Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Negoziazione assistita parere obbligatorio del PM

Prime applicazioni in concreto

Negoziazione assistita parere obbligatorio del PM - Prime applicazioni in concreto

La recente introduzione del nuovo istituto della negoziazione assistita per separazione e divorzio, che nelle intenzioni del legislatore avrebbe dovuto avere lo scopo di deflazionare il carico pendente delle aule giudiziarie dalle procedure di separazione personale dei coniugi e di divorzio sembrerebbe non dare, alla prova dei fatti buoni risultati. 

 

In primo luogo perchè la nuova procedura non sembra essere particolarmente più economica e snella del classico ricorso in sede giurisdizionale, in subordine perchè la verifica obbligatoria da parte del Pubblico Ministero dell'accordo stipulato tra le parti dinanzi a ben due avvocati si sta realizzando in un ulteriore complicazione laddove quest'ultimo non ritenga l'accordo rispondente all'interesse dei figli dei coniugi separandi.  

 

Vediamo a tale proposito quanto stabilito da una recente sentenza del tribunale di Torino, destinata a divenire un precedente di sicuro rilievo. La pronuncia chiarisce alcuni dubbi interpretativi sorti per effetto della recente riforma di cui all’art. 6 comma 2 della L. 162/14. Com’è noto, la L. 162/2014 prevede che l’accordo raggiunto dai coniugi davanti agli avvocati “debba essere trasmesso entro il termine di dieci giorni al procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, il quale, quando ritiene che l’accordo risponde all’interesse dei figli, lo autorizza”, mentre, nell’ipotesi in cui ritenga che l’accordo “non risponde all’interesse dei figli”,lo “trasmette, entro cinque cinque giorni, al presidente del tribunale che fissa, entro i successivi trenta giorni, la comparizione delle parti e provvede senza ritardo”. 
Proprio con riferimento all’ipotesi in cui il P.M. non ritenga l’accordo conforme all’interesse dei figli, sono sorti non pochi dubbi interpretativi su quale tipo di provvedimento debba adottare il Presidente del tribunale, tenuto conto peraltro che per i giudizi di divorzio o modifica delle condizioni è competente a decidere il Tribunale in composizione collegiale. 

 

Diversamente, secondo il tribunale di Torino, la procedura di negoziazione deve ritenersi alternativa al procedimento giurisdizionale, e pertanto, una volta che il P.M. non ha autorizzato l’accordo, il Presidente “provvede” nei termini seguenti:
nello stesso provvedimento di convocazione delle parti avanti a sé, le invita ad adeguarsi ai rilievi del P.M., e contestualmente consente loro – qualora ritengano di non aderire pienamente ai rilievi del PM illustrati nel rigetto della autorizzazione o, in conseguenza di essi, intendano apportare significative modifiche alle clausole dell’accordo – di depositare in tempo utile ricorso per separazione consensuale ovvero ricorso congiunto di divorzio o ancora per la modifica delle condizioni di separazione o divorzio.

Si possono quindi verificare diverse ipotesi:
A) Le parti non depositano alcun ricorso, compaiono all’udienza e dichiarano di voler aderire in toto ai rilievi formulati dal P.M.: in tal caso il giudice, avendo già il parere del P.M., non fa altro che autorizzare l’accordo stesso.
B) Le parti non depositano alcun ricorso e non compaiono all’udienza, o, pur comparendo, non sono disponibili a recepire le osservazioni del P.M.: in questo caso al Presidente non rimane altro che non autorizzare l’accordo, in quanto nessuna conversione, come già evidenziato, è ammissibile.
C) Le parti depositano un ricorso ex art. 711 cpc, ovvero ex art. 4 comma 16 L. div. o ancora ex art. 710 cpc,: in questo caso l’ “accordo” raggiunto a seguito di negoziazione assistita si intende implicitamente rinunciato (vale a dire che nessuno comparirà all’ udienza, ovvero, alla stessa, le parti dichiareranno di rinunziarvi espressamente) e il relativo fascicolo sarà archiviato a seguito di una pronuncia di “non luogo a provvedere”; si apre quindi un nuovo procedimento “giurisdizionale”, con le relative domande e regolarmente iscritto al ruolo, viene fissata un’ udienza davanti al Collegio se si tratti di divorzio o procedimento ex art. 710 cpc. ovvero, in caso di separazione, davanti al Presidente, e ciascun procedimento seguirà il rito suo proprio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuova procedura esattoriale

Eliminata la cartella esattoriale

Continua

Separazione e divorzio

Brevi riflessioni sulle recenti riforme

Continua

Separazione e divorzio semplificato

Applicabilità in concreto della norma prevista dalla Legge n.162/2014

Continua

Regime patrimoniale dei coniugi e divorzio

Particolari ipotesi di mutamento nel regime patrimoniale dei coniugi

Continua

Debiti con il fisco

Equitalia potrebbe rinunciare ai crediti inesigibili

Continua

Danno da vacanza rovinata

Il danno non patrimoniale non sussiste nel caso di pregiudizio non grave

Continua

Separazione e divorzio

Cosa cambia in concreto con la riforma approvata al Senato

Continua

Separazione e divorzio assistiti dall'Avvocato

Cosa cambia con la riforma in itinere: l’accordo consensuale di separazione o divorzio potrà essere stipulato anche in presenza di figli minori

Continua

Divorzio Breve

Negoziazione assistita ed adempimenti successivi dell'avvocato

Continua

Equitalia non può pignorare la prima casa

Una recente pronunzia della Corte di Cassazione ribadisce il principio della impignorabilità della casa di abitazione

Continua

Divorzio Breve

Nuova disciplina sullo scioglimento del matrimonio

Continua

Vacanza rovinata

Giudice di Pace: responsabilità solidale della compagnia crocierista e di quella aerea

Continua

Vacanza Rovinata

Concrete possibilità risarcitorie

Continua

Vacanza Rovinata

vademecum per rimediare

Continua

Divorzio immediato, legge straniera

Coniugi di nazionalità diversa possono chiedere concordemente al giudice di applicare la legge del paese di uno dei due per divorziare

Continua

Separazione e divorzio

Cassazione: rischia la decadenza dalla potestà genitoriale chi impedisce ai figli di vedere i nonni dopo la morte del coniuge

Continua

Il danno da vacanza rovinata

La prova del danno da vacanza rovinata è intrinseca nella dimostrazione dell’inadempimento

Continua

Divorzio breve

Le novità più interessanti del Ddl sono in corso di approvazione al Senato

Continua

Vacanza rovinata - Pubblicità ingannevole

Quando la tanto agognata vacanza si trasforma in un incubo

Continua

Giudizio di separazione

E` reato esibire nel giudizio di separazione la corrispondenza bancaria del coniuge

Continua

Il Processo Civile Telematico

Breve resoconto a poco più di un mese dalla introduzione dell'obbligo dell'invio telematico degli atti processuali

Continua

Il divorzio breve

Le ultime novità della riforma

Continua

Divorzio e annullamento alla Sacra Rota

Tra le due richieste ci sono importanti differenze di carattere patrimoniale

Continua