Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto di famiglia

La violenza assistita intrafamiliare

L'estensione della tutela del soggetto minore al soggetto donna/madre: dalla repressione della condotta abusante alla prevenzione del fenomeno.

La violenza assistita intrafamiliare - L'estensione della tutela del soggetto minore al soggetto donna/madre: dalla repressione della condotta abusante alla prevenzione del fenomeno.

La violenza assistita intrafamiliare è una forma di violenza domestica che consiste nell’obbligare un minore ad assistere a scene di abuso, maltrattamento o violenza (verbale, fisica o sessuale) su persone - adulte o esse stesse minori - che appartengono al nucleo familiare, che costituiscono un punto di riferimento o che sono comunque legate affettivamente. La violenza assistita è diretta quando il minore è costretto ad assitere alla condotta abusante, mentre è indiretta quando il minore è messo al corrente della violenza o comunque ne percepisce gli effetti negativi. Quando l’esposizione a scene di violenza è ripetuta, il benessere, lo sviluppo individuale e la capacità di interagire in modo funzionale a livello sociale sono seriamente compromessi ed è quindi emergente l’esigenza di un programma mirato a contrastare il dilagare di questo fenomeno, troppo spesso minimizzato. 

 

Nell’ordinamento giuridico italiano al fenomeno della violenza assistita intrafamiliare non corrisponde una fattispecie autonoma di reato, tanto che si tende a ricondurre i singoli comportamenti nei quali si concretizza alle fattispecie di reato esistenti, qualora ne ricorrano i presupposti. Il riferimento più ricorrente è al reato di maltrattamenti in famiglia, previsto e punito all’articolo 572 del Codice Penale, disposizione soggetta alle modifiche contenute nella legge di ratifica della Convenzione di Lanzarote - Convenzione del Consiglio d’Europa sulla protezione dei bambini contro l’abuso e lo sfruttamento sessuale - che prevede un inasprimento della pena per il reato di “Maltrattamenti contro familiari e conviventi”. Altra fonte sovrannazionale di riferimento è certamente rinvenibile nella Convenzione di New York sulla tutela dei diritti dell’infanzia, il cui obiettivo dichiarato è quello di conseguire l’interesse preminente del fanciullo. 

 

A parere di chi scrive, però, la chiave normativa che può condurre a un’efficace prevenzione delle problematiche infantili e dell’età evolutiva connesse alla violenza assistita intrafamiliare è rinvenibile nella Convenzione di Istanbul - Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica -  essendo innegabile che sono le donne a essere le vittime dirette di un numero considerevole di violenze familiari a cui, non di rado, sono costretti ad assistere i minori e che è la dimensione domestica lo scenario privilegiato di tali episodi abusanti. La convenzione, adottata dal Comitato dei Ministri del Consiglio d’Europa il 7 aprile 2011, ratificata dall’Italia il 28 maggio 2013 e convertita in legge il 19 giugno 2013,  è il primo strumento internazionale giuridicamente vincolante che crea un quadro giuridico completo per proteggere le donne contro qualsiasi forma di violenza ed è, non a caso, incentrata sulla prevenzione della violenza domestica, di cui offre una nozione circostanziata: configurano violenza domestica tutti gli atti di violenza fisica, sessuale, psicologica o economica che si verificano all'interno della famiglia o del nucleo familiare o tra attuali o precedenti coniugi o partner, indipendentemente dal fatto che l’autore di tali atti condivida o abbia condiviso la stessa residenza con la vittima. 

 

I contenuti dellla Convenzione di Istanbul dovranno essere oggetto di espresso richiamo in disposizioni nazionali che andranno a rafforzare il quadro di protezione già esistente, ma grazie a una lettura innovativa, che allarga il focus - fino a ora incentrato unicamente sulla tutela del minore - alla tutela delle donne, consente di rinvenire interventi mirati alla prevenzione del fenomeno della violenza assistita intrafamiliare, oltre che nel citato articolo 572 Codice Penale, pure nell’aricolo 282 bis del Codice di Procedura Penale (Allontanamento dalla casa familiare) e negli articoli 342 bis e 342 ter del codice civile (Ordini di protezione contro gli abusi familiari), introdotti dalla Legge n. 154 del 2001, nonché nell’articolo 612 bis del Codice Penale (Atti persecutori), introdotto dalla Legge n. 38 del 2009, istitutiva del reato di reiterata di minaccia e molestie, meglio noto come stalking

 

L'auspicio è che l'estensione della tutela riconosciuta al solo soggetto minore anche al soggetto donna/madre conduca a trasformare un quadro normativo che mira alla repressione del fenomeno della violenza domestica e intrafamiliare a un programma di efficace prevenzione dello stesso.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto di famiglia

Avv. Eleonora Castagnola - Fiumicino (RM)

Avv. Eleonora Castagnola

Avvocati / Civile

Via Dei Nocchieri 139

00054 - Fiumicino (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Riconoscimento dei figli nati fuori dal matrimonio

Spunti operativi per il pre-riconoscimento e il riconoscimento dei figli nati da genitori non coniugati

Continua

Non mantenere i familiari è reato?

La condotta punita dall’art. 570 del Codice Penale non deve essere confusa con l’obbligazione del mantenimento del coniuge più debole e della prole

Continua

L'amministrazione di sostegno

Come e perché ricorrere a uno strumento di protezione dei soggetti più deboli

Continua

Gestione della crisi familiare e negoziazione

La negoziazione assistita familiare come strumento di tutela dell’interesse preminente del minore

Continua

Affido e adozione: interesse preminente del minore

Anche per l'adozione e per l'affido familiare l'obiettivo da perseguire deve essere quello dell'interesse preminente del fanciullo.

Continua

Diritti del minore e bigenitorialità

L'applicazione in Italia dei diritti dei minori riconosciuti dalla Convenzione ONU sui diritti dell'infanzia del 1989

Continua