Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Frazionamento di un bene in condominio

Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

Frazionamento di un bene in condominio - Il frazionamento di un bene di proprietà esclusiva di un condòmino: un caso pratico

La Suprema Corte di Cassazione ha, recentemente, depositato la sentenza n. 26766 del 2014 con la quale ha ribadito il principio secondo il quale in caso di frazionamento della proprietà di un edificio, a seguito del trasferimento, dall’originario unico proprietario ad altri soggetti, di alcune unità immobiliari, si determina una situazione di condominio pro indiviso di quelle parti del fabbricato che, per ubicazione e struttura siano, in tale momento costitutivo del condominio, destinate all’uso comune o a soddisfare esigenze generali e fondamentali del condominio stesso. Ciò, sempre che il contrario non risulti dal titolo, cioè, che il contratto di compravendita immobiliare della singola unità immobiliari non dimostri una chiara volontà di riservare, esclusivamente, a uno dei condomini la proprietà di dette parti e di escluderne gli altri. 

 

L’aver ribadito detto principio (già affermato nel 2002 con la sentenza n. 16292) ha delle implicazioni pratiche molto importanti dal momento che, dopo l’introduzione dell’art. 1117 bis c.c., alcuni interpreti avevano sollevato alcune obiezioni circa la sua attualità. 

Vediamo, nella pratica, quali implicazioni ha l’applicazione di detto principio. 

Poniamo che vi sia un condominio il cui piano interrato sia occupato interamente da un’autorimessa di proprietà di un solo condomino che, ad un certo punto, decida di frazionarla creando cantine e box, con spazi comuni. 

Che cosa accade se le unità immobiliari sorte dal frazionamento vengono vendute a terzi? In che rapporto si pongono, fra loro, i proprietari delle nuove unità immobiliari? Ed in quale rapporto i medesimi si pongono nei confronti del condominio generale di cui faceva parte l’autorimessa originaria? 

La soluzione ai quesiti è, strettamente, connessa sia al principio affermato nella decisione, sopra citata, sia all’applicazione dell’art.1123 c.c., con riferimento all’istituto del c.d. condominio parziale

 

Applicando il principio enunciato dai Giudici della Suprema Corte di Cassazione dobbiamo, innanzitutto, affermare che allorquando il proprietario di un bene immobile lo frazioni e dal frazionamento nascano delle unità immobiliari e degli spazi e dei servizi comuni ad esse, con la vendita del primo immobile ad un terzo, nasce un condominio. 

Qualora, però, il bene frazionato faccia parte di un condominio ciò che nascerà è un condominio parziale che ricorre quando i beni, i servizi e gli impianti inseriti in un fabbricato o nelle sue adiacenze non appartengono a tutti i partecipanti al condominio generale, per titolo di acquisto o per obiettive caratteristiche funzionali o strutturali che li facciano risultare destinati al servizio o al godimento esclusivo di una parte soltanto dell’edificio condominiale. In tal caso si parla, appunto, di condominio parziale, per indicare una collettività condominiale che si forma nell’ambito di una comunità

 

Nel caso pratico, sopra illustrato, abbiamo preso in considerazione l’ipotesi di un’autorimessa frazionata dal cui frazionamento nascano immobili autonomi, destinati alla proprietà di terzi, che abbiamo degli spazi, dei servizi e degli impianti comuni. 

Alla luce dei principi sopra illustrati, con riferimento ai servizi, agli impianti ed ai beni in comune si soli proprietari delle nuove unità immobiliari, sorte dal frazionamento, nascerà un condominio parziale fra i proprietari delle unità immobiliari sorte a seguito del frazionamento. 

Le spese di gestione, relative a detti beni, servizi ed impianti, saranno ripartite fra i condomini del condominio parziale, in base al criterio di ripartizione delle spese di amministrazione condominiale, dettato dal terzo comma dell’art. 1123 c.c., il quale stabilisce che “Se si tratta di cose destinate a servire i condomini in misura diversa, le spese sono ripartite in proporzione all’uso che ciascuno può farne”. 

Ne consegue, pertanto, che alle spese di amministrazione ordinaria e straordinaria, relative ai beni ed ai servizi, sui quali è sorto il condominio parziale, dovranno contribuire solo i proprietari degli immobili sorti a seguito del frazionamento. 

Vi sono, poi, alcuni dubbi da fugare sia con riferimento all’eventuale nomina di un amministratore pro tempore per la gestione dei soli beni e servizi comuni alle unità nate dal frazionamento sia con riferimento al rapporto fra il condominio parziale ed il condominio generale del quale faceva parte il bene immobile frazionato. 

Innanzitutto, è da puntualizzare il fatto che la configurabilità di un condominio parziale non implica l’estraneità o la totale autonomia dello stesso rispetto al condominio nel cui alveo esso si forma. E’ del tutto incontroverso, inoltre, che nelle liti riguardanti il condominio parziale sussiste la legittimazione passiva dell’amministratore pro tempore del condominio generale, del quale la collettività minore non cessa di far parte (cfr. Corte di Cassazione sentenza n. 21.01.2000, n. 651). 

