito - sotto qualsiasi forma, anche attraverso l'apertura di un conto corrente che preveda, per un'impresa, l'anticipazione di fatture salvo buon fine - voglia sincerarsi in merito alla capacità del Cliente di riuscire a restituire senza difficoltà il credito concesso. Ma, purtroppo, assai spesso questa necessità della Banca finisce con lo schiacciare l'esigenza - di pari, se non di primaria importanza - del Cliente ad essere tutelato nel suo fondamentale diritto alla riservatezza, e così il diritto alla privacy, previsto e tutelato dal Decreto Legislativo n. 196/2006, viene ad essere spessissimo violato, con il conseguente diritto del Cliente alla richiesta dei danni derivanti da questa gravissima violazione.
E' naturale che la Banca voglia cautelarsi prima di concedere credito al Cliente, ma questa esigenza di tutela non dovrebbe mai andare a scapito di diritti fondamentali del Cittadino, riconosciuti dalla stessa Costituzione e dal Codice Civile, prima ancora che dal Decreto Legislativo n. 196 del 2006 a tutela della privacy.
Questa violazione purtroppo sistematica dei diritti del Cliente di una Banca che richiede l'acceso al credito, avviene attraverso un uso, assai spesso, distorto, maldestro, superficiale, da parte degli stessi impiegati degli Istituti creditizi, degli strumenti informatici di cui dispongono Banche e Finanziarie per annotare tutte le richieste di accesso al credito, tutti i finanziamenti e/o mutui concessi, tutte le rate regolarmente onorate e, nella peggiore delle ipotesi, tutti i ritardi nei pagamenti.
Tra questi sistemi informatici, primaria importanza riveste la Centrale Rischi della Banca d'Italia, ove sono annotate le esposizioni debitorie superiori ad una certa cifra (attualmente da ? 35.000,00 in su); poi vi è il sistema allarmi interbancario, il c.d. "C.A.I." (Centrale Allarmi Interbancaria, ove vengono annotati i mancati pagamenti degli assegni e delle carte di credito), ed infine vi sono le c.d. "Centrali Rischi Private", dette anche "Sistemi d'Informazione Creditizia", gestite da società private che operano sotto la vigilanza della Banca d'Italia e che sono tenute - al pari, del resto, delle stesse Banche e Finanziarie - a rispettare il Codice di Deontologia a Buona Condotta per i Sistemi d'Informazione Creditizia, entrato in vigore nel 2005.
I problemi di cui si accennava, nascono dal fatto che le segnalazioni, specie nella Centrale Rischi di Banca d'Italia, avvengono su iniziativa unilaterale del c.d. "intermediario", ossia della stessa Banca, senza un previo contraddittorio con il soggetto interessato, ossia con il Cliente. In più si deve tenere conto che la Banca d'Italia, nel disciplinare le segnalazioni nella Centrale Rischi, prevede diversi codici, a cui corrispondono diversi c.d. "stati del rapporto" tra Banca e Cliente, ossia diversi tipi di posizione in cui il Cliente si può trovare rispetto alla Banca. La posizione che denota a tutto il sistema bancario la massima criticità e che è, di conseguenza, idonea a pregiudicare gravemente la reputazione creditizia di un soggetto è la c.d. posizione o segnalazione "a sofferenza". Segnalare il nominativo di un soggetto - magari per aver utilizzato un determinato codice corrispondente alla posizione "a sofferenza" con eccessiva superficialità da parte di un funzionario di Banca - significa arrecare un gravissimo danno alla onorabilità e reputazione creditizia del soggetto in questione. Se si tratta di un' impresa (sia essa una società o un'impresa individuale), significa "metterla letteralmente in ginocchio"; significa che - con la stessa velocità di un devastante "effetto domino" - tutte le altre Banche con cui l'impresa in questione intrattiene rapporti, si precipitano a revocare il credito già concesso a questa impresa, e ciò anche se non vi siano problemi nei pagamenti.
E' oramai consolidato l'orientamento della Cassazione volto a risarcire i danni subiti dai soggetti che sono stati ingiustamente segnalati (con segnalazioni di tipo pregiudizievole) in questi sistemi informatici a cui tutto il sistema bancario può accedere. Ed il risarcimento viene riconosciuto a vario titolo, a seconda della qualifica del soggetto illegittimamente segnalato: ad esempio, se trattasi di impresa, è risarcibile il danno alla reputazione commerciale in sé, a prescindere dal danno alla privacy di cui sopra si è dettto, il quale è del pari risarcibile. Se si tratta di un soggetto non imprenditore, è certamente risarcibile la violazione del diritto alla privacy, ma è del pari risarcibile il mancato ottenimento del credito richiesto (ad esempio, non è stato possibile ottenere un mutuo, con conseguente impossibilità di acquisto di un immobile), qualora non sussistevano ostacoli all'ottenimento del mutuo ed esso è stato negato a causa della segnalazione illegittima effettuata da un altro Istituto di credito.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto bancario e assicurativo

Avv Stefano Di Salvo - Milano (MI)

Avv Stefano Di Salvo

Avvocati / Civile

Via Melchiorre Gioia N. 63

20124 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Trasparenza bancaria e concorrenza

Obbligo per le banche di trasparenza e conseguente pubblicizzazione chiara delle condizioni contrattuali, prima della stipula dei contratti

Continua

Regola del c.d. "saldo zero"

Se la banca assume che il saldo del conto corrente è negativo, deve conservare gli estratti conto dall'inizio del rapporto

Continua

Il Leasing: natura del contratto e funzione

Il contratto di leasing, la sua funzione e le tipologie previste dall'ordinamento. Il problema del supero del tasso soglia usura negli interessi

Continua

Mutuo: sospensione del pagamento delle rate

La Legge di Stabilità 2014 consente la sospensione del pagamento delle rate per 18 mensilità. Altre novità introdotte dal D.L. Bersani del 2007

Continua

Il contratto di mutuo

Natura del contratto, costo per il mutuatario e diverse tipologie di piani di ammortamento

Continua

Istruttoria di fido

Il complesso di ricerche, analisi, valutazioni: in una parola lo studio volto a conoscere la capacità di rimborso dei richiedenti un prestito

Continua

Il RATING: cos`è

Il RATING è un giudizio di sintesi sulla capacità di un'impresa di rimborsare i propri debiti

Continua

Nullità dei contratti bancari e forma scritta

Una recente sentenza del Tribunale di Ferrara conferma l'orientamento dei Tribunali in tema di nullità dei contratti bancari per difetto di forma

Continua

Ipotesi di nullità del contratto di mutuo

Sono nulli i mutui stipulati per ripianare precedenti esposizioni debitorie del mutuatario con lo stesso istituto di credito concedente il mutuo

Continua

Sistemi di informazione creditizia

I problemi di contemperamento tra i Sistemi di Informazione Creditizia e la tutela della privacy...

Continua

Il contratto definitivo prevale sul preliminare

Prevalenza del definitivo del preliminare; non è ammesso provare per testimoni gli accordi contenuti nel preliminare e non ripetuti nel definitivo

Continua

Nullità dei contratti bancari “USI PIAZZA”

1° gennaio 1994: entrata in vigore del Testo Unico Bancario. Nullità dei precedenti contratti facenti rinvio ai c.d."usi piazza"

Continua

Come deve essere determinato il Tasso Soglia di usura

Il Tasso Soglia deve essere determinato esclusivamente dal GIUDICE, non dalla Banca d'Italia

Continua

Interessi di mora e usura

Anche gli interessi di mora - contrariamente a quanto asseriscono le difese delle banche - per la Cassazione sono rilevanti ai fini della soglia di usura

Continua

Contratti di mutuo: opzione "floor" a favore della banca

Sovente la Banca fa sottoscrivere contratti di mutuo in cui si assicura una componente fissa nel caso di ribasso dei tassi di interesse: tasso floor

Continua

Errori macroscopici nelle segnalazioni ai S.I.C.

Talvolta Le Finanziarie commettono degli errori inescusabili nelle segnalazioni nei Sistemi d'Informazione Creditizia

Continua

La cambiale, il protesto e la cancellazione

E’ essenziale ottenere la cancellazione dal registro informatico dei protesti (Bollettino dei protesti)

Continua

LA MULTIPROPRIETA’

Caratteristica essenziale della MULTIPROPRIETA' è data dal fatto che il concreto esercizio del diritto è periodico, e pertanto il godimento è turnario

Continua

ELEMENTI DI VOLONTARIA GIURISDIZIONE

Per volontaria giurisdizione si intende l’attività del giudice diretta non a risolvere controversie, bensì a gestire un negozio o un affare privato.

Continua

D.Lgs.20 giugno 2005, n. 122: tutela acquirenti.

Disposizioni per la tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti di immobili da costruire. In particolare, obbligo di fideiussione del costruttore

Continua

SPESE DELLA POLIZZA ASSICURATIVA

Al fine di determinare l'usurarietà del tasso, si tiene conto anche delle spese collegate alla polizza assicurativa

Continua

La Legge n. 108 del 7 marzo 1996: USURA

Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese (C.M.S.)

Continua

Mancata indicazione nel contratto del vero T.A.E.G

Spesso le Banche non indicano nei contratti con cui concedono credito alla Clientela il vero costo che il Cliente si assume per il credito concesso.

Continua

Mancata indicazione nel contratto del vero T.A.E.G

Spesso le Banche non indicano nei contratti con cui concedono credito alla Clientela il vero costo che il Cliente si assume per il credito concesso.

Continua

Sistemi di informazione creditizia

Sempre più spesso si pongono problemi di contemperamento tra i Sistemi di informazione creditizia e la legge sulla privacy

Continua

Trappole nei contratti bancari

Attenzione alla lettura di tutte le clausole contrattuali, prima della firma di un qualunque contratto bancario, in modo da evitare di pagare di più

Continua

Sistemi di informazione creditizia

I problemi di contemperamento tra i Sistemi di Informazione Creditizia e la tutela della privacy...

Continua