Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Revoca dell`amministratore di condominio

Quando il Giudice, su ricorso di uno o più condomini, può revocare l'amministratore di condominio: la normativa e la procedura

Revoca dell`amministratore di condominio - Quando il Giudice, su ricorso di uno o più condomini, può revocare l'amministratore di condominio: la normativa e la procedura

L'amministratore di condominio può - e putroppo accade spesso - non rispettare i precisi doveri e obblighi che la legge gli impone. 

 

E molte volte, nonostante il malcontento, l'assemblea dei condomini non riesce ad accordarsi sulla revoca. 


E' però possibile, anche per un singolo condomino, ricorrere al Tribunale per far revocare l'amministratore che non rispetti le norme in materia, per esempio perchè non convoca l'annuale assemblea ordinaria, non presenta il rendiconto, omette importanti informazioni, quali l'esistenza di un giudizio promosso da terzi nei confronti del condominio e via dicendo. 

 

Il codice civile, peraltro recentemente riformato, indica con estrema puntualità doveri e obblighi dell'amministratore e, con altrettanta precisione, i diversi motivi che consentono di ottenere un provvedimento giudiziale di revoca. 

 

Naturalmente nel ricorso dovranno essere indicati e documentati tutti i motivi per i quali si chiede la revoca. L'atto viene presentato presso il Tribunale del luogo ove si trova l'immobile, dopodichè ricorso e decreto di fissazione dell'udienza devono essere notificati a cura del ricorrente all'amministratore ed agli altri condomini. 

 

In realtà controparte è solo l'amministratore, ma è ragionevole che tutto il condominio sia informato dell'esistenza del procedimento, in modo da poter, eventualmente, prendervi parte. 

Il procedimento è piuttosto semplice e sostanzialmente non molto oneroso, considerando i costi della Giustizia Italiana. 


Ed in caso di accoglimento l'amministratore resosi colpevole di comportamenti contrari ai propri doveri può essere condannato a pagare le spese sostenute dal condomino o dai condomini ricorrenti. 


Recenti pronunce hanno altresì riconosciuto il diritto per chi si è fatto carico di introdurre il ricorso - e delle relative spese - di ottenere la restituzione pro quota dagli altri condomini. 

 

In sintesi: se il vostro amministratore non si comporta come dovrebbe e non riuscite a trovare un accordo in assemblea, rivolgetevi ad un avvocato per valutare la possibilità di un ricorso. 

Senza dimenticare che tramite ProntoProfessionista.it potete ottenere una prima consulenza gratuita.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Durata irragionevole del processo e "risarcimento"

In ossequio alla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo, la legge riconosce il diritto ad un'equa riparazione

Continua

Ai dipendenti ultimi 3 stipendi e TFR dall'INPS

L'INPS paga le ultime tre mensilità ed il TFR non solo nel caso di fallimento del datore di lavoro, ma anche in caso di mera insolvenza

Continua

DIFFAMAZIONE SU FACEBOOK

Attenzione a post e commenti su Facebook. Come tutelarsi

Continua