Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario: la Cassazione da ragione ai lavoratori

Cessione di ramo di azienda nel settore bancario - Cessione di ramo di azienda nel settore bancario: la Cassazione da ragione ai lavoratori

La Suprema Corte di Cassazione con la sentenza 17901 del 12 agosto 2014, decidendo su di una cessione del settore bancario, sovrapponibile al caso in esame, ha stabilito: “La giurisprudenza di questa Corte è oramai orientata nel ritenere operante, anche a seguito del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 32, il principio per cui per "ramo d'azienda", ai sensi dell'articolo 2112 c.c., deve intendersi ogni entità economica organizzata la quale, in occasione del trasferimento, conservi la sua identità - come del resto previsto dalla prima parte del Decreto Legislativo n. 276 del 2003, articolo 32- presupponendo ciò comunque una preesistente entità produttiva funzionalmente autonoma (potendo conservarsi solo qualcosa che già esiste), e non anche una struttura produttiva creata ad hoc in occasione del trasferimento o come tale unicamente identificata dalle parti del negozio traslativo, essendo preclusa l'esternalizzazione come forma incontrollata di espulsione di frazioni non coordinate fra loro, di semplici reparti o uffici, di articolazioni non autonome, unificate soltanto dalla volontà dell'imprenditore e non dall'inerenza del rapporto ad una entità economica dotata di autonoma ed obiettiva funzionalità (Cfr.Cass. 15 aprile 2014 n. 8757, Cass. 4 dicembre 2012 n. 21711 e nello stesso senso Cass. 8 giugno 2009 n. 1317 e Cass. 9 ottobre 2009 n. 21481).  

Del resto, come pure affermato da questa Corte, non puo' ammettersi un trasferimento di ramo d'azienda con riferimento alla sola decisione, assunta dal soggetto cedente, di unificare alcuni beni e lavoratori, affidando a questi un’unica funzione al momento del trasferimento. Tanto, infatti contrasterebbe, e con le direttive comunitarie nn. 1998/50 e 2001/23 che richiedono già prima di quest'atto "un`entità economica che conservi la propria identità" ossia un assetto già formato, e con gli articoli 4 e 36 Cost. che impediscono di rimettere discipline inderogabili di tutela dei lavoratori (sent. n. 115 del 1994 della Corte Cost.) ad un mero atto di volontà del datore di lavoro, incontrollabile per l'assenza di riferimento oggettivi (Cfr. 15 aprile 2014 n. 8757 e Cass. 4 dicembre 2012 n. 21711 cit.).  

Né  a diverse conclusioni può indurre la sentenza 6 marzo 2014 della Corte di Giustizia resa nella causa Lorenzo Amatori e altri C-458/12, secondo la quale l'articolo 1, par. 1, lettera a) e b), della direttiva 2001/23/CE del Consiglio, del 12 marzo 2001, concernente il ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri relative al mantenimento dei diritti dei lavoratori in caso di trasferimenti di imprese, di stabilimenti o di parti di imprese o di stabilimenti, deve essere interpretato nel senso che non osta ad una normativa nazionale, come quella oggetto del procedimento principale, la quale, in presenza di un trasferimento di una parte di impresa, consenta la successione del cessionario al cedente nei rapporti di lavoro nell'ipotesi in cui la parte di impresa in questione non costituisca un’entità economica funzionalmente autonoma preesistente al suo trasferimento. La richiamata pronuncia, infatti, interviene su questione pregiudiziale sollevata dal Tribunale di Trento che muove dall'errato presupposto che la norma interna, quale quella dettata dall'articolo 2112 c.c. comma 5, consente la successione del cessionario nei rapporti di lavoro del cedente, senza necessità del consenso dei lavoratori ceduti, anche qualora la parte di azienda oggetto del trasferimento non costituisca un’entità economica funzionalmente autonoma già preesistente al trasferimento, tanto da poter essere identificata come tale dal cedente e dal cessionario al momento del suo trasferimento. Inoltre la sentenza comunitaria va letta, non nel senso che non occorre, ai fini di cui trattasi, il requisito della preesistenza, ma che è consentito agli stati membri prevedere una norma che estenda l'obbligo di mantenimento dei diritti dei lavoratori trasferiti anche in caso di non preesistenza del ramo d'azienda. 

