Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

La banca deve ricostruire il profilo di rischio

E' quanto ha statuito la Corte di Cassazione, sez. I Civile con la sentenza n. 6376/15 depositata il 30 marzo

La banca deve ricostruire il profilo di rischio - E' quanto ha statuito la Corte di Cassazione, sez. I Civile con la sentenza n. 6376/15 depositata il 30 marzo

Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza 15 gennaio – 30 marzo 2015, n. 6376
Presidente Forte – Relatore Dogliotti
Svolgimento del processo
M.L. conveniva in giudizio la San Paolo Imi spa, chiedendone la condanna al risarcimento dei danni, relativi all'acquisto di obbligazioni argentine e quote del Fondo San Paolo, sulla base rispettivamente di un contratto di negoziazione di valori mobiliari e di uno di gestione di portafogli di investimento.
Costituitosi il contraddittorio, la banca chiedeva il rigetto della domanda. 


Con sentenza in data 21/03/2005, il Tribunale di Torino rigettava la domanda.
Proponeva appello l'attore. Costituitosi il contraddittorio, la banca ne chiedeva il rigetto. La Corte di Appello di Torino con sentenza 12/10/2007, in riforma, condannava Intesa San Paolo S.p.A. successore, al pagamento in favore del M. della somma di Euro 45.843,50.
Ricorre per cassazione la banca.
Resiste, con controricorso, il M. che pure deposita memoria per l'udienza. 


Motivi della decisione
Con il primo motivo, il ricorrente lamenta vizio di motivazione, con il secondo, violazione degli artt. 2730, 2732 c.c., 116 c.p.c., là dove la sentenza impugnata avrebbe negato rilevanza probatoria alle dichiarazioni del M. contenuta nella documentazione contrattuale che egli ha sottoscritto, in ordine alla informativa ricevuta sui rischi e l’adeguatezza degli investimenti.
Con il terzo, violazione degli artt. 2697, 2730, 2732 c.c., 23 Dlgs 58/98 e 28, 29 Reg. Consob 11522/98, nonché dell'art. 116 cpc, non avendo provato la banca il suo adempimento ai necessari "obblighi comportamentali" di cui agli artt. 28 e 29 del predetto regolamento.
Con il quarto, vizio di motivazione della sentenza impugnata nella parte in cui essa nega che tra la Banca ed il cliente vi fosse stata interazione nella fase anteriore alla sottoscrizione degli investimenti, in contrasto con l'istruttoria espletata.
Con il quinto, vizio di motivazione, in relazione alla produzione in giudizio di una indagine Consob del 2004, in grado di appello, in violazione dell'art. 345 c.p.c.; con il sesto, violazione degli artt. 345 e 352 cpc, in relazione alla asserita inadeguatezza della condotta negoziale della Banca, sulla base della predetta documentazione tardivamente prodotta.
Com'è noto, e come correttamente ricorda il giudice a quo, l'art. 21 T.U.F. stabilisce che i soggetti abilitati alla prestazione dei servizi di investimento ed accessori debbono comportarsi con diligenza, correttezza e trasparenza ed acquisire le informazioni necessarie dai clienti, operando in modo che essi siano sempre adeguatamente informati. L'art. 28 Reg. Consob 11522/98 prevede che l'intermediario, prima della stipulazione del contratto di gestione e dell'inizio delle prestazioni dei servizi di investimento, debba chiedere all'investitore notizie circa la sua esperienza in materia di investimenti in strumenti finanziari, la sua situazione finanziaria, i suoi obiettivi di investimento, la sua propensione al rischio; essi devono tener conto delle predette informazioni ma pure di ogni altra informazione disponibile.
Il successivo art. 29 precisa che gli intermediari devono addirittura astenersi dall'effettuare operazioni non adeguate per tipologia, oggetto, dimensioni e frequenza; essi tengono conto delle informazioni di cui all'art. 28 e di ogni altra informazione disponibile in relazione ai servizi prestati; ove ricevano da un investitore disposizioni relative ad un'operazione "non adeguata", lo informano di tale circostanza e delle ragioni per cui non è opportuno procedere alla sua esecuzione; possono eseguire l'operazione solo se l'investitore insista, a mezzo di un ordine impartito per iscritto, in cui sia fatto esplicito riferimento alle avvertenze ricevute.
Precisa il giudice a quo, con motivazione adeguata e non illogica, che la banca convenuta non ha adempiuto all'obbligo della "profilatura" del cliente, prima di fargli acquistare le obbligazioni argentine e sottoscrivere il fondo comune San Paolo, mancando la prova che l'intermediario abbia raccolto e valutato le informazioni necessarie a ricostruire il profilo di rischio dell'investitore. È appena il caso di rilevare che non poteva considerarsi soddisfatto tale obbligo, solo perché nel contratto, la casella relativa al diniego di informazioni da parte dell'investitore recava il contrassegno, in quanto il documento continua la sentenza impugnata - era stato stipulato quattro anni prima degli investimenti, era dunque privo della necessaria attualità, e del tutto inidoneo a soddisfare il precetto delle norme suindicate.
Continua la Corte di merito, affermando che la banca si era limitata a prendere atto delle mancate informazioni del cliente, indicando quindi l'operazione richiesta, come non adeguata. 


