Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Indennità di fine rapporto di agenzia

Disciplina civilistica e fiscale delle indenntià di fine rapporto di agenzia. Imposte dirette e indirette

Indennità di fine rapporto di agenzia - Disciplina civilistica e fiscale delle indenntià di fine rapporto di agenzia. