Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

L’iscrizione del fondo svalutazione crediti

L’attuale schema di bilancio CEE non contempla l’evidenza, tra i fondi del passivo, di quello relativo alla svalutazione dei crediti.

L’iscrizione del fondo svalutazione crediti - L’attuale schema di bilancio CEE non contempla l’evidenza, tra i fondi del passivo, di quello relativo alla svalutazione dei crediti.

L’attuale schema di bilancio CEE non contempla l’evidenza, tra i fondi del passivo, di quello relativo alla svalutazione dei crediti, e la loro iscrizione deve avvenire secondo il valore presumibile di realizzazione. 

 

Il motivo della costituzione di un fondo in contabilità è quello di adeguare in diminuzione il valore al quale è iscritta una voce dell’attivo. 

 

In contabilità un credito commerciale viene rilevato in contropartita a un ricavo derivante dalla vendita rientrante nell’attività tipica d’impresa, di beni o servizi. 

 

Nel novero dei crediti commerciali dobbiamo ricomprendere anche le cambiali attive e i conti rappresentativi degli insoluti dei clienti. 

 

All’atto della redazione del bilancio annuale, l’amministratore dovrà valutare i crediti secondo il valore presumibile di realizzazione (art. 2426 n. 8 del codice civile) e quindi il fondo svalutazione crediti accoglierà quella parte dei crediti commerciali di dubbia esigibilità per rischio già manifestatosi oppure ritenuto possibile. 

 

Inoltre, nel rispetto del principio generale della prudenza nella redazione del bilancio, si dovrà tenere conto dei fatti eventualmente intervenuti dopo la chiusura del bilancio che però riflettono situazioni antecedenti. 

 

Una notazione a parte merita la valutazione dei crediti assistiti da garanzie (pegno, ipoteca, fidejussione), che deve tenere conto degli effetti relativi all’escussione delle garanzie stesse, nonchè la valutazione dei crediti assicurati, che deve riguardare la quota di rischio non coperta dalla compagnia. 

 

L’esame dei crediti, necessario alla loro valutazione, potrà avvenire: 

 

singolarmente (esso rappresenta certamente il metodo raccomandato perchè presuppone l’analisi di ogni situazione attraverso le informazioni possedute e ogni elemento di fatto esistente o probabile); 

per stima, in base a diversi elementi quali: l’anzianità dei crediti scaduti rispetto a quelli degli esercizi precedenti, le condizioni economiche generali, le condizioni economiche specifiche di alcuni settori o aree geografiche particolari. 

Questo sistema “forfettario” può essere usato per crediti di piccola entità, che non presentano anomalie particolari e non può tramutarsi in un comportamento automatico. 

Si tratta di un metodo pratico, la cui rispondenza deve essere costantemente verificata in modo che i parametri di riferimento siano variati ogni qual volta mutino le condizioni sulle quali essi si basano. 

Come si è citato, la rappresentazione dei conti di contabilità nello schema di bilancio CEE non prevede l’evidenza del fondo svalutazione crediti

Infatti lo schema, coerentemente con il dettato di cui al n.8 dell’art. 246 C.C., prevede l’iscrizione dei crediti secondo il valore presumibile di realizzazione e pertanto non presenta nelle passività una voce di fondo che accolga la rettifica della voce crediti. 

È invece il conto economico che, nei COSTI DELLA PRODUZIONE n. 10 ) ammortamenti e svalutazioni lettera d) svalutazione dei crediti compresi nell’attivo circolante e delle disponibilità liquide prevede che siano allocati i costi derivanti dall’esame della valutazione dei crediti commerciali

Pertanto contabilmente si potrà procedere a rilevare le svalutazioni predette addebitando il conto di costo 10 d) ed accendendo in avere la posta del fondo svalutazione crediti

Per rispettare lo schema di bilancio, all’atto del riporto dei conti, il fondo svalutazione crediti sarà portato in diminuzione della voce crediti. 

Il fondo svalutazione crediti accantonato alla fine dell’esercizio è utilizzato negli esercizi successivi a copertura di perdite subite su crediti. 

