Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Archiviazione dei reati di minore gravità

I reati sanzionati fino a 5 anni di reclusione o puniti con la pena pecuniaria saranno adesso considerati di minore gravità e archiviati

Archiviazione dei reati di minore gravità - I reati sanzionati fino a 5 anni di reclusione o puniti con la pena pecuniaria saranno adesso considerati di minore gravità e archiviati

I reati sanzionati fino a 5 anni di reclusione o puniti con la pena pecuniaria saranno adesso considerati di minore gravità e archiviati. E’ quanto ha deciso il Consiglio dei Ministri con il decreto legislativo approvato in via definitiva che prevede delle importanti modifiche al codice penale e al sistema sanzionatorio. 

 

Sarà a breve inserito nel codice di rito il nuovo articolo 131 bis c.p. in cui si dispone l’archiviazione per i reati di minor gravità.
Non verrà meno la tutela dell’offesa, poiché questa verrà garantita in sede civile. Il giudice dovrà adesso valutare il fatto, l’entità dell’offesa, le circostanze di fatto, la personalità dell’autore e la natura del bene tutelato. 

 

Sarà questo un nuovo “rito premiale” e la richiesta potrà farla sia il pubblico ministero che l’imputato, anche al termine del dibattimento. Non potranno usufruire di tale rito i delinquenti abituali, professionali o per tendenza e coloro che hanno commesso più reati della stessa indole ovvero hanno commesso un reato consistente in condotte plurime, abituali e reiterate (es. stalking e maltrattamenti in famiglia). Nessuna “depenalizzazione” sarà possibile se il reato è stato commesso per motivi abietti o futili o con crudeltà (anche verso gli animali).
Non si applica neppure nei casi in cui l’autore del reato ha approfittato delle condizioni della vittima impossibilitata o incapace di difendersi. 

 

Quando il PM chiederà l’archiviazione del reato sia la parte offesa che l’indagato potranno opporsi in quanto tale archiviazione, di cui resterà traccia nel casellario per evitare che si possa usufruire più volte di questo istituto, sarà comunque un implicito giudizio di responsabilità. Si avrà un procedimento penale senza giudizio, perché si ritiene che in tal modo la definizione sarà rapida e semplificata. Si tratterà insomma di un altro rito premiale come l’applicazione della pena su richiesta delle parti che consente al giudice di pronunciarsi sul merito della imputazione al di fuori dello schema del giudizio giurisdizionale, esaurendo l’intero procedimento penale su base negoziale, con ambiti sottratti alla disponibilità delle parti, tra i quali la verifica sulla corretta qualificazione giuridica del fatto. 

 

L’imputato che propone una sanzione non ammette il fatto e non dichiara la sua colpevolezza: l’istanza della parte è soltanto l’atto d’impulso di un rito che conduce ad una pronuncia giudiziale allo stato degli atti. Nel patteggiamento la richiesta non comporta ammissione di colpevolezza in quanto non c’è un formale procedimento che approdi ad un giudizio di reità. Il patteggiamento è caratterizzato dalla mancanza di ogni attività di accertamento del fatto contestato; l’imputato chiede l’applicazione della pena o aderisce alla richiesta del pubblico ministero e si limita a manifestare la rinuncia a far valere le proprie difese e le proprie eccezioni alla tesi accusatoria, per cui al tempo stesso, egli si astiene dal provare la propria innocenza ed esonera l’accusa dalla prova della sua colpevolezza. Quindi, già nel patteggiamento la sentenza che applica la pena non può tecnicamente contenere l’accertamento della responsabilità, dato che ciò che manca è proprio l’accertamento da parte del giudice, dovendo egli limitarsi ad esaminare se, allo stato degli atti sia da escludere l’evidenza della prova della innocenza. Nel procedimento ex art. 444 c.p.p. e ss. si ha l’applicazione di una pena senza giudizio. Nel patteggiamento non è possibile equiparare la volontà dell’imputato di applicazione della pena ad un riconoscimento della propria colpevolezza o ritenere che la stessa possa costituire un surrogato dell’accertamento pieno di responsabilità affidato al giudice, trattandosi di una scelta processuale riconducibile all’alea dell’ordinario processo e che può trovare legittima giustificazione nei più disparati motivi personali.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Notificazione del ricorso in Appello

La notificazione del ricorso può essere effettuata senza il tramite dell'ufficiale giudiziario, ma con l’obbligo di depositarne copia presso la segreteria della CTP

Continua

“Manca la fattura”? L’atto impositivo è nullo!

Il contribuente non è tenuto a presentare all’AdE le fatture necessarie per ricostruire il volume d’affari in mancanza di un’indicazione specifica sull`invito

Continua

Opposizione a decreto ingiuntivo

I poteri del giudice dell’esecuzione in materia condominiale

Continua

Condominio, può un condomino essere chiamato a pagare per tutti?

Può un creditore che ha notificato un decreto ingiuntivo nei confronti di un condominio procedere esecutivamente nei confronti di un solo condomino?

Continua

Assistenza tecnica da difensore abilitato

Nuove regole per la difesa delle parti davanti alle commissioni tributarie

Continua

Spese condominiali, divisione tra proprietario e inquilino

La ripartizione delle spese condominiali è spesso fonte di discussione tra proprietario e inquilino. Chi è tenuto a pagarle?

Continua

Segnali verticali: multe da pagare anche con vizi formali

Tutti i segnali verticali sono corretti dal punto di vista amministrativo e le regole del codice della strada vanno rispettate comunque

Continua

L’affidamento in prova al servizio sociale dopo lo svuota carceri

Il legislatore ha tentato di affrontare il problema del sovraffollamento carcerario, divenuto ormai cronico, con misure alternative alla detenzione

Continua

Molestia a mezzo mail o squilli del telefono

Il reato di molestie richiede che l’interesse tutelato, cioè l’ordine pubblico, sia violato e che tale violazione rechi un danno

Continua