Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Assunzione di farmaci e guida in stato d'ebrezza

Non basta a scriminare l'aver ingerito una medicina che può alterare il tasso di alcool nel sangue.

Assunzione di farmaci e guida in stato d'ebrezza - Non basta a scriminare l'aver ingerito una medicina che può alterare il tasso di alcool nel sangue.

 

Non è sufficiente ad evitare la condanna per Guida in stato d'ebrezza addurre la circostanza di aver assunto un farmaco contenente alcool o comunque capace di alterare i valori del sangue. 

 

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione sezione IV penale con una recentissima sentenza del 24 Settembre 2013, andando così ad occuparsi di uno degli argomenti più utilizzati per difendersi contro l'accusa di questa fattispecie di reato. 

 

La Cassazione infatti asserisce che il parametro di riferimento per valutare lo stato di ebbrezza non è l'alcool ingerito, ma quello assorbito dal sangue. 

Si tratta con tutta evidenza di una presunzione assoluta, che porta a ritenere il soggetto in stato di ebbrezza ogni qual volta venga accertato il superamento della soglia di alcolemia massima consentita, senza possibilità da parte del conducente di discolparsi fornendo una prova contraria circa le sue reali condizioni psicofisiche, la sua idoneità alla guida e l'influenza di farmaci".  

 

Pertanto chiunque si metta alla guida di un veicolo, per non incorrere nella violazione dell'art. 186 Codice della Strada, deve astenersi dall'ingerire alcool, a maggior ragione se consapevole di aver assunto farmaci che possono in ipotesi innalzare il tasso alcoolemico. 

 

Una sentenza che certo farà discutere operatori del diritto e medici legali su uno dei punti più controversi relativamente alla Guida in stato di ebrezza.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L’assicurazione paga anche se il veicolo è fermo

Le Sezioni Unite ribadiscono che i danni sono dovuti anche se causati da mezzi in sosta e non in movimento

Continua

Nullo l`investimento se la banca non firma

In caso di omessa firma del funzionario bancario del c.d. contratto quadro sono invalide tutte le operazioni di investimento

Continua

Phishing e responsabilità della banca

Risponde la Banca per mancato adeguamento dei sistemi di sicurezza informatici nel servizio di home banking

Continua

Multato chi impedisce la visita ai figli

La Cassazione ha confermato la legittimità di sanzioni pecuniarie al genitore separato che ostacola il diritto di visita dell'altro coniuge

Continua

Mutuo valido anche con garanzie ridotte

La concessione di un mutuo da parte di un ente bancario e finanziario rimane valida anche in presenza di garanzie rivelatesi poi insufficienti

Continua

Paga la banca se segna male!

Responsabile la banca che inserisca frettolosamente ed erroneamente il nominativo di un cliente alla centrale rischi

Continua