Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

L'inquilino nel condominio

Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

L'inquilino nel condominio - Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

L’art. 66 disp. att., così come novellato dalla recente riforma, statuisce che: “… l'avviso di convocazione, contenente specifica indicazione dell'ordine del giorno  deve essere comunicato almeno cinque giorni prima della data fissata per l'adunanza in prima convocazione, a mezzo di posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o tramite consegna a mano, e deve contenere l'indicazione del luogo e dell'ora della riunione. In caso di omessa, tardiva o incompleta convocazione degli aventi diritto, la deliberazione assembleare è annullabile ai sensi dell'articolo 1137 del codice su istanza dei dissenzienti o assenti perché non ritualmente convocati…”.

Il legislatore, nel novellare la disposizione di attuazione del codice civile che regolamenta la convocazione dell’assemblea del condominio, ha specificamente inserito la dizione “aventi diritto” sostituendo la precedente che parlava solo di "condomini". La nuova formulazione della disposizione citata ha adeguato la  disciplina codicista alla normativa sulle locazioni e segnatamente, per quanto qui di interesse, all’art. 10 l. 392 del 1978 : “… Il  conduttore  ha  diritto  di  voto,  in  luogo  del proprietario dell'appartamento locatogli, nelle    delibere   dell'assemblea condominiale  relative  alle  spese  e alle modalità di gestione dei servizi di riscaldamento e di condizionamento d'aria.  Egli  ha,  inoltre,  diritto  di  intervenire, senza diritto di voto, sulle  delibere  relative  alla  modificazione  degli  altri  servizi comuni…”.

E' dunque pacifico il diritto del conduttore a partecipare all’assemblea ed a votare in luogo del proprietario, nei casi di cui all’art. 10 della l. 392 del 1978, in conformità (del resto) al più generale principio per il quale ha potere di voto colui che sostiene gli oneri relativi.

Altrettanto pacifico deve dunque ritenersi l'obbligo dell'Amministratore pro tempore di convocare il conduttore per l'Assemblea condominiale, al fine di consentire allo stesso  di esercitare i diritti spettantigli per legge, dal momento che l'espressa modifica del disposto della norma in senso estensivo non può che portare ad una simile conclusione: oggi legittimato passivo per la convocazione dell'assemblea non è più il condomino, sempre e in ogni caso, ma – al contrario – colui che ha diritto a partecipare alla stessa.

Non solo il conduttore deve ricevere la rituale convocazione per l'assemblea, in quanto avente diritto a parteciparvi nei limiti previsti dalla legge, ma la stessa deve pervenirgli, entro i termini previsti dalla legge e nelle forme tassativamente previste:  posta raccomandata, posta elettronica certificata, fax o consegna a mani.
Qualora l'Amministrastratore pro tempore ometta di convocare il conduttore e questo non partecipi all'assemblea, le delibere eventualmente approvate potranno essere impugnate dal conduttore assente ai sensi dell'art. 1137 c.c., entro il termine di trenta giorni, che decorrerà dal momento in cui il conduttore avrà notizia dell'approvazione della delibera e del suo contenuto.
Gli amministratori spesso giustificano l'omessa convocazione adducendo il fatto che non sapevano che l'immobile non era locato.
La giustificazione non pare reggere alla semplice lettura dell’art. 1130, comma I, n. 6, c.c. in base al quale l’Amministratore pro tempore deve: “…curare la tenuta del registro di anagrafe condominiale contenente le generalità dei singoli proprietari e dei titolari di diritti reali e di diritti personali di godimento, comprensive del codice fiscale e della residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell'edificio. Ogni variazione dei dati deve essere comunicata all'amministratore in forma scritta entro sessanta giorni. L'amministratore, in caso di inerzia, mancanza o incompletezza delle comunicazioni, richiede con lettera raccomandata le informazioni necessarie alla tenuta del registro di anagrafe. Decorsi trenta giorni, in caso di omessa o incompleta risposta, l'amministratore acquisisce le informazioni necessarie, addebitandone il costo ai responsabili…”.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Usura e costi eventuali

Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Continua

Interessi di mora ed usura

Qualora le parti pattuiscano un tasso di mora superiore alla soglia il contratto di mutuo viene convertito in mutuo gratuito

Continua

Sulle linee di credito decide il giudice del conto

Linee di credito e conti anticipi non hanno autonomia rispetto al contratto di conto corrente di riferimento

Continua

Divisione immobiliare giudiziaria

Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Continua

Usura e differenziale di mora

Le argomentazioni giuridiche che dovrebbero indurre a considerare nel calcolo del TEG anche il differenziale di mora

Continua

Valore delle istruzioni della Banca d'Italia

Le ragioni che inducono a ritenere che le istruzioni della Banca d'Italia non sono fonti del diritto in tema di calcolo del Teg del contratto di mutuo

Continua

Il contributo in tema di usura: C.M.S. e C.D.S

Illegittimità delle C.M.S. e C.D.F. alla luce della più recente giurisprudenza di merito: le conseguenze pratiche

Continua

Un contributo in tema di usura bancaria

Il dibattito sull'interpretazione dell'art. 644 c.p. in ambito bancario è aperto e attuale, proviamo a fare un po` di chiarezza

Continua

Quando è legittimo aprire una porta caposcala

E' invalida la delibera dell’assemblea con cui si vieta al proprietario di aprire un varco di collegamento fra il proprio immobile e l'androne.

Continua

Efficacia della sentenza di divisione ereditaria

Il capo della sentenza di primo grado che condanni una parte a pagare all'altra una somma a titolo di conguaglio è provvisoriamente esecutiva

Continua

E' esclusivo il foro del condominio consumatore

Il foro del consumatore è da considerarsi esclusivo ed inderogabile anche allorquando la qualità di consumatore è rivestita dal condominio

Continua

La delibera di approvazione del bilancio

Il Giudice dell’opposizione a decreto ingiuntivo non ha il potere di sindacare la validità della delibera che ha approvato il bilancio

Continua

Opposizione a Decreto ingiuntivo e precetto

E' inammissibile proporre contestualmente, con lo stesso atto, l`opposizione a decreto ingiuntivo e l`opposizione all`atto di precetto

Continua

Il rapporto fra il condominio ed i suoi fornitori

Ottenuta la condanna del Condominio, il creditore può procedere all'esecuzione contro i singoli morosi in base alla quota di proprietà esclusiva

Continua

Illegittimità della C.M.S. e C.D.F.

Nullità di tutte le clausole comunque denominate che prevedano commissioni a favore delle banche a fronte della concessione di linee di credito

Continua

Diniego illegittimo del permesso di soggiorno

Le condanne relative a reati ostativi non possono comportare automaticamente il diniego del permesso di soggiorno se intervenute prima del 2002

Continua

Recesso ingiustificato del promittente compratore

Il mancato rispetto di un termine intermedio non costituisce grave inadempimento tale da giustificare il recesso del promittente compratore

Continua

Frazionamento di un bene in condominio

Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

Continua

BULLISMO E CYBERBULLISMO

IL CYBERBULLISMO: DEFINIZIONE, CONDOTTE E MEZZI DI CONTRASTO

Continua