Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto societario

Fallimento ed eccezione d`inadempimento

Corte di Cassazione: l’impresa appaltatrice fallita ha comunque diritto al corrispettivo

Fallimento ed eccezione d`inadempimento - Corte di Cassazione: l’impresa appaltatrice fallita ha comunque diritto al corrispettivo

Secondo l’insegnamento della Suprema Corte contenuto nella sentenza in esame, l'art. 1460 c.c., che disciplina l’eccezione di inadempimento, in base alla quale, nei contratti a prestazioni corrispettive, un contraente può rifiutarsi di eseguire la propria prestazione nel caso di inadempimento dell’altra, non dispone l’estinzione dell’obbligazione, ma soltanto il diritto di sospendere la prestazione in capo alla parte non inadempiente.  

 

L'estinzione dell'obbligazione della parte non inadempiente, si verifica infatti nella diversa ipotesi di risoluzione per inadempimento ex artt. 1453 e ss. c.c. Nel caso di specie il contratto di appalto di opera pubblica era stato sciolto per effetto della dichiarazione di fallimento ai sensi dell'art. 81 legge fallimentare che prevede appunto  lo scioglimento di diritto del contratto, se il curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori, non dichiara di voler subentrare nel rapporto nel termine di sessanta giorni dalla dichiarazione di fallimento e che, nel caso di fallimento dell'appaltatore, il rapporto contrattuale si scioglie se la considerazione della qualità soggettiva è stata un motivo determinante del contratto, salvo che il committente non consenta, comunque, la prosecuzione del rapporto.  

 

La sentenza in commento, considerato l'avvenuto scioglimento del contratto, ha quindi negato nei confronti del committente la possibilità di eccepire l’inadempimento ex art. 1460 c.c., con conseguente obbligo di corrispondere alla società appaltatrice fallita il corrispettivo in relazione ai lavori già svolti.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in
Diritto societario

Avv. Roberto Palermo - Roma (RM)

Avv. Roberto Palermo

Avvocati / Civile

Via Pirro Ligorio, 9

00153 - Roma (RM)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Computo degli utili nella liquidazione della quota

Il diritto agli utili del socio recedente o deceduto è sempre collegato al diritto alla liquidazione della quota

Continua

Inammissibilità del concordato preventivo di gruppo

Cass., Sez. I Civ., sent. n. 20559/15. La Suprema Corte fa chiarezza circa la proponibilità del concordato preventivo dei cosiddetti gruppi societari.

Continua

FALLIMENTO - Inefficacia del fondo patrimoniale

Corte di Cassazione, sez. VI Civile, ordinanza 2 dicembre 2014 – 23 febbraio 2015, n. 3568

Continua