Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Il “nesso causale” previsto dalla legge 210/92

In materia previdenziale/assistenziale è sufficiente un coefficiente di ragionevole probabilità, se non contraddetto da altre risultanze processuali

Il “nesso causale” previsto dalla legge 210/92 - In materia previdenziale/assistenziale è sufficiente un coefficiente di ragionevole probabilità, se non contraddetto da altre risultanze processuali

In materia previdenziale - assistenziale (e le provvidenze ex lege 210/1992 relative al danno da vaccino e da somministrazione di emoderivati vi rientrano a pieno titolo), un coefficiente di ragionevole probabilità, se non contraddetto da altre risultanze processuali, è sufficiente a provare il nesso causale.
Una differente interpretazione, tendente ad esempio ad individuare specifiche responsabilità mediche o farmacologiche nella causazione della patologia contrasterebbe sia con la ratio che con la lettera stessa della Legge de quo che, ribadiamo, trattasi di norma di natura previdenziale assistenziale e non risarcitoria, oltre che con le più recenti evidenze scientificostrumentali afferenti alla questione in esame.Tale principio è stato affermato in diverse decisioni della S.C.

Così proprio in tema d’indennizzo previsto “a favore di coloro che presentano danni irreversibili derivanti da epatiti post trasfusionali, dall’articolo 1 comma terzo della legge 25/2/1992 n.210, ovvero, in causa di morte del danneggiato, in favore dei soggetti indicati dall’articolo 2 comma terzo della stessa legge, la prova a aricco dell’interessato ha ad oggetto, a seconda dei casi, l’effettuazione della terapia trasfusionale, il verificarsi dei danni anzidetti o della morte, ed il nesso causale tra i primi e la seconda, da valutarsi secondo un criterio di ragionevole probabilità …” (Cass. sezione lavoro sentenza del 17/1/2005 n. 753).

In senso analogo Cass. Sezione lavoro sentenza del 21/6/2006 n. 14308, secondo cui “In tema di malattia professionale derivante da lavorazione non tabellata la prova della derivazione della malattia da causa di lavoro grava sul lavoratore e di ragionevole certezza, nel senso che, esclusa la rilevanza della mera ossibilità dell’origine professionale, questa può essere invece ravvisata in presenza di un elevato grado di probabilità

In senso del tutto analogo, sempre in tema di malattie professionali, vedi fra le altre, Cass. Sezione lavoro sentenza del 25/10/2005 n. 20665, Cass. Sezione lavoro sentenza dell’11/6/2004 n. 1128, particolarmente significativa Cass. Sentenza del 26/5/2006 n. 12559 secondo cui le conclusioni probabilistiche possono desumersi da dati epidemiologici.

Questo indirizzo interpretativo ha avuto, nel campo dell'autismo da vaccinazione, due importanti precedenti giudiziari con la Sentenza del Tribunale di Busto Arsizio, Sezione Lavoro n° 413 del 2009, confermata in Appello a Milano con la Sentenza n° 387 del 2012. Nella Sentenza di Busto Arsizio, in particolare, il Giudice ha ritenuto che sia sufficiente a provare la sussistenza del nesso eziologico una "ragionevole probabilità", unitamente alla mancanza di prova, da parte del C.T.U., di altre (con)cause determinanti.
Seguendo queste linee guida è possibile ottenere una sentenza di riconoscimento del nesso causale intercorrente fra una qualsiasi patologia ascrivibile alle tabelle della legge 210 del 1992 e le vaccinazioni praticate nell'infanzia, sia obbligatorie che facoltative, compresa la c.d. encefalopatia con tratti autistici, correlabile alle vaccinazioni pediatriche.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
1 Commento

Pietro Carlino

05/03/2015 22:01

nesso casuale o ragionevole probabilità: sono un emotrasfuso dal 1974 (causa incidente stradale)nel 2008 riscontro hcv (esame biopsia) vorrei capire se(escludendo le vicensitudini di circa trentanni)posso essere un miracolato di quegli anni bui,dove migliaia di persone anno contratto il virus?ringrazio di una risposta.

Rispondi

Avv. Saverio Crea

09/03/2015 12:01

Egregio Signor Carlino,

potrà ricevere una consulenza gratuita personalizzata semplicemente contattandomi attraverso il form che troverà in alto a destra (dove è collocata la mia foto), cliccando sulla opzione "richiedi la consulenza". Cordiali saluti.

In risposta al commento di Pietro Carlino

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta
Annulla

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il medico, il vaccino e la petizione galeotta...

Francia: più di un milione di persone a sostegno del Professore che denunciava la pericolosità del vaccino esavalente Infanrix Hexa

Continua

Quando il dente duole

Il danno bioneuropsicologico da responsabilità professionale in campo odontoiatrico ed odontoprotesico

Continua

Vaccini all'asilo...

Ovvero, come violare la legge nazionale cercando pure il plauso dei cittadini...

Continua

Corruzione nella Sanità, una ASL su tre coinvolte

Alcuni dei dettagli trapelati dal rapporto di Transparency fanno rabbrividire... e riflettere

Continua

Non (quasi) è mai troppo tardi...

Considerazioni sulla presunta "intempestività" di una domanda amministrativa ex lege 210 del 1992

Continua

In Lombardia la farmacovigilanza è a rischio?

E’ uno dei fiori all’occhiello della sanità lombarda, ma ormai ci lavora solo un borsista con contratto in scadenza a marzo. Invece all’alba del2014...

Continua

Il futuro (?) della Legge 210 del 1992

Il silenzio rigetto: una prognosi infausta dal sapore antisociale che fa riflettere…

Continua

Salute e diritti: un monito alla classe politica

Il fatto che gli uomini non imparino molto dalle lezioni della storia è l'insegnamento più importante che la storia può offrire. (ALDOUS L. HUXLEY)

Continua

I diritti di chi non vuol vaccinare i propri figli

Si fa un gran parlare, e spesso a sproposito, della proposta di riforma della normativa vigente in materia di vaccinazioni obbligatorie...

Continua

Novità per i danneggiati da sangue infetto!

La patologia psichica come doppia patologia nel danno da emotrasfusione infetta

Continua

Mappatura del sistema linfatico. Una rivoluzione?

Scoperti vasi linfatici nel cervello: possibili nuove spiegazioni alle malattie neurologiche con componente immunitaria

Continua

Danno da vaccino: vittoria a favore dei "fuori termine"!

Non è mai troppo tardi per proporre la domanda ai sensi della legge 210 del 1992...

Continua

Appunti per un nuovo Diritto alla Salute

Libertà di indirizzo alla salute e della scelta terapeutica (in collaborazione con il Dottor Franco Verzella)

Continua

Una rivoluzione copernicana in tema di Sanità

Appunti per un approccio alla salute di tipo multidisciplinare e finalizzato al perseguimento di una stabile condizione di benessere

Continua

La Sensibilità Chimica Multipla e le malattie rare

Esistono molte malattie rare per le quali è possibile chiedere assistenza allo Stato o promuovere una causa risarcitoria in danno dei responsabili.

Continua