Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto bancario e assicurativo

LA MULTIPROPRIETA’

Caratteristica essenziale della MULTIPROPRIETA' è data dal fatto che il concreto esercizio del diritto è periodico, e pertanto il godimento è turnario

LA MULTIPROPRIETA’ - Caratteristica essenziale della MULTIPROPRIETA' è data dal fatto che il concreto esercizio del diritto è periodico, e pertanto il godimento è turnario

L' acquirente in multiproprietà al momento dell’acquisto sceglierà tra i vari periodi dell’anno solare quello di proprio gradimento, corrispondendo un corrispettivo di solito variabile a seconda del periodo prescelto. 

 

La multiproprietà presenta i seguenti vantaggi: a) possibilità di disporre con certezza di un alloggio con la conseguente eliminazione degli inconvenienti di una locazione; b) corresponsione di un prezzo nettamente inferiore rispetto a quello necessario per l’acquisto di un’abitazione in proprietà piena oltre a dover corrispondere in misura notevolmente ridotta rispetto al proprietario pieno tutte le spese necessarie per manutenzione, condominio, riscaldamento ed altre. 

 

 

 

Il diritto del multiproprietario sull’immobile è pertanto limitato ad un certo periodo dell’anno.  Per quanto concerne il potere di disposizione dell’acquirente in multiproprietà,  egli può disporre del diritto e-ovviamente- anche locare l’immobile, ma solo per il periodo di sua spettanza. 

 

Discussa è la natura del diritto; si tende generalmente ad accostare la multiproprietà alla comunione, e normalmente l’alienante predispone un regolamento con cui viene disciplinato il godimento turnario tra i multiproprietari (al pari del regolamento della comunione). Ma è preferibile ricostruire la multiproprietà come proprietà su un bene considerato bidimensionalmente, cioè sia sul piano spaziale che su quello temporale. La proprietà ordinaria ha ad oggetto un bene individuato solo spazialmente, la multiproprietà avrebbe ad oggetto un bene individuato spazialmente e temporalmente. 

 

La multiproprietà  è stata disciplinata dal legislatore per la prima volta con il D. Lgs. n. 427 del 1998, il quale dettava delle norme a tutela dell’acquirente. Adesso  il contenuto di detto decreto è stato sostanzialmente recepito dal Capo I del Titolo IV del D.Lgs. 6 settembre 2005 n. 206 ( c.d. Codice del consumo, a tutela dei consumatori). In particolare detto ultimo decreto ( come già il precedente d.lgs del 1998) prevede che il contratto abbia una durata di almeno tre anni, e deve avere per oggetto il godimento di uno o più beni immobili per un periodo dell’anno non inferiore ad una settimana. Il venditore è tenuto a consegnare ad ogni persona che richiede informazioni sul bene immobile un documento informativo in cui sono indicati con precisione gli elementi di cui all’art. 70 del D. Lgs. n. 206 del 2005, tra cui : a) il diritto oggetto del contratto; b) l’identità ed il domicilio del venditore; inoltre, qualora l’immobile sia già determinato: a) la sua descrizione ed ubicazione; b) gli estremi del permesso di costruire ovvero di altro titolo edilizio e delle leggi regionali che regolano l’uso dell’immobile con destinazione turistico- ricettiva e, per gli immobili situati all’estero, gli estremi degli atti che garantiscono la loro conformità alle prescrizioni vigenti in materia; qualora l’immobile non sia ancora determinato il venditore deve fornire indicazioni anche in merito allo stato di avanzamento dei lavori e la data entro la quale è prevedibile il completamento degli stessi. Il contratto inoltre deve essere redatto per iscritto a pena di nullità. Particolarmente importante, poi, è la norma in materia di diritto di recesso dell’acquirente ( art. 73 Codice del consumo), da esercitarsi entro dieci giorni dalla conclusione del contratto o dalla data di ricezione della comunicazione degli elementi indicati dall’art. 70 sopra citato. L’art. 76 prevede l’obbligo di fideiussione bancaria o assicurativa a carico del venditore, in due casi specifici: a) quando l’immobile oggetto del contratto sia in corso di costruzione, a garanzia dell’ultimazione dei lavori; b) quando il venditore non è una società di capitali o non ha sede legale e sede secondaria nel territorio dello Stato. 

 

Di particolare importanza è poi la norma di cui all’art. 80 del citato decreto (diritti dell’acquirente nel caso di applicazione di legge straniera )“Ove le parti abbiano scelto di applicare al contratto una legislazione diversa da quella italiana, all’acquirente devono comunque essere riconosciute le condizioni di tutela previste dal presente capo ( capo I, Titolo IV codice del consumo) allorquando l’immobile oggetto del contratto sia situato nel territorio di uno Stato membro dell’Unione europea”. 

