Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Reverse charge: valutazioni sulle cessioni di beni

La modifica all'art. 17 Dpr 633/72, amplia ed estende il Reverse Charge a nuovi casi. Le modifiche sono ancora oggetto di interventi e chiarimenti

Reverse charge: valutazioni sulle cessioni di beni - La modifica all'art. 17 Dpr 633/72, amplia ed estende il Reverse Charge a nuovi casi. Le modifiche sono ancora oggetto di interventi e chiarimenti

Per le prestazioni di servizi di pulizia, di demolizione, di installazione di impianti e di completamento relative a edifici, rese a soggetti passivi IVA, è prevista l’applicazione del reverse charge a partire dal 1° gennaio 2015, per effetto delle nuove norme introdotte dalla Legge di Stabilità 2015.
In riferimento a tali prestazioni, il reverse charge assume carattere oggettivo, applicandosi in ogni caso, quando il committente è un soggetto passivo che agisce in quanto tale.  

Cessione di beni con posa in opera - È opportuno premette che l’estensione del reverse charge nel settore edile riguarda esclusivamente le prestazioni di servizi. Sono considerate prestazioni di servizi i contratti di appalto o d’opera e solo per tale prestazioni troverà applicazione il reverse charge. Nel caso della cessione con posa in opera si ha la cessione di un bene accompagnata dalla relativa installazione. In tal caso, è necessario valutare se tale operazione sia qualificabile come cessione di beni, quindi senza applicazione del reverse charge o invece sia da considerarsi prestazione di servizi con conseguente applicazione del reverse charge.  

Le tipologie contrattuali - Le diverse tipologia contrattuali, ovvero appalto e vendita, sono disciplinate rispettivamente dall’articolo 1655 e ss. e 1470 e ss. del codice civile.
Art. 1655 del codice civile: L'appalto è il contratto col quale una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di un’opera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro.
Art. 1470 del codice civile: La vendita è il contratto che ha per oggetto il trasferimento della proprietà di una cosa o il trasferimento di un altro diritto verso il corrispettivo di un prezzo 

Dalle citate disposizioni legislative si evince che mentre nella vendita vi è l’ordinario svolgimento del ciclo produttivo dell’impresa e la successiva immissione nel mercato del bene realizzato, nell’appalto la realizzazione del bene avviene su richiesta del committente (prodotto su ordinazione). In sostanza, nell’appalto il prodotto su ordinazione costituisce un quid novi rispetto alla produzione ordinaria dell’imprenditore, mentre nella vendita si ha il trasferimento di un bene “ordinariamente” prodotto dall’impresa.  

La prassi sul tema - L’Amministrazione Finanziaria, in riferimento alla lettera a), comma 6, dell’art. 17, D.P.R. 633/1972, ha chiarito che le prestazioni di fornitura di beni con posa in opera sono escluse dall’applicazione del “reverse charge”, qualora la posa in opera assuma una funzione accessoria rispetto alla fornitura del bene (cfr. C.M. n.37/E/2006). In tali casi, infatti, l’operazione si configura come cessione di beni e non come prestazione di servizi.

Nella recente R.M. 25/E/2015, riguardante l’applicazione dell’aliquota IVA agevolata alla cessione e installazione di infissi, l’Amministrazione Finanziaria ha chiarito che nei “contratti di ‘cessione con posa in opera’, l’obbligazione di dare (cessione) prevale su quella di fare (prestazioni di servizi)”.Si tratta in sostanza della produzione di un bene con caratteristiche standardizzate, seppur tenendo conto di semplici variazioni di misura in relazioni alle specifiche esigenze di ogni singolo cliente, e di cederli con posa accessoria.

L’Amministrazione Finanziaria già con la risoluzione n. 3600009 del 5 luglio 1976, ha avuto modo di precisare che - in assenza di clausole contrattuali che obblighino l’assuntore a realizzare un quid novi rispetto all’ordinaria serie produttiva - è considerato contratto di vendita di beni la fornitura, anche se con posa in opera, di impianti di riscaldamento, condizionamento d’aria, infissi etc., qualora il fornitore sia lo stesso fabbricante o chi fa abitualmente commercio di detti prodotti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Reverse charge: valutazioni sulle cessioni di beni

La modifica all'art. 17 Dpr 633/72, introduce nuove casistiche di Reverse Charge ancora oggetto di chiarimenti ed interventi

Continua

Fattura elettronica per le PA chi sono i soggetti?

La Finanziaria del 2008 ha introdotto ll’obbligo che ogni fattura destinata alle PA debba essere emessa in formato elettronico.

Continua

I beni significativi limitano l'aliquota agevolata

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito le modalità di applicazione dell'iva al 10% in caso di acquisto ed installazione di infissi

Continua

Scia-Imprese, controllo entro 60 giorni

Maggiori certezze per chi deve utilizzare la Scia per avviare un'attività di impresa regolamentata da leggi specifiche

Continua

Il buono acquisto alla stregua del denaro contante

Sempre più aziende, per omaggi e promozioni, si affidano al sistema dei buoni acquisto e dei buoni regalo. Ecco un piccolo vademecum

Continua

Associazioni con sponsorizzazioni scontate

Cambia la percentuale di detrazione IVA forfetaria dal 90% al 50% per le spese di sponsorizzazione delle associazioni

Continua

Semplificazioni verso l'estero

Cosa cambia per le operazioni con lettere di intento, servizi intracomunitari e scambi con paesi Black List

Continua

STOP alla solidarietà negli appalti

Committenti e appaltatori non saranno più costretti a richiedere la certificazione di regolarità ritardando i pagamenti alle imprese

Continua

Esportazioni indirette anche dopo 90 giorni

L'Agenzia delle Entrate ha chiarito la non imponibilità delle esportazioni dirette per le uscite dal territorio Ue dopo i 90 giorni

Continua