Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Divorzio e condizioni patrimoniali

Dovuto l’assegno di mantenimento in caso di decesso dell’ex coniuge prima della pronuncia sul “quantum”

Divorzio e condizioni patrimoniali - Dovuto l’assegno di mantenimento in caso di decesso dell’ex coniuge prima della pronuncia sul “quantum”

Con Ordinanza n° 21598 del 13.10.2014, la Cassazione civile sancisce il diritto del coniuge divorziato ad ottenere parte della pensione di reversibilità dell’ex consorte, nonostante al momento del decesso non fosse ancora titolare di assegno di mantenimento. 

 

Precisamente, il caso era quello di una donna che, ottenuta la sentenza provvisoria di divorzio e nelle more del giudizio d’appello riguardante l’assegno di mantenimento, otteneva una quota della pensione spettante al defunto coniuge divorziato

 

Inoltre, essendo la sentenza di divorzio passata in giudicato di per se sufficiente a modificare lo status personale dei coniugi, il marito contraeva nuove nozze. 

 

Alla morte di quest’ultimo, la donna riassumeva la causa pendente  ottenendo  in appello il riconoscimento del diritto all’assegno divorzile e, conseguentemente, quello ad una quota della pensione di reversibilità come stabilito dalla Legge 898/1970 – nota come “Legge sul Divorzio”. 

 

Pertanto, valutata la situazione concreta che vedeva la presenza di vedova ed ex moglie, tenuta  presente  la durata dei rispettivi matrimoni, l’entità dell’assegno di mantenimento riconosciuto all’ex coniuge e le condizioni economiche degli aventi diritto, la Corte d’Appello attribuiva il 70% della reversibilità alla ex moglie ed il restante 30% alla vedova. 

 

La Cassazione confermava tale pronuncia ritenendola assolutamente coerente con l’orientamento giurisprudenziale in materia, secondo cui il diritto all'assegno può essere dichiarato anche dopo il decesso dell'ex coniuge nel corso del giudizio, se rimane l'interesse dell'altro coniuge alla pronuncia.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Discriminazione sessuale

Sospesa la patente perchè gay: la Cassazione impone il risarcimento

Continua

RESPONSABILITA' DA COSE IN CUSTODIA

Macchia d'olio sull'asfalto: ANAS responsabile

Continua

Violazione doveri coniugali e addebito separazione

La relazione amorosa di uno dei coniugi non comporta addebito della separazione se non è la reale causa dell’intollerabilità della convivenza

Continua