Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Cessione di ramo d`azienda: preesistenza del ramo

Una recente sentenza del Tribunale di Napoli applicando i principi di preesistenza invalida una cessione di IT OPERATION

Cessione di ramo d`azienda: preesistenza del ramo - Una recente sentenza del Tribunale di Napoli applicando i principi di preesistenza invalida una cessione di IT OPERATION

La recente sentenza del Tribunale di Napoli n. 224 del 13 gennaio 2015, ribadisce gli oramai granitici principi, sanciti dalla giurisprudenza comunitaria e di cassazione, sull’esatta interpretazione ed applicazione dell’articolo 2112 c.c. 

Il Tribunale partenopeo spiega come, per evitare che il trasferimento di azienda potesse essere strumentalizzato al fine di celare la volontà dell'imprenditore di servirsi di forme di flessibilità legislativamente non contemplate, con conseguente liberazione dell'imprenditore da ogni responsabilità e con il passaggio ad altri soggetti di ogni onere gestionale, si è sviluppata una altrettanto copiosa giurisprudenza volta a restringere l'ambito applicativo dell'art. 2112 c.c.. ( tra le tante Cass. n. 15105 del 2002; n. 19842 del 2003; n. 8017 del 2006 ). 

In tale ottica, si è ritenuto che la corretta applicazione dell’art. 2112 c.c. dovesse essere ancorata pur sempre all’individuazione dell’effettiva autonomia funzionale del ramo d’azienda trasferito, richiedendosi pertanto che la cessione avesse ad oggetto una entità economica che si presentasse dotata di unautonomia organizzativa ed economica funzionale allo svolgimento di unattività volta alla produzione di beni o servizi

Secondo questa giurisprudenza non è sufficiente una mera ed occasionale aggregazione di persone dipendenti all’interno delle diverse e variegate strutture aziendali, ma occorre l’esistenza di un collegamento stabile e funzionale delle loro attività, costituito appunto dall’organizzazione la quale perciò costituisce il legante, ovvero il valore aggiunto, al punto che piuttosto che parlare di trasferimento di azienda sembrerebbe più appropriato parlare di trasferimento di impresa. 

In tale schematico excursus si inseriscono una serie di interventi della Corte di Legittimità ( vedi Cass. n. 5932/08; n. 14670/2004; n. 10761/02 ) da cui si evince che la configurazione del trasferimento d'azienda, con riferimento alla posizione del lavoratore, come una ipotesi di successione legale di contratto che non richiede, quindi, il consenso del contraente ceduto (lavoratore trasferito) è compensata, e quindi giustificata, solo dalla funzione garantista dell’art. 2112 cc nella parte in cui gli assicura la continuità dei rapporti di lavoro e lo tutela nell'esercizio della propria professionalità, nonostante le vicende traslative che involgano i beni cui la stessa è connessa. 

La norma fondamentale che regola la cessione del contratto è notoriamente l’art. 1406 cc che impone il consenso delle parti per la sostituzione di uno dei contraenti; tale norma è certamente applicabile anche nel caso in cui la cessione abbia ad oggetto un contratto di lavoro, salvo tuttavia che si rientri nelle ipotesi di cui all’art. 2112 cc. 

In caso di trasferimento di azienda infatti, in eccezione alla regola generale, il legislatore ha previsto che automaticamente il rapporto di lavoro continui con il cessionario e che il consenso del lavoratore ceduto non sia pertanto necessario. 

Ne deriva che contestare l’applicazione dell’art. 2112 cc significa anche negare che la cessione del contratto di lavoro possa avvenire senza il consenso del lavoratore ceduto; in tale caso infatti l’inapplicabilità al trasferimento delle prescrizioni di cui all’art. 2112 cc, le uniche che garantiscono l’effetto traslativo, pur in assenza del consenso del contraente- lavoratore ceduto, ha come conseguenza la regolamentazione della cessione sulla base delle regole generali di cui all’art. 1406 cc secondo cui il suddetto consenso opera da elemento costitutivo della fattispecie negoziale. 

In sintesi delle due l’una: o si applica l’art. 2112 cc, cui consegue l’irrilevanza, ai fini costitutivi della cessione, del consenso del lavoratore ceduto, fatta salva la sua sola facoltà di dimettersi per giusta causa ai sensi del comma 4, o si esclude che la cessione rientri tra quelle regolate ex art. 2112 cc, ed in tal caso il fenomeno va disciplinato secondo le prescrizioni generali della cessione del contratto, che richiede ai fini costitutivi il consenso del lavoratore ceduto. 

