Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

L'omossessualità: causa di nullità del matrimonio?

Solo se ha impedito lo svolgimento della vita matrimoniale, sia ai fini della procreazione che come scambio dei valori connessi alla sessualità

L'omossessualità: causa di nullità del matrimonio? - Solo se ha impedito  lo svolgimento della vita matrimoniale,  sia ai fini della procreazione che  come scambio dei valori connessi alla sessualità

Ritenere che non sia offensivo tacciare  la omosessualità come una  "devianza sessuale", dal momento che si tratterebbe quasi di un modo di dire   "... di formula ripetitiva di quella contenuta nell'art. 122, comma 3, n° 1, CC, il cui utilizzo non ha alcun intento offensivo della  controparte, ma trova giustificazione nell'esigenza difensiva connessa alla proposizione della domanda di annullamento del matrimonio...", equivale ad affermare  che  l'omosessualità è  una malattia fisica o psichica o una anomalia o, appunto,  una deviazione sessuale.

E se a sottoscrivere una così evidente ed aberrante conclusione è il Tribunale di Cosenza, con ordinanza della Camera di Consiglio del 19.02.2015, occorre preoccuparsi. A nulla o a poco è valsa e vale, quindi, la risoluzione  storica del  17 maggio 1990, con cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)  scrive una pagina di civiltà riconoscendo, contro ogni discriminazione e sentiment omofobo,  che l'omosessualità non è una malattia, bensì una variabile normale del comportamento sessuale umano.
Così come poco importa se  la dottrina e la giurisprudenza più qualificata e di  più recente e civile formazione (Vedi Tribunale Milano, sez. IX civile, sentenza 13.02.2013  ), ritiene che il matrimonio  può essere annullabile anche per l’omosessualità tenuta nascosta  del coniuge, se questo abbia indotto in  errore l’altro coniuge e se non abbia consentito lo svolgimento della vita coniugale,  ma  non certo a norma del dell’art. 122, comma 3, n° 1 del codice di procedura civile, proprio  perché la omosessualità (precedente, successiva, dichiarata, nascosta ecc. ecc. ecc)  non  è una malattia e non può essere indicata come una devianza.

Tutt'al più la nullità può essere richiesta e dichiarata, sempre che provata, ai  sensi e per gli effetti  del comma 1 dello stesso articolo e cioè per errore sull’identità complessiva del coniuge e  sempre che il coniuge  pur sapendo  di essere gay lo ha taciuto volontariamente, inducendo l’altro in errore,  e comunque,  impedendo la procreazione e cagionando anche l’assenza di rapporti sessuali fin dall'inizio del matrimonio e non certo perchè, dopo anni di convinvenza more uxorio, si è smesso di volersi, di cercarsi e di trovarsi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Negoziazione obbligatoria assistita

E' il debutto di una semplificazione o l'esordio dell'ennesima stratificazione di norme? La seconda che hai detto

Continua

Iudex iuxta alligata et probata iudicare debet

Opposizione all'esecuzione ex art. 615, 2° comma cpc, tra facoltà e oneri delle parti processuali

Continua

La Mafia Capitale e la legislazione impotente

T.U.E.L. Dlg 267/2000, la legislazione di emergenza e l'incapacità di contrastare con efficacia le infiltrazioni e i condizionamenti di tipo mafioso

Continua