Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

MICROCREDITO – Opportunità su misura per i giovani

Un'opportunità di finanziamento delle start-up rivolto a coloro che vogliono iniziare un'attività pur non possedendo garanzie reali o fidejussioni

MICROCREDITO – Opportunità su misura per i giovani - Un'opportunità di finanziamento delle start-up rivolto a coloro che vogliono iniziare un'attività pur non possedendo garanzie reali o fidejussioni

Il “MICROCREDITO” di cui vogliamo parlare è rivolto a quei soggetti, specialmente, ma non necessariamente, giovani, intenzionati a dar vita o a sviluppare un’attività di microimpresa o di lavoro autonomo ma che non possiedono le garanzie per ottenere un prestito bancario

 

Coloro che si occupano di Cooperazione Internazionale e aiuto ai Paesi in via di sviluppo conoscono già da tempo questo termine e la filosofia che lo contraddistingue. 

 

Inventato dall’economista e filosofo indiano, nonché premio Nobel per l’economia, Amartya Sen, è ormai applicato da anni nei Paesi in via di sviluppo e consiste nel concedere piccoli prestiti in denaro a soggetti privi di garanzie economiche e finalizzati a porre in essere attività economiche al fine della sopravvivenza. Una formula che si è rivelata di successo e che ha consentito (e consente) a molti la possibilità di vivere del proprio lavoro. 

 

Ma torniamo a noi. La filosofia che muove questa iniziativa è la stessa, ossia consentire a soggetti volenterosi e con una propria idea in testa di ottenere un prestito bancario (non sostenuto da garanzie personali) per l’avvio o per lo sviluppo di un’attività di microimpresa o di lavoro autonomo

 

Quali soggetti? Si va dall’impresa individuale alla società di persone, dall’associazione alla società cooperativa, sino alla società a responsabilità limitata. Vi rientrano anche professionisti iscritti ad ordini professionali e non. Insomma, s’è ben capito, tutti coloro che intendono porre in essere un’attività autonoma o di microimpresa. 

 

Vi rientrano, inoltre, al fine di finanziare lo sviluppo, anche i titolari di partita Iva da meno di cinque anni,  imprese individuali, società di persone, società tra professionisti, srl semplificate; tutti soggetti con non più di cinque dipendenti, nonché le società cooperative pure esistenti da meno di cinque anni e con non più di 10 dipendenti. 

 

Detto questo immagino che molti saranno gli interessati cui non parrà vero che una cosa del genere possa esistere dal momento che l’esperienza ha insegnato loro che qualsiasi istituto di credito ad una richiesta di finanziamento ha risposto chiedendo loro se possedevano beni reali da dare a garanzia o la fidejussione di genitori, parenti o amici. E costoro, gli interessati, visto che le cose non stanno in questi termini, gli cominceranno a chiedersi da dove iniziare per ottenere il prestito. Poi si chiederanno quanto sarà possibile ottenere e in quanto tempo lo dovranno rimborsare? 

 

Ma andiamo con ordine. La prima cosa che l’interessato deve fare è quella di contattare uno dei Consulenti del Lavoro elencati sul sito www.consulentidellavoro.it, professionisti che si sono resi disponibili a dare la consulenza gratuita per l’avvio della pratica, per il reperimento dei documenti necessari e che si occuperanno della presentazione telematica della richiesta di finanziamento. 

 

Quanto si potrà ottenere? Il limite massimo è di venticinquemila euro (aumentabili di 10.000 in determinati casi) rimborsabili in rate trimestrali entro un periodo massimo di 7 anni

 

Una volta ricevuta la conferma della prenotazione delle risorse da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, non resterà che rivolgersi agli istituti bancari per la liquidazione della somma concessa. Il Consulente del Lavoro, invece, provvederà, per i nuovi imprenditori alle pratiche amministrative necessarie per l’avvio dell’attività e per coloro già in essere seguirà la regolare erogazione del finanziamento e la realizzazione del piano imprenditoriale presentato in sede di richiesta del finanziamento.   

 

Tutti gli interessati, quindi, in attesa del format on line del Ministero dello Sviluppo Economico, attualmente ancora assente, possono rivolgersi ai Consulenti del Lavoro elencati sul sito www.consulentidellavoro.it per mantenersi aggiornati in attesa del click day.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Codice disciplinare: obbligo di esposizione

L'assenza dell'affissione del codice disciplinare rende illecita la sanzione irrogata al lavoratore. Ma non sempre. Interviene il senso comune ...

Continua

I contratti CO.CO.CO. non cessano il 31.12.2015

Con l'1.1.2016 cesseranno i contratti a progetto ma non i Co.Co.Co. Un maggior controllo sulla loro genuinità consiglia però di farli certificare.

Continua

Quando la ditta è in crisi…workers buy out

Se l'azienda è decotta o già in fallimento c'è ancora una possibilità per salvare i posti di lavoro, l'acquisto da parte di una coop dei dipendenti

Continua

COOPERATIVA SOCIALE ... come e perché

Cooperativa sociale. Inventarsi un'attività in un momento storico difficile; un modo per essere utili a se stessi e agli altri creando lavoro

Continua

Cooperativa di produzione e lavoro… in pillole

Perché costituire una Cooperativa di produzione e lavoro anziché una Snc. Quali sono i vantaggi fiscali ed economici di cui poter fruire?

Continua

Nullità degli avvisi di accertamento

Importante pronuncia della CTR della Lombardia la quale afferma che gli atti firmati dai dirigenti decaduti dell'Ag. delle Entrate sono illegittimi

Continua

ASSE.CO - certificato di un rapporto di lavoro DOC

Il "bollino di qualità" che allontana la seccatura di un'ispezione in materia di lavoro

Continua