Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

La nuova moratoria di mutui e finanziamenti alle Pmi

La c.d. Legge di Stabilità 2015 ha previsto (Art. 1, comma 246) una nuova moratoria dei mutui e dei finanziamenti accordati alle famiglie ed alle PMI

La nuova moratoria di mutui e finanziamenti alle Pmi - La c.d. Legge di Stabilità 2015 ha previsto (Art. 1, comma 246) una nuova moratoria dei mutui e dei finanziamenti accordati alle famiglie ed alle PMI

La c.d. Legge di Stabilità 2015 ha previsto (Art. 1, comma 246) una nuova moratoria dei mutui e dei finanziamenti accordati alle famiglie ed alle micro, piccole e medie imprese, come individuate dalla Raccomandazione n. 2003/361/CE della Commissione del 06.05.2003. 

 

In sostanza, si tratta della possibilità di sospendere il pagamento della quota capitale della rata dei mutui e dei finanziamenti, dal 2015 al 2017, secondo le coordinate di un intesa da raggiungersi, entro fine marzo 2015, tra Ministero dell’Economia, Sviluppo Economico, Associazione Bancaria Italiana (ABI) e Associazioni delle imprese e dei consumatori. 

 

In attesa che si definisse il nuovo quadro normativo, ABI e le Associazioni rappresentative del mondo imprenditoriale hanno prorogato fino al 31.03.2015 il termine di validità dell’Accordo per il Credito 2013, in scadenza al 31.12.2014. 

 

Tale Accordo prevede – su base volontaria ma con forte connotazione di moral suasion - la possibilità che le Banche concedano alle imprese di sospendere per 12 mesi il pagamento della quota capitale delle rate di mutui e di leasing e di allungare la durata dei mutui fino a 4 anni e quella delle anticipazioni bancarie e del credito agrario di conduzione. 

 

È stato, altresì, prorogato al 31 marzo 2015 il periodo di validità dei due Plafond finalizzati a favorire lo smobilizzo dei crediti vantati dalle imprese nei confronti della Pubblica Amministrazione (Plafond Crediti PA) ed il finanziamento dei progetti imprenditoriali di investimento (Plafond Progetti Investimenti Italia). 

 

L’ABI ha chiarito che la proroga si è resa necessaria a fronte della permanenza di tensioni di liquidità per le imprese. 

 

Peraltro, le Associazioni si sono impegnate a definire nuove misure per sostenere finanziariamente le PMI in temporanea difficoltà finanziaria, ma con prospettive di continuità e sviluppo, e promuoverne l’evoluzione della struttura finanziaria, anche attivando appositi strumenti finanziari volti al rafforzamento patrimoniale delle stesse. 

 

Sotto altro profilo, l’impegno si è ampliato ad avviare iniziative focalizzate all’individuazione e alla valorizzazione delle informazioni di natura qualitativa volte a migliorare l’analisi del rischio di credito delle imprese, nonché alla rappresentazione, in sede europea, delle caratteristiche del contesto operativo italiano. 

 

L’efficacia delle manovre è provato dal fatto che, secondo l’ABI, alla data del 30.09.2014, le medesime hanno consentito alle PMI di sospendere il pagamento di circa 420 mila finanziamenti a medio-lungo termine, liberando liquidità per euro 24 miliardi. 

 

Le PMI che si trovino in tensione di liquidità, dunque, dovranno valutare se richiedere subito la moratoria ai sensi dell’Accordo per il Credito 2013, ovvero attendere che si definisca la (astrattamente più interessante, perché estesa fino al 2017) moratoria della Legge di Stabilità 2015. 

 

Per accedere alla moratoria, occorre verificare con l’Istituto di credito alcune condizioni

 

In primo luogo, poiché l’obiettivo principale della moratoria è agevolare le imprese “meritevoli”, è di regola (ma con molte eccezioni) necessario che la PMI sia in bonis, ovverosia che, rispetto all’intero sistema bancario (compresi i contratti di leasing, lease back e simili), non abbia debiti scaduti (tecnicamente impagati a scadenza) oppure sconfinanti (tecnicamente con utilizzi superiori agli affidamenti), posizioni ristrutturate o rinegoziate o, peggio, “in sofferenza”, così come non deve avere procedure esecutive in corso o altri pregiudizievoli. 