Dopo avere utilizzato il fondo svalutazione crediti esistente, le perdite effettive su crediti, vanno addebitate alla voce B14 Oneri diversi di gestione, del conto economico. 

È da tenere presente che quando non avviene il trasferimento sostanziale dei rischi legati a credito, esso non può essere cancellato dal bilancio e quindi soggiace alle valutazioni sopra illustrate. 

Per saperne di più il riferimento è il principio contabile n.15, nell’edizione di giugno 2014, dell’Organismo Italiano di Contabilità (OIC), rivolto alle società che redigono il bilancio di esercizio in base alle disposizioni del codice civile. 

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Possibilità di rateazione per lo scaduto Equitalia

La rateazione è possibile per tutte le cartelle scadute a dicembre 2014

Continua

Assemblea di bilancio in seconda convocazione

Analisi delle criticità

Continua

Fondo di Garanzia per le PMI

Microcredito: pubblicato il decreto che modifica le modalita' di accesso all'intervento del Fondo di Garanzia per le PMI

Continua

Autotrasportatori, credito imposta per le accise gasolio

Le rettifiche alle istruzioni di compilazione del modello F24 in caso di utilizzo del credito d'imposta per le accise sul gasolio

Continua

Cambiare la composizione del debito finanziario

Il responsabile della finanza in un’impresa, non importa se di grandi o di piccole e medie dimensioni, abbia a cuore la struttura del debito

Continua

Partite IVA: presenza online e incidenza sul fatturato

Lo studio di Fattura24 sul provincialismo delle partite IVA Italiane: scarsa la presenza sul web e chi c'è non sfrutta le potenzialità

Continua

Bilancio: riserve disponibili non sempre distribuibili

C’è una fondamentale distinzione con riferimento alle riserve: quella che esiste tra le riserve di utili e le riserve di capitale

Continua

Immobilizzazioni “stravolte” dai nuovi OIC 16

Possiamo tranquillamente ritenere che il principio che è stato letteralmente “stravolto” dall’opera di riforma sia il numero 16

Continua

Fattura: IVA Split Payment con la Pubblica Amministrazione

Modalità di contabilizzazione per le operazioni soggette a inversione contabile. Recenti chiarimenti dell'Agenzia delle Entrate

Continua

La nuova moratoria di mutui e finanziamenti alle Pmi

La c.d. Legge di Stabilità 2015 ha previsto (Art. 1, comma 246) una nuova moratoria dei mutui e dei finanziamenti accordati alle famiglie ed alle PMI

Continua

Bilanci: obbligo Xbrl solo se approvati dal 3 marzo

Il Ministero dello Sviluppo Economico conferma la soluzione data dall'Associazione Xbrl Italia: Xbrl solo se approvazione dal 3 Marzo in poi

Continua

P.V.C. e processo penale – Onere della prova

Con la sentenza n. 4919 del 03.02.2015 la Cassazione, Sezione Terza Penale, è tornata ad occuparsi di Pvc e di processo penale tributario

Continua

Piano di Risanamento attestato ex art 67 l.f

Dal 13 Dicembre 2014 è stata introdotta una grandissima novità per quello che riguarda la deducibilità delle perdite e la detraibilità IVA sui crediti

Continua

Reti d’impresa senza notaio

Pubblicato il decreto ministeriale che introduce le specifiche tecniche per la trasmissione del contratto di rete al registro delle imprese

Continua

Autotrasporti & Responsabilità solidale

Una nuova forma di responsabilità solidale entra nel settore dell’autotrasporto, peraltro estesa anche alle sanzioni del codice della strada

Continua

Rapporti commerciali con San Marino dal 2015

San Marino entra ufficialmente nella white list fiscale,

Continua

Beni e Servizi fatturati ad Enti Pubblici

Cessioni di beni e le prestazioni di servizi eseguite nei confronti di enti pubblici. Split payment P.A.: tre modalità per versare l’IVA

Continua

Abuso del diritto e reati tributari

Bloccato l’invio alle Commissioni Finanze del Decreto Legislativo sulla certezza del diritto approvato in via preliminare dal Consiglio dei Ministri

Continua

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte

"Resurrezione" delle societa' di capitali estinte con effetto retroattivo

Continua