Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Via i solfati (e i cloruri) dai reflui conciari

Una tecnica alternativa che permette la rimozione pressochè totale dei solfati e una buona riduzione dei cloruri dagli scarichi conciari.

Via i solfati (e i cloruri) dai reflui conciari - Una tecnica alternativa che permette la rimozione  pressochè totale dei solfati e una buona riduzione dei cloruri dagli scarichi  conciari.

Attraverso il ciclo di lavorazione, denominato concia, la pelle da prodotto putrescibile viene trasformata in prodotto imputrescibile e, quindi, utilizzabile dall'uomo nei settori dell'abbigliamento, delle calzature e della pelletteria.
L'industria conciaria, sia per la molteplicità/complessità delle lavorazioni a cui la pelle deve essere sottoposta, sia per la vasta gamma di prodotti chimici, è un'industria ad alto impatto ambientale in tutte le tre aree: ARIA , ACQUA e RIFIUTI. 

 

Con questo articolo vengono descritte tecniche alternative chimico-fisiche capaci di ridurre le concentrazoni dei cloruri e dei solfati negli scarichi conciari depurati.
L'inquinamento degli scarichi conciari è dovuto essenzialmente a:
-elevato carico organico;
-solfuri se è previsto l'utilizzo di pelli grezze, ovvero viene eseguita la depilazione;
-solfati;
-cloruri;
-tensioattivi;
-azoto proteico e azoto ammoniacale;
-cromo trivalente. 

 

Sia per lo scarico in pubblica fognatura sia per lo scarico in acque superficiali il limite imposto dal D. lgs. 152/2006 è il seguente:
w  cloruri   1200  mg/l
w  solfati     1000  mg/l
Di norma negli scarichi conciari la concentrazione di questi ioni è di gran lunga superiore ai limiti di legge e questo crea non poche difficoltà alle aziende conciarie. 

 

Il ciclo depurativo degli scarichi conciari, di norma, è così composto:                                        
- grigliatura;
- omogeneizzazione;
- trattamento chimico-fisico di chiari flocculazione; - pre-denitrificazione;  
- ossidazione-nitrificazione biologica "a fanghi attivi" a basso carico;  
- sedimentazione;
- disinfezione finale 

 

Le prove effettuate su impianto di depurazione esistente hanno consentito di individuare l'idrossido di bario ottaidrato come il reattivo idoneo alla riduzione pressochè totale dei solfati ed ad una buona riduzione dei cloruri.
L'idrossido di bario è stato dosato stechiometricamente rispetto alla quantità di solfati da rimuovere e consentire il rispetto del limite di accettabilità previsto dal D. Lgs. 152/2006.
L'idrossido di bario, in presenza di solfati, si trasforma in solfato di bario che, essendo insolubile in acqua, precipita sotto forma di fango e consente, pertanto, la rimozione dei solfati.
Durante la sperimentazione si è avuto modo di osservare che la rimozione pressoché totale dei solfati è stata sempre accompagnata da una discreta riduzione dei cloruri

 

Rispetto agli impianti esistenti la rimozione dei solfati comporta dal punto di vista impiantistico la realizzazione di una vasca di reazione attrezzata con agitatore capace di realizzare il tempo di contatto sufficiente al completamento della reazione chimica tra idrossido di bario e solfati. 
Nell'economia di gestione dell'impianto il costo da sostenere per l'acquisto/consumo dell'idrossido di bario è compensato dal minor acquisto/consumo di calce superventilata.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Acque meteoriche di dilavamento (AMD), inquinamento

Cosa sono le acque meteoriche di dilavamento. Origini del loro inquinamento e i principali inquinanti correlati

Continua

Acque meteoriche di dilavamento (AMD): linee guida

Le norme per il controllo acque di prima pioggia e lavaggio aree esterne e le attività obbligate ad idoneo trattamento depurativo delle stesse

Continua

Depurazione delle acque reflue da industria ceramica

Le acque di scarico da industria ceramica, adeguatamente trattate, possono essere riutilizzate nel ciclo produttivo preservando le acque di falda

Continua

Depurazione acque reflue da industria enologica

Le acque reflue da industria enologica presentano un carico inquinante di natura organica che viene depurato mediante processi biologici aerobici

Continua

Depurazione dei reflui da industria lattiero-casearia

Le operazioni nell'industria lattiero-casearia e gli inquinanti contenuti nelle acque di scarico; come dimensionare un idoneo impianto di depurazione

Continua

Fitodepurazione a flusso sommerso orizzontale

Un sistema naturale per depurare le acque reflue civili e industriali che riproduce i processi tipici di ambienti acquatici e zone umide

Continua

Acque sotterranee contaminate da tetracloroetilene

L'emungimento di acque sotterranee contaminate in sito con attività in esercizio è da considerarsi Misura di Messa in Sicurezza d'Emergenza (MISE)

Continua

Trattamenti biologici "a fanghi attivi"

Un compendio dei parametri di progetto da adottare per trattamenti biologici "a fanghi attivi" di reflui domestici e industriali.

Continua