I Per giurisprudenza ampiamente consolidatavi (tra le altre, Cass. n. 15224 del 2014), delle informazioni provenienti dal cliente, ai sensi dell'art. 28 Reg. Consob non legittima alcun automatismo nella valutazione dell'operazione richiesta così come non è sufficiente una mera dicitura di "operazione non adeguata", senza una motivazione specifica delle ragioni che sconsigliano l'investimento, cui deve seguire la richiesta scritta del cliente di dare ugualmente corso all'operazione.
La Banca, del resto, avrebbe avuto a sua disposizione elementi sufficienti di giudizio per orientare il cliente, conoscendo la sua non giovane età, la sua professione di autotrasportatore, i pregressi rapporti bancari intrattenuti con la stessa banca.
Il riferimento ad una indagine Consob sull'istituto San Paolo, prodotto tardivamente, che a dire del ricorrente, evidenzierebbe generiche carenze organizzative della banca sulla "profilatura" dei clienti nulla potrebbe aggiungere alla prova specifica, del tutto adeguata, come chiarisce la Corte di merito, circa gli inadempimenti contrattuali della banca con riferimento al caso in esame.
Non appare, all'evidenza, al giudice a quo particolarmente significativa l'istruttoria testimoniale espletata. Lo stesso ricorrente, riportando stralci delle deposizioni testimoniali, finisce per evidenziare (così in particolare la deposizione della teste C. ) che ci si riferiva soprattutto a comportamenti generali, raramente correlati al rapporto con il M. .
Vanno dunque, per quanto osservato, dichiarati infondati i motivi e, conclusivamente, rigettato il ricorso.
Le spese seguono la soccombenza.
P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese processuali che determina in Euro 4.000,00 per compensi ed Euro 200,00 per esborsi oltre spese forfettarie ed accessori di legge.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Licenziamento illegittimo e reintegra

Legittimo il rifiuto della lavoratrice alla richiesta del datore di lavoro di svolgere mansioni non compatibili con i problemi fisici

Continua

Comparto scuola: anzianità di servizio

L’attribuzione dell’anzianità di servizio deve essere uniforme tra lavoratori a termine e non, affinchè vi sia la medesima progressione salariale

Continua

Lavoratori in esubero e prossimità alla pensione

Licenziare i lavoratori prossimi alla pensione è conforme al principio di ragionevolezza e non discriminazione

Continua

Motivazione obbligatoria

Il solo voto non basta a bocciare l’aspirante avvocato: la motivazione è obbligatoria

Continua

Ammissione scuole specializzazione 2013/2014

Il Consiglio di Stato ha sanato le irregolarità connesse all'ammissione alle scuole per l'anno accademico 2013/2014

Continua

La Cassazione stringe sui furbetti 2.0

E’ legittimo il licenziamento del postino che durante il periodo di malattia svolge attività lavorativa da dj sottoponendosi anche a uno stress fisico

