Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Nuove ipotesi di reverse charge 2015

Dal 1 gennaio 2015 sono state introdotte nuove tipologie di operazioni soggette al reverse charge: prestazioni di pulizia e installazione di impianti

Nuove ipotesi di reverse charge 2015 - Dal 1 gennaio 2015 sono state introdotte nuove tipologie di operazioni soggette al reverse charge: prestazioni di pulizia e installazione di impianti

Il reverse charge è il meccanismo in base al quale l'obbligo di assolvimento dell'Iva passa dal soggetto che emette fattura a colui che la riceve. Il fornitore del servizio emetterà quindi una fattura senza Iva, essa sarà integrata dal ricevente il servizio, che procederà a registrarla e successivamente a versare l’imposta, con una doppia registrazione sia nel registro iva degli acquisti, sia in quello delle vendite.
Tale meccanismo di applica esclusivamente nelle operazioni intercorse tra soggetti passivi d'imposta, non potendosi applicare alle cessioni/prestazioni di servizi operate verso soggetti privati.

La Legge di stabilità 2015, ha previsto un’estensione dell’utilizzo del meccanismo del reverse charge, già obbligatorio per i subappalti in edilizia, anche ai seguenti settori:
- alle prestazioni di servizi di pulizia, demolizione, installazione di impianti e completamento relative ad edifici;
- ai trasferimenti di quote di emissioni di gas a effetto serra ex art. 3, Direttiva n. 2003/87/CE, altre unità che possono essere utilizzate dai gestori per conformarsi alla citata Direttiva, certificati relativi a gas e energia elettrica,
- alle cessioni di gas e di energia elettrica ad un soggetto passivo rivenditore ex art. 7-bis, comma 3, lett. a), DPR n. 633/72,
- alle cessioni di bancali in legno (pallet) destinati ai cicli di utilizzo successivi al primo 

 

Con riferimento alle nuove ipotesi introdotte dalla Legge di stabilità per il 2015, con l’intento di contrastare l’evasione dell’Iva, non è stato fornito nessun chiarimento da parte dell’Agenzia delle Entrate. Pertanto ad oggi sono numerosi i dubbi che incontrano gli operatori, in particolare impiantisti e imprese di pulizie, nell’individuare correttamente quali operazioni ricadano effettivamente nel perimetro di applicazione del reverse charge. 

 

Uno dei principali dubbi che ci si trova ad affrontare è connesso alla valutazione, se le prestazioni di manutenzione sugli impianti/edifici debbano o meno essere fatturati in reverse charge. Il dubbio è generato dal fatto che, mentre la disposizione di legge non fa alcun riferimento alle manutenzioni, i codici attività che rientrano nel gruppo ateco 43 “installazione d’impianti” contengono espressamente la dicitura “inclusa manutenzione e riparazione”. Si deve dunque privilegiare la lettera della norma o il contenuto delle indicazioni contenute nei codici attività richiamati dalla norma? Un’interpretazione sistematica porterebbe a ricomprendere anche le operazioni di manutenzione, ma sul punto è certamente necessario un chiarimento ufficiale. 

 

E’ bene sottolineare come nell’incertezza obiettiva della norma, per effetto delle disposizioni contenute nello statuto del contribuente, non siano sanzionabili eventuali comportamenti non corretti, fintanto che non sarà pubblicata una circolare esplicativa in tal senso.
Dovrà comunque esserci un comportamento coerente dei contribuenti che tratti allo stesso modo le stesse operazioni senza “piegarsi” alle considerazioni di ciascun cliente. 

 

Un’ultima precisazione che è possibile fare è relativa al campo di applicazione del meccanismo: si applicherà sempre e solo con riferimento alle prestazioni di servizio connesse ad un edificio. Sono pertanto escluse le cessioni di beni con posa in opera.
Inoltre, non rileverà tanto il codice attività del prestatore di servizi, ma si dovrà verificare se la tipologia di servizio effettivamente prestata rientra o meno tra i codici attività ateco 81.2 o 43.
Al momento per chiarire i molteplici dubbi generati dalla novità normativa, è indispensabile un intervento dell’Agenzia delle Entrate, che ci si augura arrivi quanto prima.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Indennità di fine rapporto di agenzia

Disciplina civilistica e fiscale delle indenntià di fine rapporto di agenzia. Imposte dirette e indirette

Continua

E-commerce indiretto

Vedite sul web: disciplina fiscale delle vedite on-line di beni

Continua

PMI: liquidità cercasi

Come ottenere finanziamenti oggi? Esiste la possibilità di ottenere preziose garanzie da fornire alle banche senza esporre direttamente l'imprenditore

Continua