Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Pignoramento presso terzi

Debitore residente o con sede all’estero. La competenza territoriale.

Pignoramento presso terzi - Debitore residente o con sede all’estero. La competenza territoriale.

Abbiamo già parlato delle novità introdotte dal Decreto Legge n. 132/2014, in vigore dall’11 dicembre 2014, in materia di esecuzione coattiva, con specifico riferimento agli artt. 543 e segg. c.p.c. e, pertanto, del pignoramento di crediti del debitore che risultino in possesso di terzi soggetti (Gli aspetti pratici del pignoramento dei crediti presso terzi nella nuova formulazione. Possibili criticità ed eventuali rimedi). 

 

In quella sede, si evidenziava - tra l’altro - come la novella avesse rideterminato la competenza territoriale, infatti, attualmente, per il pignoramento presso terzi competente è il Tribunale nella cui circoscrizione risiede, domicilia, dimora o ha sede il debitore, fatti salvi in cui il debitore è una pubblica amministrazione, per la quale, nelle controversie con un proprio dipendente (Cfr.: art. 413 c. V c.p.c.), competente sarà il Tribunale nel cui circondario risiede, domicilia, dimora o ha sede il terzo. 

 

Ciò rileva dalla modifica apportata all’art. 26 c.p.c., dall’art. 19 co. 1, lett a) e b) DL 132/2014 convertito in L. 162/2014: “1. Al codice di procedura civile sono apportate le seguenti modificazioni: a) all'articolo 26, il secondo comma è sostituito dal seguente: "Per l’esecuzione forzata su autoveicoli, motoveicoli e rimorchi è competente il giudice del luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede"; b) dopo l'articolo 26 è inserito il seguente: «Art. 26-bis (Foro relativo all'espropriazione forzata di crediti). - Quando il debitore è una delle pubbliche amministrazioni indicate dall'articolo 413, quinto comma, per l'espropriazione forzata di crediti è competente, salvo quanto disposto dalle leggi speciali, il giudice del luogo dove il terzo debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede. Fuori dei casi di cui al primo comma, per l'espropriazione forzata di crediti è competente il giudice del luogo in cui il debitore ha la residenza, il domicilio, la dimora o la sede.»”. 

 

Il problema, già da molti sollevato, si pone nel momento in cui il debitore risulti residente (o con sede) all’estero e, tuttavia, si voglia sottoporre a pignoramento crediti del debitore verso terzi o cose del debitore che sono in possesso di terzi, residenti o con sede in Italia. 

 

L’art. 26 bis c.p.c., infatti, pur nella recente formulazione, non prevede la suddetta ipotesi (debitore con domicilio o sede estera e terzo con domicilio o sede in Italia). 

 

Vista la recente introduzione della norma e, conseguentemente, l’assenza di precedenti giurisprudenziali, considerato altresì che la competenza territoriale per l’esecuzione forzata, per espressa previsione normativa (art. 38 c.p.c.), non è derogabile, risultando, quindi, rilevabile anche d’ufficio, la questione non è di poco conto. 

 

Ad avviso di chi scrive due possono essere le possibili soluzioni per ovviare alla mancanza di specifica previsione legislativa. 

 

1) Il foro generale delle persone fisiche, di cui all’art. 18 c.p.c., laddove è espressamente contemplato che: “Se il convenuto non ha residenza, né domicilio, né dimora nello Stato o se la dimora è sconosciuta, è competente il giudice del luogo in cui risiede l'attore”, ma ciò non risolverebbe il problema nel caso in cui il debitore (convenuto) sia una persona giuridica, atteso che la norma richiamata disciplina esclusivamente i casi in cui il convenuto sia persona fisica; 

 

2) Più pertinente, allora, appare il richiamo all’art. 26 c.p.c. e, pertanto, al foro generale dell’esecuzione forzata, nel quale viene esplicitamente previsto come: “Per l'esecuzione forzata su cose mobili (ndr: tra cui il denaro e altri beni) o immobili è competente il giudice del luogo in cui le cose si trovano”. 

 

Ciò posto, in caso di debitore residente (o con sede) all’estero, la competenza territoriale dovrebbe radicarsi, in virtù della norma di portata generale sopra richiamata (art. 26 c.p.c.), presso il giudice del luogo in cui i beni mobili si trovano e, quindi, in caso di pignoramento presso terzi, nel luogo in cui il terzo detiene i beni o le somme di denaro di pertinenza del debitore. 

 

A favore dell’ultima riferita tesi deporrebbero due ordini di ragioni. 