Continua

L. n. 104/1992: diritti spettanti ai familiari

Non è dovuto il permesso di due ore giornaliere per assistere la madre con handicap

Continua

Il certificato medico va effettivamente trasmesso

Può essere licenziato il lavoratore se non si accerta che venga trasmesso il certificato medico al datore di lavoro

Continua

Il disabile deve poter accedere al bancomat

L'esistenza di una barriera architettonica costituisce comportamento discriminante nei confronti del soggetto portatore di handicap

Continua

Art. 33, comma 3, della legge 5.2.1992, n. 104

Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate: i permessi retribuiti spettano anche al convivente

Continua

Legittimo il licenziamento del lavoratore furbetto

Ben può procedere al licenziamento il datore di lavoro che anche tramite investigatore privato scopre che il dipendente in malattia svolge lavoretti

Continua

Mansioni part-time e full-time: licenziamento

Il datore di lavoro ben può licenziare il lavoratore a tempo parziale in considerazione delle esigenze organizzative

Continua

Reitera contratti a tempo determinato

La Corte di Giustizia, UE, Decima Sezione, sentenza 14 settembre 2016, causa C-16/15 ha ancora censurato l'utilizzo dei contratti a tempo determinato

Continua

Anagrafe Edilizia Scolastica 20 anni dopo

La legge n. 23/1996 ha previsto che accertasse la consistenza, la situazione e la funzionalità del patrimonio edilizio scolastico

Continua

Può essere licenziato il dipendente violento!

Costituisce recesso per giusta causa il comportamento violento del dipendente nei confronti della ex

Continua

Concorso docenti 2016

Illegittime le esclusioni di alcune categorie di docenti e la possibilità di presentazione della domanda per una sola regione

Continua

Corte europea dei diritti dell’uomo

L’indennizzo ex legge Pinto è dovuto anche in caso di mancata presentazione della istanza di prelievo.

Continua

Concorso Polizia di Stato, limite di età

E' illegittimo il bando di concorso di vice ispettore di Polizia limitato a coloro che non abbiano superato 32 anni di età

Continua

Adempimento del mandato: errori e conseguenze

Violazione dei doveri connessi allo svolgimento dell'attività professionale: dovere di diligenza, corretto adempimento e informazione

Continua

D.Lgs. 206/2007 e direttiva CEE 36/2005

Vecchie e nuove problematiche in ordine al riconoscimento dei titoli professionali conseguiti all'estero

Continua

Cambio di destinazione d'uso del sottotetto

E' richiesta l'autorizzazione per la trasformazione del sottotetto in vano abitabile

Continua

Può essere sequestrata la veranda abusiva

L'esistenza di una struttura abusiva integra il requisito dell’attualità del pericolo, indipendentemente dal fatto che la costruzione sia ultimata

Continua

Separazione personale dei coniugi e addebito

L'inosservanza dell'obbligo di fedeltà è idoneo a giustificare l'addebito della separazione al coniuge responsabile

Continua

Danno causato da animali e caso fortuito

Non costituisce caso fortuito e non esonera da responsabilità l'imprevedibilità del comportamento dell'animale

Continua

No al compenso aggiuntivo per festività di domenica

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 6541/15; depositata il 31 marzo

Continua

Strada dissestata: responsabilità P.A.

Corte Cass. sez. VI Civile – 3, ordinanza 30 marzo n. 6425/15

Continua

Corte di Cass. III Civ. del 31.3.2015 n. 6440

In caso di malattia genetica della neonata sono colpevoli la struttura sanitaria e il medico per l'errore diagnostico

Continua

Corte di Cassazione SS. UU. Civ. 23.3.2015 n. 5744

Per il risarcimento del danno da esproprio illegittimo è competente il giudice ordinario

Continua

Legge Pinto - il danno è personale

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, sentenza n. 5916/15; depositata il 24 marzo

Continua

Rapporto di lavoro - Patto di prova

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 10 dicembre 2014 – 25 marzo 2015, n. 6001

Continua