 

 

 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto bancario e assicurativo

Avv Stefano Di Salvo - Milano (MI)

Avv Stefano Di Salvo

Avvocati / Civile

Via Melchiorre Gioia N. 63

20124 - Milano (MI)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Revoca ingiustificata dei fidi

La Banca non può spiazzare il cliente richiedendo il rientro immediato del fido concesso; una tale condotta determina danno risarcibile

Continua

Trasparenza bancaria e concorrenza

Obbligo per le banche di trasparenza e conseguente pubblicizzazione chiara delle condizioni contrattuali, prima della stipula dei contratti

Continua

Regola del c.d. "saldo zero"

Se la banca assume che il saldo del conto corrente è negativo, deve conservare gli estratti conto dall'inizio del rapporto

Continua

Il Leasing: natura del contratto e funzione

Il contratto di leasing, la sua funzione e le tipologie previste dall'ordinamento. Il problema del supero del tasso soglia usura negli interessi

Continua

Mutuo: sospensione del pagamento delle rate

La Legge di Stabilità 2014 consente la sospensione del pagamento delle rate per 18 mensilità. Altre novità introdotte dal D.L. Bersani del 2007

Continua

Il contratto di mutuo

Natura del contratto, costo per il mutuatario e diverse tipologie di piani di ammortamento

Continua

Istruttoria di fido

Il complesso di ricerche, analisi, valutazioni: in una parola lo studio volto a conoscere la capacità di rimborso dei richiedenti un prestito

Continua

Il RATING: cos`è

Il RATING è un giudizio di sintesi sulla capacità di un'impresa di rimborsare i propri debiti

Continua

Nullità dei contratti bancari e forma scritta

Una recente sentenza del Tribunale di Ferrara conferma l'orientamento dei Tribunali in tema di nullità dei contratti bancari per difetto di forma

Continua

Ipotesi di nullità del contratto di mutuo

Sono nulli i mutui stipulati per ripianare precedenti esposizioni debitorie del mutuatario con lo stesso istituto di credito concedente il mutuo

Continua

Sistemi di informazione creditizia

I problemi di contemperamento tra i Sistemi di Informazione Creditizia e la tutela della privacy...

Continua

Il contratto definitivo prevale sul preliminare

Prevalenza del definitivo del preliminare; non è ammesso provare per testimoni gli accordi contenuti nel preliminare e non ripetuti nel definitivo

Continua

Nullità dei contratti bancari “USI PIAZZA”

1° gennaio 1994: entrata in vigore del Testo Unico Bancario. Nullità dei precedenti contratti facenti rinvio ai c.d."usi piazza"

Continua

Come deve essere determinato il Tasso Soglia di usura

Il Tasso Soglia deve essere determinato esclusivamente dal GIUDICE, non dalla Banca d'Italia

Continua

Interessi di mora e usura

Anche gli interessi di mora - contrariamente a quanto asseriscono le difese delle banche - per la Cassazione sono rilevanti ai fini della soglia di usura

Continua

Contratti di mutuo: opzione "floor" a favore della banca

Sovente la Banca fa sottoscrivere contratti di mutuo in cui si assicura una componente fissa nel caso di ribasso dei tassi di interesse: tasso floor

Continua

Errori macroscopici nelle segnalazioni ai S.I.C.

Talvolta Le Finanziarie commettono degli errori inescusabili nelle segnalazioni nei Sistemi d'Informazione Creditizia

Continua

La cambiale, il protesto e la cancellazione

E’ essenziale ottenere la cancellazione dal registro informatico dei protesti (Bollettino dei protesti)

Continua

ELEMENTI DI VOLONTARIA GIURISDIZIONE

Per volontaria giurisdizione si intende l’attività del giudice diretta non a risolvere controversie, bensì a gestire un negozio o un affare privato.

Continua

D.Lgs.20 giugno 2005, n. 122: tutela acquirenti.

Disposizioni per la tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti di immobili da costruire. In particolare, obbligo di fideiussione del costruttore

Continua

SPESE DELLA POLIZZA ASSICURATIVA

Al fine di determinare l'usurarietà del tasso, si tiene conto anche delle spese collegate alla polizza assicurativa

Continua

La Legge n. 108 del 7 marzo 1996: USURA

Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese (C.M.S.)

Continua

Mancata indicazione nel contratto del vero T.A.E.G

Spesso le Banche non indicano nei contratti con cui concedono credito alla Clientela il vero costo che il Cliente si assume per il credito concesso.

Continua

Mancata indicazione nel contratto del vero T.A.E.G

Spesso le Banche non indicano nei contratti con cui concedono credito alla Clientela il vero costo che il Cliente si assume per il credito concesso.

Continua

Sistemi di informazione creditizia

Sempre più spesso si pongono problemi di contemperamento tra i Sistemi di informazione creditizia e la legge sulla privacy

Continua

Banche e tutela della privacy

Nei rapporti tra bance e cliente è sempre meno tutelata la privacy del cliente a vantaggio della conoscibilità della capacità di pagare

Continua

Trappole nei contratti bancari

Attenzione alla lettura di tutte le clausole contrattuali, prima della firma di un qualunque contratto bancario, in modo da evitare di pagare di più

Continua

Sistemi di informazione creditizia

I problemi di contemperamento tra i Sistemi di Informazione Creditizia e la tutela della privacy...

Continua