Quanto poi all’individuazione dei presupposti per configurare un legittimo trasferimento di ramo di azienda, la Suprema Corte, con riferimento al testo anteriore e poi in quello modificato, in applicazione della Direttiva CE n. 50/98, dal D.Lgs. 2 febbraio 2001, n. 18, aveva già più volte affermato che per "ramo d'azienda", ai sensi dell'art. 2112 cod. civ, dovesse intendersi ogni entità economica organizzata in maniera stabile la quale, in occasione del trasferimento, conservi la sua identità. 

Il che, secondo la Corte, presuppone una preesistente realtà produttiva autonoma e funzionalmente esistente, e non anche una struttura produttiva creata ad hoc in occasione del trasferimento, o come tale identificata dalle parti del negozio traslativo, essendo preclusa l'esternalizzazione come forma incontrollata di espulsione di frazioni non coordinate fra loro, di semplici reparti o uffici, di articolazioni non autonome, unificate soltanto dalla volontà dell'imprenditore e non dall'inerenza dei rapporti di lavoro ad un ramo di azienda già costituito (v. Cass. 6 aprile 2006, n. 8017; Cass. 1 febbraio 2008 n. 2489 ; Cass. 2 settembre 2013 n. 20095; Cass. 3 ottobre 2013 n. 22627; Cass. 4 ottobre 2013 n. 22742 e da ultimo n. 9641/2014; n. 18559/14; n 20601/2014). 

Tali principi sono stati ribaditi ulteriormente dalla Corte europea che, pur richiamando l'art. 8 della direttiva 2001/23 e la facoltà ivi prevista che gli Stati membri applichino o introducano disposizioni legislative, regolamentari o amministrative più favorevoli ai lavoratori, prevedendo ad esempio il mantenimento dei diritti dei lavoratori anche in ipotesi più ampie (e così nell'ipotesi in cui la parte di impresa in questione non costituisca un'entità economica funzionalmente autonoma preesistente al suo trasferimento), ha affermato che, ai fini dell'applicazione di detta direttiva, l'entità economica in questione deve in particolare, anteriormente al trasferimento, godere di un'autonomia funzionale sufficiente, e che, per altro verso, l'impiego, al citato art. 6, par. 1, primo e quarto comma, del termine conservi implica che l'autonomia dell'entità ceduta deve, in ogni caso, preesistere al trasferimento (vedi Corte di Giustizia 6 marzo 2014, C- 458/12, Amatori ed a., punti 32-34). 

Ciò premesso, il Tribunale di Napoli rilevava che nella fattispecie in esame non fosse stata fornita la prova che la cessione avesse avuto ad oggetto una realtà produttiva autonoma e funzionalmente esistente, sia prima che dopo il trasferimento, quanto piuttosto una struttura frutto di una operazione di mero assemblaggio di alcune delle funzioni operative di un settore in precedenza unitario, smembrato e poi ripartito per l’occasione. 

“L’assenza di preesistenza è provata dalla successione temporale dei provvedimenti organizzativi : il ramo ceduto la ” IT Operations” è stato costituito da T. I. s.p.a. solo con la disposizione organizzativa n. 384 del 5-2-2010, e quindi meno di tre mesi prima del suo conferimento in S… , avvenuto con atto del 28-4-2010. 

L’assenza di autonomia funzionale è provata dalla genesi e dalla organizzazione produttiva del ramo: la ” IT Operations” è stata creata nell’ambito della funzione ”Information Technology”, istituita il 18 marzo 2008, come evidenziato nella stessa memoria difensiva, all’interno della Divisione Technology and Operations, dedicata allo svolgimento delle attività informatiche. 

“Information Technology“ costituiva una struttura unica, dedicata allo sviluppo delle piattaforme informatiche, che prevedeva la presenza di funzioni di ingegneria, deputate alle attività operative di ideazione, innovazione e progettazione di programmi informatici, e di funzioni deputate alla realizzazione, integrazione, applicazione, messa in esercizio, assistenza e supporto tecnico degli stessi. 

Con la disposizione n. 384/2010 del 5-2-2010 le funzioni di realizzazione (Software & Test Factory), di esercizio applicativo (IT Service Operations) ed esercizio infrastrutturale (IT Infrastructures) delle soluzioni informatiche sono state accorpate nella struttura “ IT Operations”, poi oggetto del trasferimento mediante conferimento in S… s.r.l., e separate da IT Governance, assegnataria del compito di “assicurare il presidio dell’efficienza dei processi IT e della qualità dei prodotti realizzati, la predisposizione del Piano Informatico di Gruppo nonché la gestione degli asset concessi in uso alle funzioni di IT Operations”, da quelle di innovazione e progettazione (le cd. Ingegnerie, suddivise per materia: Sell to Cash Design, Creation to Assurance, Enterprise Solutions Design, e da quelle di Technical Security aventi la responsabilità di assicurare standard e livelli di sicurezza adeguati delle piattaforme tecnologiche. 