 

La prima, quella per cui la competenza territoriale per l’esecuzione forzata è inderogabile, di talché preferibile risulta l’applicazione della norma di riferimento in materia di esecuzione forzata in generale; la seconda è quella ricavabile dalla convenzione di Bruxelles del 1968, concernente la competenza giurisdizionale, il riconoscimento e l’esecuzione delle decisioni in materia civile, commerciale e regolamento - debitamente ratificata con legge dello stato italiano - la quale, all’art. 32 co. II, in materia di “esecuzione”, espressamente dispone come: “Il giudice territorialmente competente è determinato dal domicilio della parte contro cui viene chiesta l'esecuzione. Se tale parte non è domiciliata nel territorio dello Stato richiesto, la competenza è determinata dal luogo dell'esecuzione”. 

 

Tenuto conto delle peculiarità dell’espropriazione forzata presso terzi, nella quale i soggetti “contro cui viene chiesta l’esecuzionerisultano sempre - almeno - due (debitore e terzo), se la parte debitrice non è domiciliata nello stato italiano, a differenza del terzo esecutato, la competenza territoriale dovrebbe determinarsi in virtù del “luogo dell’esecuzione, vale a dire il luogo dove il terzo esecutato possiede, per conto del debitore, somme di denaro o cose. 

 

Ad ogni modo, da qui a breve, la questione verrà sottoposta sicuramente a vaglio della giurisprudenza, sia di merito che di legittimità, per una definitiva, e si spera organica, risoluzione della problematica emersa in sede di prima concreta applicazione della norma.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

L'accordo transattivo dell’assemblea condominiale.

La transazione non può impedire al condomino la tutela in giudizio del proprio diritto di proprietà.

Continua

Insidia stradale e concorso di colpa

L'imprescindibile rilevanza del comportamento colposo del danneggiato: la sentenza della Suprema Corte n. 15859 del 28.07.2015

Continua

I debiti contratti dal condominio

Sapere per difendersi meglio. Condomini morosi: obblighi dell’amministratore, la solidarietà passiva e il principio di parziarietà

Continua

Incidenti e coordinamento con la negoziazione

Il risarcimento danni da sinistro stradale e il coordinamento con la negoziazione assistita obbligatoria. Gli aspetti pratici dell’invito alla negoziazione

Continua

Danno da fermo tecnico per incidente stradale

Il contrasto giurisprudenziale: il danno è o non è in re ipsa?

Continua

Il condomino “sporcaccione” o “prepotente”

La condanna penale e l’azione civile per il risarcimento dei danni

Continua

L'amministratore di condominio privo dei requisiti

Quando l'assemblea nomina un amministratore di condominio privo delle qualità e dei requisiti necessari. Cosa fare e come tutelarsi?

Continua

Il risarcimento danni da sinistro stradale

Il coordinamento con la negoziazione assistita obbligatoria. Gli aspetti pratici dell’invito alla negoziazione

Continua

Riforma del lavoro, cosa cambia?

Gli interrogativi sulle nuove assunzioni e le regole in caso di licenziamento previste dal “Jobs Act”

Continua

Il risarcimento danni da sinistro stradale

Dall’identificazione dei testimoni al risarcimento del danno non patrimoniale. Le modifiche al Codice delle Assicurazioni

Continua

Il trasferimento del dirigente sindacale.

La necessità del nulla osta dell’organizzazione sindacale di riferimento e le ipotesi di condotta antisindacale.

Continua

Il risarcimento danni da sinistro stradale

La risarcibilità delle lesioni solo se accertate strumentalmente

Continua

In bicicletta ubriaco: è guida in stato di ebbrezza

La Corte di Cassazione ribadisce il proprio orientamento

Continua

La nullità dell’atto di citazione

L'omissione o assoluta incertezza del petitum. La Suprema Corte chiarisce quando ricorrono i presupposti

Continua

Pignoramento presso terzi

Debitore residente all’estero e terzo residente in Italia. Quid iuris per la competenza territoriale?

Continua

La tutela del credito

Gli atti di disposizione del patrimonio del debitore e le "contromisure" del creditore: l’azione revocatoria ordinaria

Continua

Mai più precari

La Corte di Giustizia Europea e il Tribunale di Napoli dichiarano l’illegittimità dei reiterati contratti a tempo determinato.

Continua

La mediazione e la negoziazione assistita.

I casi di obbligatorietà e gli aspetti procedurali.

Continua

Apprendistato

Le novità contenute nel “Jobs Act”: disciplina, campo di applicazione, risoluzione e regime sanzionatorio

Continua

Separazione e divorzio

Le novità introdotte dal DL 132/2014: la negoziazione assistita dagli avvocati e l’accordo dinnanzi all’ufficiale dello stato civile

Continua

I rapporti tra amministratore e condomini

L’analisi dei requisiti per la nomina, la revoca o le dimissioni. Dubbi interpretativi e approfondimenti

Continua

La ricerca telematica dei beni da pignorare

La procedura da seguire e i profili sistematici

Continua

Il pignoramento dei crediti presso terzi

Le novità introdotte dalla riforma. Possibili criticità ed eventuali rimedi

Continua

Il coordinamento tra gli artt. 183 e 183 bis cpc

Questioni procedurali, le possibili insidie

Continua