Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Affidamento condiviso

Concetto di affido condiviso e residenza del minore

Affidamento condiviso - Concetto di affido condiviso e residenza del minore

Secondo la nuova disciplina sulla riforma dell'affidamento dei figli minori il giudice della separazione o del divorzio deve valutare se i genitori, dopo al convivenza, siano ancora in grado di continuare ad occuparsi dei figli senza dover necessariamente indicare quale dei due debba essere considerato affidatario esclusivo. 

La figura dell'affido in favore di un solo genitore, invece, Ŕ circoscritta ai soli casi in cui il giudice ritenga che l'affido condiviso sia contrario all'interesse del minore. 

Nella normalitÓ dei casi, quindi, il giudice non esprime una preferenza per l'uno e per l'altro dei coniugi ma attribuisce ad entrambi i genitori la piena responsabilitÓ di continuare ad occuparsi dei figli anche dopo la separazione.  

L'affidamento monogenitoriale sarÓ limitato solo a quei casi in cui il giudice ritenga che l'affido ad entrambi sia contrario all'interesse del minore.  

Con lo strumento dell'affido condiviso il giudice valuta la possibilitÓ dei genitori di continuare condividere tutto quanto necessario alla crescita della prole come avveniva prima della separazione. 

Tuttavia, Ŕ bene precisare che il nuovo istituto giuridico introdotto con la legge 54/2006 non ha cancellato i precedenti fondamenti della separazione, ossia, i compiti di custodia del minore (affidamento), quelli di residenza (tempi e modalitÓ di permanenza) e di mantenimento (contribuzione). 

Anche alla luce della nuova disciplina dovranno essere stabiliti i tempi e le modalitÓ di permanenza del figlio presso ciascun genitore. Il Giudice dovrÓ ancora indicare la residenza del figlio. Quindi, continuerÓ ad esserci un solo genitore collocatario del figlio, in assoluta coerenza con le esigenze psicologiche del minore ed il suo bisogno ad avere una propria stabile collocazione anagrafica con un genitore. 

Per ci˛ che concerne l'esercizio della potestÓ, invece, la riforma non prevede che dopo la separazione i genitori debbano esercitare congiuntamente la potestÓ (cioŔ nello stesso tempo), ma solamente che la potestÓ debba essere esercitata da entrambi.  

Ciascuno dei genitori, quindi, avrÓ la possibilitÓ di decidere e attuare quanto ritiene giusto per l figlio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Diritto del minore rispetto ai genitori

Diritto del minore a mantenere un rappporto equilibrato e continuativo con i genitori

Continua

Diritto del minore nella separazione

Diritto del minore a mantenere un rapporto equilibrato e continuativo con i genitori

Continua

Assegno di mantenimento in favore dei figli

Criteri di determinazione dell'assegno di mantenimento in caso di divorzio o separazione

Continua

Assegno di mantenimento in favore dei figli

Determinazione dell'assegno di mantenimento in favore dei figli

Continua

Assegno di mantenimento in favore dei figli

Determinazione dell'assegno di mantenimento in favore dei figli

Continua

Famiglia di fatto

La convivenza more uxorio quali tutele riserva ai conviventi

Continua

Convivenza more uxorio. Tutela patrimoniale

Quali sono le tutele patrimoniali dell`ex convivente in caso di cessazione della convivenza? Tutele della famiglia di fatto

Continua

Risarcimento lesione alla libertà sessuale

La lesione alla libertà sessuale va risarcito

Continua

Lesioni alla sfera sessuale

Risarcimento del danno alla sfera sessuale all'interno della coppia

Continua

Separazione: mantenimento figli maggiorenni

Separazione: persista l'obbligo di mantenimento in favore dei figli anche dopo il raggiungimento della maggiore età

Continua

Comunione legale o separazione dei beni coniugali

quali sono i beni che rientrano nella comunione dei beni e quelli che sono di proprietà esclusiva di un solo coniuge

Continua