Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Terapia del Dolore

Nevralgia Posterpetica: perché alcuni pazienti guariscono e altri no?

I pazienti sottoposti agli stessi trattamenti spesso hanno risultati clinici differenti: non sempre viene attuata una strategia terapeutica razionale

Nevralgia Posterpetica: perché alcuni pazienti guariscono e altri no? - I pazienti sottoposti agli stessi trattamenti spesso hanno risultati clinici differenti: non sempre viene attuata una strategia terapeutica razionale

Nella Nevralgia Posterpetica sono stati messi in campo i più differenti trattamenti, che vanno dall’impiego di una semplice terapia orale, all’epidurale toracica con steroidi, fino a interventi demolitivi e altamente discutibili, quali l’asportazione chirurgica della cute dolente.

Da un esame della letteratura scientifica è evidente che ad oggi non esiste un approccio terapeutico standardizzato. Così che una patologia molto semplice da diagnosticare, diviene in alcuni casi, fortunatamente pochi, intrattabile. Il fatto che i pazienti sottoposti allo stesso regime terapeutico abbiano dei risultati clinici differenti, fa pensare, a ragione, che in realtà la Nevralgia Posterpetica non sia una semplice patologia, bensì una sindrome nell’ambito della quale si possono sviluppare differenti sintomi, in base al meccanismo fisiopatologico in atto. Una comprensione approfondita dei meccanismi, può permettere di mettere in campo una terapia ragionata e non empirica.

L’eruzione delle vescicole erpetiche è preceduta da un periodo prodromico, peraltro molto variabile, caratterizzato da dolore urente in un’area cutanea. La base di questo dolore è una ganglio radicolite, secondaria alla riattivazione del virus Varicella-Zoster. Si tratta di un dolore sostenuto dalla stimolazione dei Nerva Nervorum (Nerve Trunk Pain), con distribuzione metamerica.

L’eruzione delle vescicole erpetiche causa una risposta infiammatoria locale. In questa fase il dolore è di tipo infiammatorio (Nocicettivo), secondario alle lesioni cutanee.

Una volta che l’eruzione cutanea si esaurisce, il dolore va via nella maggioranza dei casi. La sua persistenza configura la Nevralgia Posterpetica, che è secondaria ad una lesione (in alcuni casi permanente) dei nervi periferici, o del Sistema Nervoso Centrale. La metà dei pazienti guarisce entro un anno (malattia delle nove lune), il restante 50% sviluppa un dolore neuropatico persistente, che può durare anche tutta la vita.

Alla base della Nevralgia Posterpetica ci possono essere quattro meccanismi fisiopatologici.

Ipereccitabilità dei nocicettori periferici: i recettori del dolore, presenti nell’area cutanea interessata, divengono estremamente sensibili. Quindi uno stimolo debolmente doloroso, lo diviene in maniera insopportabile (Iperalgesia) e persino stimoli normalmente non dolorosi possono causare un dolore intenso (Allodinia).

Neuroma/Dismielinosi: l’assone è una parte del neurone ed è deputato al trasporto dell’impulso nervoso. L’assone dei neuroni coinvolti nel processo infiammatorio può subire delle lesioni e sviluppare delle aree di dismielinosi o la formazione di neuromi. La lesione dell’assone causa sempre dei deficit sensitivi (ipoestesia/anestesia) associati ad Allodinia.

Deafferentazione: a causa della distruzione dei primi neuroni, i neuroni del Sistema Nervoso Centrale aumentano paradossalmente il loro livello di sensibilità.

Lesione Centrale: il virus diffonde nel Sistema Nervoso Centrale. Il dolore perde una distribuzione metamerica, in quanto, non avendo più barriere anatomiche, il processo infettivo/infiammatorio può estendersi ed interessare più dermatomeri contigui.

La distinzione dei quadri fisiopatologici descritti è puramente clinica e non sempre semplice, anche perché più di un meccanismo fisiopatologico può essere presente. In ogni caso solo dopo un attento esame è possibile mettere in campo un programma terapeutico strutturato e razionale. Tenendo presente che la Nevralgia Posterpetica guarisce spontaneamente nel 50% dei casi, è sempre doveroso riservare le procedure più invasive alle forme non responsive ai trattamenti di prima linea.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Terapia del Dolore

Dr. Michele Naclerio - Milano (MI)

Dr. Michele Naclerio

Medici legali / Medicina del Dolore (Terapia del Dolore)

Via G.b. Grassi 74 C/o A.o. Ospedale L. Sacco

20100 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il mal di schiena: perché e come trattarlo

È una tra le patologie più comuni nei paesi occidentali e spesso ha come causa delle alterazioni della colonna vertebrale che non devono essere trascurate

Continua

Radiofrequanza e Crioanalgesia: indicazioni e tecnica

Se correttamente impiegate, in alcuni tipi di patologie possono portare una riduzione significativa del dolore per un periodo variabile da tre a sei mesi

Continua

I Cannabinoidi: indicazioni e uso terapeutico

I farmaci cannabinoidi costituiscono una risorsa importante nell'ambito della Terapia del Dolore. Recentemente in Italia è stato approvato il loro uso terapeutico

Continua

Il dolore postoperatorio cronico

Un trattamento mirato può risolvere il problema o comunque portare a una riduzione significativa del dolore

Continua

Dolore postoperatorio persistente

E’ un evento molto più comune di quanto si possa pensare. Una diagnosi precoce evita inutili sofferenze

Continua

Uso terapeutico dei Cannabinoidi: cosa c'è da sapere

Numerose ricerche scientifiche hanno evidenziato i molteplici effetti terapeutici. Molte sono le patologie individuate che possono giovarsi di tali sostanze

Continua

Il Dolore Pelvico Cronico

Il Dolore Pelvico Cronico richiede un approccio multispecialistico. La Terapia del Dolore prevede l’impiego di più farmaci, tra i quali i Cannabinoidi

Continua

Nevralgia Occipitale o Nevralgia di Arnold

La Nevralgia occipitale è una patologia rara, sebbene non rarissima, dovuta a un’irritazione del nervo occipitale (nervo di Arnold). Il trattamento può essere medico o chirurgico

Continua

La Neuropatia Diabetica

Il trattamento della Neuropatia Diabetica è complesso e richiede un approccio polispecialistico. Una corretta Terapia del Dolore può migliorare la qualità di vita dei pazienti

Continua

La disfunzione delle articolazioni sacro-iliache

Le alterazioni del bacino sono una causa frequente di lombalgia acuta persistente

Continua

La Mesoterapia non serve solo a dimagrire

La Mesoterapia è un valido strumento terapeutico per molti tipi di dolore, soprattutto di natura muscoloscheletrica

Continua

Che cosa è la Terapia del Dolore

Il dolore da sintomo può diventare in alcuni casi malattia. Combatterlo significa rifiutare il dolore inutile

Continua

Herpes Zoster: perché non sottovalutarlo

L'Herpes Zoster, o Fuoco di Sant'Antonio, in alcuni casi può essere responsabile della Nevralgia Posterpetica. Un trattamento tempestivo e mirato è sempre opportuno

Continua