Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Rumori: quando i vicini sono davvero molesti?

Prima di intervenire, è sempre meglio verificare se i rumori prodotti dai vicini sono davvero considerati molesti

Rumori: quando i vicini sono davvero molesti? - Prima di intervenire, è sempre meglio verificare se i rumori prodotti dai vicini sono davvero considerati molesti

Quanti di noi possono affermare di non essersi mai arrabbiati per i rumori prodotti dai vicini?

Ma, quando un rumore è davvero molesto?

In assenza di specifiche disposizioni nel regolamento condominiale, che può derogare alla disciplina delle immissioni regolata dall’art. 844 del nostro codice civile, il proprietario può impedire i rumori causati dalle attività del vicino solo se superano la normale tollerabilità, avuto riguardo alla condizione dei luoghi.

Ma cosa significa esattamente?

Fermo restando che i rumori di qualsiasi genere sono assolutamente vietati quando vengono compiuti al solo scopo di nuocere o recare disturbo ad altri (c.d. atti di emulazione o, nel linguaggio comune, i c.d. dispetti), si deve innanzitutto distinguere fra rumori consentiti e rumori vietati.

Generalmente si considerano vietati i rumori che superano la normale tollerabilità; unità di misura non certo soggettiva, ma che prevede l’applicazione di parametri ben determinati, il cui accertamento deve essere affidato ad un tecnico che determinerà se le immissioni sonore eccedono la normale tollerabilità e se la salute degli interessati subisca o possa subire un pregiudizio apprezzabile.

Il criterio che viene solitamente adottato è il cosiddetto criterio comparativo, che consiste nel raffronto tra il livello medio del rumore di fondo, cioè l’insieme dei rumori di una determinata zona, con esclusione della fonte sonora di cui si lamenta l’intollerabilità, e quello specifico proveniente dalla fonte sonora oggetto della lamentela.

Fatto un esame comparativo fra il rumore di fondo ed il rumore specifico, si ritiene sicuramente superata la soglia della normale tollerabilità quando le immissioni sono di intensità superiore al rumore di fondo di oltre 5 decibel di giorno e di oltre 3 decibel di notte.

Tuttavia, non è detto che un rumore che si pone al di sotto della soglia di tollerabilità sia sempre tollerabile e lecito.

Il limite di tollerabilità delle immissioni, infatti, non ha un carattere assoluto, ma relativo, nel senso che deve essere fissato con riguardo al caso concreto, cioè tenendo conto delle condizioni naturali e sociali dei luoghi e delle abitudini della popolazione.

L’indagine dovrà quindi valutare non solo l’intensità della fonte sonora, ma anche i motivi che comportano la produzione del rumore, l’interesse a svolgere l’attività rumorosa, la possibilità di diminuirne l’intensità, i danni effettivamente cagionati dal rumore e l’interesse a farlo cessare.

A questo punto, una volta accertato che è stata superata la soglia della normale tollerabilità, diventa evidente il pericolo concreto che la salute possa essere danneggiata dall’inquinamento acustico, dal momento che i rumori, soprattutto se di elevata intensità, causano effetti dannosi all’organismo ed in particolare all’equilibrio del sistema nervoso. 


Infatti, è oramai pacificamente riconosciuto che le immissioni rumorose intollerabili sono fonti di danno sia patrimoniale che alla salute e, quindi, corre il diritto e l’obbligo di tutelarsi.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Decoro architettonico

La lesione può riguardare anche le facciate interne di un edificio

Continua