E’, altrettanto, incontroverso che i partecipanti al condominio parziale, proprio perché questo rientra comunque nel più esteso ambito condominiale, devono essere inclusi, con i beni ricompresi nel condominio parziale, nelle tabelle millesimali relative alle spese generali, alla ripartizione delle quali anch’essi devono concorrere. 

Ne consegue che, dal punto di vista pratico, qualora a seguito del frazionamento sia stato variato lo stato dei luoghi sarebbe opportuno verificare la rispondenza delle tabelle millesimali, relative alle spese generali, ed eventualmente, in caso di difformità, nei casi previsti dalla legge, modificarle in conformità. 

Alla luce di quanto sopra, si può concludere che, dal frazionamento, nascono delle unità immobiliari che fanno parte del condominio generale e che costituiscono un condominio parziale con riguardo ai servizi, agli impianti ed ai beni in comune ai soli beni nati dal frazionamento. 

Nell’ambito del condominio parziale, le spese di amministrazione ordinaria e straordinaria sono ripartite fra i soli proprietari delle unità immobiliari sorte a seguito del frazionamento, ai sensi del terzo comma dell’art. 1123 c.c., ma il condominio parziale fa parte del condominio generale, pertanto, i suoi condomini concorrono al pagamento delle spese generali e l’amministratore pro tempore sarà il medesimo del condominio generale.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nullità del contratto di mutuo

Il contratto di mutuo fondiario è nullo se la banca eroga una somma superiore all'80% del valore dell'immobile compravenduto

Continua

Usura e costi eventuali

Tutti i costi pattuiti nel contrato di mutuo, anche se eventuali, devono essere considerati nel calcolo del Taeg da confrontare con il tasso soglia

Continua

Interessi di mora ed usura

Qualora le parti pattuiscano un tasso di mora superiore alla soglia il contratto di mutuo viene convertito in mutuo gratuito

Continua

Sulle linee di credito decide il giudice del conto

Linee di credito e conti anticipi non hanno autonomia rispetto al contratto di conto corrente di riferimento

Continua

Divisione immobiliare giudiziaria

Condanna alla rifusione delle spese di lite per la parte che si oppone alla divisione ingiustificatamente

Continua

Usura e differenziale di mora

Le argomentazioni giuridiche che dovrebbero indurre a considerare nel calcolo del TEG anche il differenziale di mora

Continua

Valore delle istruzioni della Banca d'Italia

Le ragioni che inducono a ritenere che le istruzioni della Banca d'Italia non sono fonti del diritto in tema di calcolo del Teg del contratto di mutuo

Continua

Il contributo in tema di usura: C.M.S. e C.D.S

Illegittimità delle C.M.S. e C.D.F. alla luce della più recente giurisprudenza di merito: le conseguenze pratiche

Continua

Un contributo in tema di usura bancaria

Il dibattito sull'interpretazione dell'art. 644 c.p. in ambito bancario è aperto e attuale, proviamo a fare un po` di chiarezza

Continua

Quando è legittimo aprire una porta caposcala

E' invalida la delibera dellĺassemblea con cui si vieta al proprietario di aprire un varco di collegamento fra il proprio immobile e l'androne.

Continua

Efficacia della sentenza di divisione ereditaria

Il capo della sentenza di primo grado che condanni una parte a pagare all'altra una somma a titolo di conguaglio è provvisoriamente esecutiva

Continua

E' esclusivo il foro del condominio consumatore

Il foro del consumatore è da considerarsi esclusivo ed inderogabile anche allorquando la qualità di consumatore è rivestita dal condominio

Continua

La delibera di approvazione del bilancio

Il Giudice dellĺopposizione a decreto ingiuntivo non ha il potere di sindacare la validità della delibera che ha approvato il bilancio

Continua

Opposizione a Decreto ingiuntivo e precetto

E' inammissibile proporre contestualmente, con lo stesso atto, l`opposizione a decreto ingiuntivo e l`opposizione all`atto di precetto

Continua

Il rapporto fra il condominio ed i suoi fornitori

Ottenuta la condanna del Condominio, il creditore può procedere all'esecuzione contro i singoli morosi in base alla quota di proprietà esclusiva

Continua

Illegittimità della C.M.S. e C.D.F.

Nullità di tutte le clausole comunque denominate che prevedano commissioni a favore delle banche a fronte della concessione di linee di credito

Continua

Diniego illegittimo del permesso di soggiorno

Le condanne relative a reati ostativi non possono comportare automaticamente il diniego del permesso di soggiorno se intervenute prima del 2002

Continua

Recesso ingiustificato del promittente compratore

Il mancato rispetto di un termine intermedio non costituisce grave inadempimento tale da giustificare il recesso del promittente compratore

Continua

L'inquilino nel condominio

Il conduttore di un immobile ha diritto ad essere convocato dall'Amministratore pro tempore; in caso contrario, le delibere approvate saranno viziate

Continua

BULLISMO E CYBERBULLISMO

IL CYBERBULLISMO: DEFINIZIONE, CONDOTTE E MEZZI DI CONTRASTO

Continua