Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

JOBS ACT, le nuove assunzioni

Tutto cambia con l'entrata in vigore del contratto a tutele crescenti operativo dal 7 marzo. Il nuovo regime si applica a tutti i nuovi assunti

JOBS ACT, le nuove assunzioni - Tutto cambia con l'entrata in vigore del contratto a tutele crescenti operativo dal 7 marzo.
 Il nuovo regime si applica a tutti i nuovi assunti

Il  4 marzo il Presidente della Repubblica ha firmato il primo decreto attuativo del c.d. Jobs Act.

Da sabato  7 marzo il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti è diventato operativo. 

Non c’è alcuna particolare caratteristica che va prevista nel contratto a stipularsi in quanto la normativa entra automaticamente in esecuzione con la sola condizione che il contratto di lavoro sia stato stipulato con decorrenza dal giorno successivo alla pubblicazione del decreto in Gazzetta Ufficiale. Il nuovo regime si applica a tutti i nuovi assunti, senza distinzione in ordine all' aspetto dimensionale dell’azienda, come avveniva invece con l’articolo 18 della legge n. 300/1970.

Per nuova assunzione deve intendersi  non soltanto la nuova assunzione effettuata ab initio a tempo indeterminato, ma anche  l’assunzione a tempo indeterminato quale conseguenza di conversione di contratto a tempo determinato o declaratoria di invalidità di un contratto di apprendistato. Non si specifica se quanto ora visto in tema di conversione di contratto a termine ovvero di apprendistato irregolare valga anche nel caso di somministrazione irregolare. Invero non si comprenderebbe il perché questa conversione dovrebbe avere un trattamento differenziato anche se il legislatore meglio avrebbe fatto a chiarire detto aspetto  onde evitare possibili querelle giurisprudenziale.

Per il neoassunto, in definitiva, quello che effettivamente cambia, e non è poco, è la tutela, che viene considerevolmente ridotta  in caso di licenziamento illegittimo.
La regola generale diventa, pertanto, l'indennizzo crescente (in base all'anzianità di servizio) che va a sostituire la  reintegra.

Invero l’indennità è modesta con riferimento a rapporti di non lunga durata trattandosi di un importo pari a 2 mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto, con un tetto minimo di 4 e massimo di 24 mensilità.

Per le Pmi (L'acronimo "PMI" sta per "piccole e medie imprese" quali definite nel diritto dell'UE) l'indennizzo cresce di una mensilità per anno di servizio con un minimo di 2 ed un massimo di 6 mensilità. L’indennità non assoggettata a contribuzione..

Della tutela reale resta ben poco nell’ambito del licenziamento economico ovvero disciplinari, potendosi applicare la stessa solo ai licenziamenti nulli, discriminatori, e disciplinari ma, in quest’ultimo caso, solo se dovesse risultare assolutamente infondata la motivazione giustificatrice del licenziamento.

La tutela risarcitoria, così come vista, si applica anche a fronte di accertate violazioni della normativa in materia di licenziamenti collettivi la qual cosa lascia invero fortemente perplessi in quanto  va ricordato che la procedura per i licenziamenti collettivi (L. 223/1991)  prevede regole specifiche a cui le aziende devono attenersi ed in primis una consultazione con i sindacati, per concordare le modalità con cui scegliere i lavoratori in esubero. Con la parificazione apportata dallo Jobs act tra le due forme di licenziamento con riferimento agli effetti, invero non si comprende quale senso conservi la normativa citata venendo meno l’obiettivo della L. 223/91 di conservare il posto ai dipendenti che hanno un'età più avanzata (e quindi minori possibilità di trovare un nuovo posto) o maggiori carichi di famiglia, cioè moglie e figli da mantenere.

In qualunque ipotesi di licenziamento è previsto, inoltre, a tutto benficio del datore di lavoro, una riduzione dell’indennità qualora si pervenga ad un accordo tra il datore di lavoro e il lavoratore in sede stragiudiziale (DTL – Sindacato). In tal caso l’indennità può essere pari  a una mensilità per ogni anno di servizio, in misura comunque non inferiore a due e non superiore a diciotto mensilità. La somma è da ritenersi priva di contribuzione e fiscalmente non imponibile.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Contratto a tutele crescenti, nuovi assunti

Con il Jobs Act il contratto di lavoro a tempo indeterminato, per i nuovi assunti, diventa un contratto di lavoro a c.d. a tutele crescenti

Continua

Jobs act: le novità

Con il Jobs act viene mutata la normativa lavoristica semplificando la costituzione del rapporto di lavoro

Continua

Associazione in partecipazione

Contratto associativo con il quale si ricompensa una attività lavorativa con gli utili che possono derivare dalla partecipazione in associazione

Continua

Licenziamento disciplinare

La tempistica nel licenziamento disciplinare è essenziale per un valido esercizio dello stesso. Come va intesa l'immediatezza della contestazione

Continua

Contratto a termine, nuova formulazione

Il contratto a termine, recentemente, ha subito diverse modifiche. La più rilevante è data dalla possibilità di stipulare contratti privi di causa

Continua

Appalto e interposizione fittizia di manodopera

A quali condizioni può intendersi genuino un appalto con utilizzo di manodopera da parte del committente. Conseguenze e sanzioni per appalto illecito

Continua

Tutela della maternità

La donna lavoratrice gode di particolare tutela in caso di maternità sussistendo per il datore di lavoro diversi divieti.

Continua

Mobbing e dequalificazione

Svuotamento delle mansioni e configurazione del Mobbing

Continua

Obblighi del committente - Decreto Fare

Responsabilità del committente nei confronti del personale dipendente da altre aziende

Continua

Licenziamento e periodo di comporto

Problematica relativa al licenziamento per superamento del comporto e all'obbligo o meno del preventivo tentativo di conciliazione

Continua