Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Divorzio e diritto alla pensione di reversibilità

Diritto alla pensione di reversibilità dell`ex coniuge dopo il divorzio

Divorzio e diritto alla pensione di reversibilità - Diritto alla pensione di reversibilità dell`ex coniuge dopo il divorzio

La pensione di reversibilità è una quota della pensione di una persona defunta che spetta a chi ne è stato coniuge. Se sono rispettati certi requisiti previsti dalla Legge sul Divorzio (legge 898 del 1970), la pensione di reversibilità spetta anche all’ex coniuge divorziato della persona deceduta: 

 

- innanzitutto il coniuge divorziato deve già percepire dall’ex coniuge defunto un assegno divorzile versato con cadenza periodica; se al momento del decesso il coniuge superstite non aveva diritto all’assegno o se aveva ricevuto l’assegno di divorzio in un’unica soluzione, non avrà diritto alla pensione di reversibilità dell’ex coniuge defunto; 

 

- in secondo luogo, il coniuge divorziato superstite non deve essersi risposato. Se il coniuge divorziato superstite è convivente con un soggetto terzo, ciò non comporta di per sé la perdita del diritto alla reversibilità; 

 

- in terzo luogo, il rapporto di lavoro da cui trae origine il trattamento pensionistico deve essere anteriore alla sentenza di divorzio

 

L’importo dovuto a titolo di pensione di reversibilità viene calcolato in base al rapporto intercorrente tra la durata del matrimonio e il periodo di maturazione della pensione in capo al defunto. 

 

Come per il caso del TFR del divorziato, i giudici hanno chiarito definitivamente che l’arco di durata del matrimonio comprende anche l’eventuale periodo di separazione legale, fino alla data della sentenza di divorzio: solo in questa data, infatti, si è definitivamente e sicuramente ottenuto lo scioglimento del vincolo matrimoniale. 

 

Se il coniuge defunto non si era risposato, la pensione di reversibilità spetta solamente al coniuge divorziato superstite. Anche se dopo il divorzio il coniuge defunto aveva intrapreso una convivenza con un soggetto terzo, l’intera pensione di reversibilità spetta comunque all’ex coniuge divorziato. Se invece, dopo il divorzio, il defunto aveva contratto nuove nozze, allora la pensione di reversibilità spetta in parte all’ex coniuge divorziato e in parte al nuovo coniuge superstite, ossia al vedovo/a. 

 

Secondo la Legge su Divorzio la ripartizione delle quote viene fatta dal Tribunale in considerazione della durata dei rispettivi matrimoni: tuttavia, si è stabilito che il Tribunale non può basarsi soltanto sul numero di anni di durata di ciascun matrimonio, ma deve tenere in debita considerazione lo stato di bisogno dei singoli superstiti, ossia le relative condizioni economiche e reddituali. 

 

In caso di decesso dell’ex coniuge divorziato, l’ex coniuge superstite interessato alla pensione di reversibilità dovrà avanzare un apposito ricorso al Tribunale affinchè il suo diritto sia accertato e riconosciuto. In tal caso il Tribunale valuta se, al momento della richiesta, il divorziato richiedente rispetta i tre presupposti richiesti dalla legge sopra esposti. Al ricorso diretto al conseguimento della pensione di reversibilità deve essere allegato un atto notorio dal quale risultino tutti gli aventi diritto.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Roberto Gisolfi

22/04/2015 17:23

Salve avvocato, mi amamma si trova proprio nella situazione di ex coniuge con assegno divorzile non risposata e senza altro reddito nè casa di proprietà. Mio padre deceduto si era rispostato ed ora siamo nell'iter delle udienze in tribunale da 2 anni (sinceramente a me sembra assurda tale tempistica). Siamo moltop scoraggiati anche perchè mia mamma vive grazie al nostro aiuto e nel frattempo l'altra persona percepisce (non ho capito come) già la pensione di reversibilità per intero e quindi tramite il suo avvocato trova qls cosa per rinviare di continuo le udienze. Cosa posso fare ? Non ce la facciamo più a sopportare questa situazione ed al fatto che il giudice non decide. Grazie

Rispondi

In risposta al commento di Roberto Gisolfi

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Revisione dell`assegno di mantenimento

Aumento e riduzione dell`importo dell`assegno di mantenimento

Continua

Nuova concezione dell`assegno di divorzio

La natura assistenziale dell`assegno di divorzio e il criterio del ômedesimo tenore di vitaö

Continua

Separazione e divorzio facili

Novità nella separazione e divorzio, procedura più snella e semplice, non è più sempre necessario recarsi avanti il Tribunale

Continua

Tutele e garanzie dell'assegno di mantenimento

Rimedi contro il coniuge che non adempie agli obblighi economici di mantenimento

Continua