 

In secondo luogo, occorre verificare l’effettiva convenienza della moratoria. 

 

Senza scendere nel dettaglio delle diverse facilitazioni, si consideri, come esempio, il mutuo: poiché la maggioranza dei contratti prevede un ammortamento “alla francese”, ovvero con una rata costante comprensiva di una quota capitale crescente, ne deriva che più un mutuo è “giovane” e più la quota capitale della rata è contenuta. In questa situazione, il ricorso alla moratoria porta un beneficio limitato. Una situazione inversa accade per i mutui più “vecchi”, per i quali la rata comprende una quota capitale molto rilevante.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Possibilità di rateazione per lo scaduto Equitalia

La rateazione è possibile per tutte le cartelle scadute a dicembre 2014

Continua

Assemblea di bilancio in seconda convocazione

Analisi delle criticità

Continua

Fondo di Garanzia per le PMI

Microcredito: pubblicato il decreto che modifica le modalita' di accesso all'intervento del Fondo di Garanzia per le PMI

Continua

Autotrasportatori, credito imposta per le accise gasolio

Le rettifiche alle istruzioni di compilazione del modello F24 in caso di utilizzo del credito d'imposta per le accise sul gasolio

Continua

L’iscrizione del fondo svalutazione crediti

L’attuale schema di bilancio CEE non contempla l’evidenza, tra i fondi del passivo, di quello relativo alla svalutazione dei crediti.

Continua

Cambiare la composizione del debito finanziario

Il responsabile della finanza in un’impresa, non importa se di grandi o di piccole e medie dimensioni, abbia a cuore la struttura del debito

Continua

Partite IVA: presenza online e incidenza sul fatturato

Lo studio di Fattura24 sul provincialismo delle partite IVA Italiane: scarsa la presenza sul web e chi c'è non sfrutta le potenzialità

Continua

Bilancio: riserve disponibili non sempre distribuibili

C’è una fondamentale distinzione con riferimento alle riserve: quella che esiste tra le riserve di utili e le riserve di capitale

Continua

Immobilizzazioni “stravolte” dai nuovi OIC 16

Possiamo tranquillamente ritenere che il principio che è stato letteralmente “stravolto” dall’opera di riforma sia il numero 16

Continua

Fattura: IVA Split Payment con la Pubblica Amministrazione

Modalità di contabilizzazione per le operazioni soggette a inversione contabile. Recenti chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Continua

Bilanci: obbligo Xbrl solo se approvati dal 3 marzo

Il Ministero dello Sviluppo Economico conferma la soluzione data dall'Associazione Xbrl Italia: Xbrl solo se approvazione dal 3 Marzo in poi

Continua

P.V.C. e processo penale – Onere della prova

Con la sentenza n. 4919 del 03.02.2015 la Cassazione, Sezione Terza Penale, è tornata ad occuparsi di Pvc e di processo penale tributario

Continua

Piano di Risanamento attestato ex art 67 l.f

Dal 13 Dicembre 2014 è stata introdotta una grandissima novità per quello che riguarda la deducibilità delle perdite e la detraibilità IVA sui crediti

Continua

Reti d’impresa senza notaio

Pubblicato il decreto ministeriale che introduce le specifiche tecniche per la trasmissione del contratto di rete al registro delle imprese

Continua

Autotrasporti & Responsabilità solidale

Una nuova forma di responsabilità solidale entra nel settore dell’autotrasporto, peraltro estesa anche alle sanzioni del codice della strada

Continua

Rapporti commerciali con San Marino dal 2015

San Marino entra ufficialmente nella white list fiscale,

Continua

Beni e Servizi fatturati ad Enti Pubblici

Cessioni di beni e le prestazioni di servizi eseguite nei confronti di enti pubblici. Split payment P.A.: tre modalità per versare l’IVA

Continua

Abuso del diritto e reati tributari

Bloccato l’invio alle Commissioni Finanze del Decreto Legislativo sulla certezza del diritto approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri

Continua

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte con effetto retroattivo

Continua