Come provato dalle deposizioni testimoniali sia prima che dopo la riorganizzazione del 2010, e sia prima che dopo la cessione del ramo “IT Operations”, tutte queste funzioni hanno continuato ad operare in modo sinergico, con una interazione continua che fisiologicamente ne impedisce una autonomia operativa e funzionale

Alla luce di tali risultanze istruttorie risulta dunque accertato che, anche dopo la cessione del ramo IT Operations, le funzioni cedute ( SF, Collaudo ed Esercizio ) abbiano continuato ad operare in costante commistione con le funzioni strategiche di Demand ed Ingegneria, e non da ultimo con quella della Sicurezza, rimaste in T., analogamente a quanto avveniva prima, allorchè costituivano tutte componenti di un unico settore. 

Tale vincolo operativo costante, e tale legame sinergico continuo, le priva di autonomia funzionale e ne impedisce una possibile operatività autonoma, al di fuori della struttura T. in cui sono state create ed organizzate e con cui continuano ad interagire funzionalmente in vista di un processo produttivo che resta unico, seppure ripartito solo formalmente tra due aziende, di cui una interamente partecipata e pacificamente gestita e controllata dall’altra; tanto vale sia per le funzioni cedute che per quelle rimaste nella struttura Information Techonology”. 

 

Avv. Ernesto Maria Cirillo

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il percorso casa-cliente è orario di lavoro

Corte di Giustizia Europea: il tragitto da casa al primo cliente e viceversa costituisce orario di lavoro

Continua

Nuova ASPI

Nuova ASPI: Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Il requisito lavorativo, durata, misura, etc per accedere alla fruizione

Continua

Responsabilità civile dei magistrati

Responsabilità civile dei magistrati: il Tribunale di Verona solleva vari profili di incostituzionalità

Continua

Mobbing e risarcimento

Mobbing e risarcimento: presupposti, danno patrimoniale e non patrimoniale; danno professionale.

Continua

Diritti indisponibili

I diritti indisponibili non sono modificabili attraverso un accordo sindacale di prossimità

Continua

Requisiti d’individuazione lavoratore notturnista

Requisiti utili all’individuazione del lavoratore notturno; definizione del lavoratore notturno, interpretazione del Ccnl telecomunicazioni

Continua

Jobs Act: art. 10 e licenziamenti collettivi

Le novità introdotte rischiano di diventare uno strumento espulsivo nelle mani dell`arbitrio del datore di lavoro

Continua

Lavoratori bancari a rischio

Attenzione alle esternalizzazioni e alle deroghe al CCNL del Credito

Continua

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario: la Cassazione da ragione ai lavoratori

Continua

Concetto giuridico di articolazione d'azienda

Sul concetto giuridico di articolazione di azienda – art. 2112 comma 5: divieto di cessione di singole attività/uffici

Continua

Contratti a termine

Contratti a termine illegittimi e reintegra: spetta al lavoratore l'anzianità di servizio per l'intero periodo lavorato. Sentenza n. 262 del 12/1/15

Continua

Diritto all'Oblio

Diritto degli utenti internet alla cancellazione delle ricerche effettuate tramite i motori di ricerca

Continua

Decreti attuativi del Jobs Act e art. 18

Nella recente formulazione dei Decreti attuativi del Jobs Act e dell`art. 18 si palesano profili di incostituzionalità e ingiustizia sociale

Continua

Aliunde perceptum dei trattamenti previdenziali

Licenziamento illegittimo: le somme percepite a titolo di indennità previdenziale, non sono da detrarre al danno per le retribuzioni non percepite

Continua

Il nuovo Job Act: quale riforma?

Dopo lo svuotamento dell’articolo 18, la nuova proposta della Job Act, che solo in parte risulta innovativa rispetto alla vigente legislazione

Continua

Demansionamento e Quantificazione del danno

L'assegnazione a funzioni di pari livello non significa non demansionare perché occorre salvaguardare il patrimonio professionale del dipendente

Continua

Interposizione di manodopera

Per la Cassazione è vietata quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa

Continua

Job Act

Analisi e conseguenze del D.L. 34 del 20 marzo 2014 sui contratti a tempo determinato e a tempo indeterminato

Continua

Interposizione fittizia di manodopera: licenziamento

Nel caso di interposizione fittizia di manodopera ci si pone la domanda su quali siano i termini per impugnare un licenziamento

Continua

Assorbimento del superminimo

Non è praticabile per il tribunale di Napoli la riduzione della retribuzione attraverso l'assorbimento del superminimo

Continua

Cessioni ramo d’azienda art 2112

Influenza nella giurisprudenza Italiana della sentenza della Corte di Giustizia Europea in tema di cessione di ramo d’azienda (6.3.14 causa C 458/12)

Continua