D'altro canto la stessa Corte, nella citata sentenza, ribadisce che, ai fini dell'applicazione della richiamata direttiva 2001/23, l’entità economica in questione deve in particolare, anteriormente al trasferimento, godere di un'autonomia funzionale sufficiente

Alla stregua delle svolte considerazioni, pertanto, non è corretta in diritto la sentenza impugnata la quale ha ritenuto che ai sensi del novellato articolo 2112 c.c. le parti potessero al momento del trasferimento identificare il ramo d'azienda da cedere.  

Il motivo in esame va, quindi, accolto rimanendo assorbita la seconda censura. La sentenza impugnata va, di conseguenza, cassata con rinvio alla Corte di Appello di Napoli in diversa composizione che, provvedendo anche sulle spese del giudizio di legittimità, farà applicazione del principio di diritto sopra enunciato.” 

 

Avv. Ernesto Maria Cirillo

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il percorso casa-cliente è orario di lavoro

Corte di Giustizia Europea: il tragitto da casa al primo cliente e viceversa costituisce orario di lavoro

Continua

Nuova ASPI

Nuova ASPI: Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI). Il requisito lavorativo, durata, misura, etc per accedere alla fruizione

Continua

Responsabilità civile dei magistrati

Responsabilità civile dei magistrati: il Tribunale di Verona solleva vari profili di incostituzionalità

Continua

Mobbing e risarcimento

Mobbing e risarcimento: presupposti, danno patrimoniale e non patrimoniale; danno professionale.

Continua

Diritti indisponibili

I diritti indisponibili non sono modificabili attraverso un accordo sindacale di prossimità

Continua

Requisiti d’individuazione lavoratore notturnista

Requisiti utili all’individuazione del lavoratore notturno; definizione del lavoratore notturno, interpretazione del Ccnl telecomunicazioni

Continua

Jobs Act: art. 10 e licenziamenti collettivi

Le novità introdotte rischiano di diventare uno strumento espulsivo nelle mani dell`arbitrio del datore di lavoro

Continua

Lavoratori bancari a rischio

Attenzione alle esternalizzazioni e alle deroghe al CCNL del Credito

Continua

Concetto giuridico di articolazione d'azienda

Sul concetto giuridico di articolazione di azienda – art. 2112 comma 5: divieto di cessione di singole attività/uffici

Continua

Contratti a termine

Contratti a termine illegittimi e reintegra: spetta al lavoratore l'anzianità di servizio per l'intero periodo lavorato. Sentenza n. 262 del 12/1/15

Continua

Diritto all'Oblio

Diritto degli utenti internet alla cancellazione delle ricerche effettuate tramite i motori di ricerca

Continua

Cessione di ramo d`azienda: preesistenza del ramo

Una recente sentenza del Tribunale di Napoli applicando i principi di preesistenza invalida una cessione di IT OPERATION

Continua

Decreti attuativi del Jobs Act e art. 18

Nella recente formulazione dei Decreti attuativi del Jobs Act e dell`art. 18 si palesano profili di incostituzionalità e ingiustizia sociale

Continua

Aliunde perceptum dei trattamenti previdenziali

Licenziamento illegittimo: le somme percepite a titolo di indennità previdenziale, non sono da detrarre al danno per le retribuzioni non percepite

Continua

Il nuovo Job Act: quale riforma?

Dopo lo svuotamento dell’articolo 18, la nuova proposta della Job Act, che solo in parte risulta innovativa rispetto alla vigente legislazione

Continua

Demansionamento e Quantificazione del danno

L'assegnazione a funzioni di pari livello non significa non demansionare perché occorre salvaguardare il patrimonio professionale del dipendente

Continua

Interposizione di manodopera

Per la Cassazione è vietata quando al committente è messa a disposizione una prestazione meramente lavorativa

Continua

Job Act

Analisi e conseguenze del D.L. 34 del 20 marzo 2014 sui contratti a tempo determinato e a tempo indeterminato

Continua

Interposizione fittizia di manodopera: licenziamento

Nel caso di interposizione fittizia di manodopera ci si pone la domanda su quali siano i termini per impugnare un licenziamento

Continua

Assorbimento del superminimo

Non è praticabile per il tribunale di Napoli la riduzione della retribuzione attraverso l'assorbimento del superminimo

Continua

Cessioni ramo d’azienda art 2112

Influenza nella giurisprudenza Italiana della sentenza della Corte di Giustizia Europea in tema di cessione di ramo d’azienda (6.3.14 causa C 458/12)

Continua