Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

FAMIGLIA DI FATTO - Parte Quarta

Casa Familiare

FAMIGLIA DI FATTO - Parte Quarta - Casa Familiare

La sorte dell’immobile adibito a casa familiare non suscita particolari problematiche se è in comproprietà tra gli stessi: in tal caso vige il regime della comunione (artt. 1100 e ss. C.c.), per cui entrambi i conviventi risultano essere proprietari pro quota ed hanno il possesso della casa e su di essa pari diritti. Perciò, alla fine della convivenza si procederà alla divisione del bene (art. 1111 c.c., 1114 c.c.), se possibile (art. 1112 ), altrimenti troverà applicazione la norma dell’art. 720 c.c. 

 

Diversa è la situazione nel caso in cui la casa sia di proprietà di uno dei conviventi

 

In presenza di figli il problema attualmente non si pone, avendo a ciò provveduto il codice civile agli artt. 337 bis c.c., per il quale "In caso di  separazione,  scioglimento,  cessazione  degli  effetti civili, annullamento, nullità  del  matrimonio  e  nei  procedimenti relativi  ai  figli  nati  fuori  del  matrimonio  si  applicano   le disposizioni del presente capo"   e 337 sexies c.c., per il quale "Il  godimento  della   casa  familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell’interesse dei figli”.  

 

Viceversa, in assenza di figli, il convivente non proprietario veniva visto come un puro e semplice “ospite” e, in quanto tale, poteva essere estromesso dal proprietario in qualsiasi momento e senza preavviso alcuno. 

 

In merito, però, è intervenuta la Suprema Corte di Cassazione: 

 

- sentenza del 2 gennaio 2014, n. 7: “secondo il più recente orientamento della giurisprudenza di legittimità condiviso dal Collegio, in considerazione del rilievo sociale che ha ormai assunto per l’ordinamento la famiglia di fatto, la convivenza “more uxorio”, quale formazione sociale che da vita ad un autentico consorzio familiare, determina, sulla casa di abitazione ove si svolge e si attua il programma di vita in comune, un potere di fatto basato su di un interesse proprio del convivente ben diverso da quello derivante da ragioni di mera ospitalità, tale da assumere i connotati tipici di una detenzione qualificata, che ha titolo in un negozio giuridico di tipo familiare. Al riguardo, e’ stato ritenuto che l’estromissione violenta o clandestina dall’unità abitativa, compiuta dal convivente proprietario in danno del convivente non proprietario, legittima quest’ultimo alla tutela possessoria, consentendogli di esperire l’azione di spoglio. 

 

- sentenza del  31.03.2013, n. 7214:La convivenza more uxorio determina, sulla casa di abitazione ove si svolge e si attua il programma di vita in comune, un potere di fatto basato su un interesse proprio ben diverso da quello derivante da ragioni di mera ospitalità; conseguentemente, l'estromissione violenta o clandestina del convivente dall'unità abitativa, compiuta dal partner, giustifica il ricorso alla tutela possessoria, consentendogli di esperire l'azione di spoglio nei confronti dell'altro quand'anche il primo non vanti un diritto di proprietà sull'immobile che, durante la convivenza, sia stato nella disponibilità di entrambi”.. 

 

In breve, viene riconosciuta una detenzione qualificata in capo al convivente, il quale può adire l’autorità giudiziaria per tutelare le proprie ragioni qualora venga espulso dall’abitazione.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

FAMIGLIA DI FATTO - Parte Terza

Regime degli acquisti durante la convivenza

Continua

FAMIGLIA DI FATTO - Parte Seconda

Diritti nascenti dalla convivenza

Continua

FAMIGLIA DI FATTO - Parte Prima

Concetto e possibile rilevanza

Continua

Rent to Buy: La nuova compravendita - parte sesta

9) Cenni su alcuni aspetti della disciplina fiscale

Continua

Rent to Buy: La nuova compravendita - parte quinta

8) Inadempimento del conduttore: obbligo restituzione immobile e perdita canoni, salva diversa convenzione

Continua

Rent to Buy: La nuova compravendita - parte quarta

7) Inadempimento del concedente: obbligo di restituzione della parte del canone imputato a prezzo e interessi legali.

Continua

Rent to Buy: La nuova compravendita - parte terza

6) Privilegio speciale sull’immobile e non assoggettabilità a pignoramento da parte dei creditori del concedente.

Continua

Rent to Buy: La nuova compravendita -parte seconda

4) Qualificazione giuridica del contratto 5) Procedimento in caso di inadempimento del conduttore

Continua

Rent to Buy: La nuova compravendita - parte prima

1) Immediata concessione del godimento 2) Imputazione di parte del canone al corrispettivo del trasferimento 3) Diritto di acquisto, ma non obbligo

Continua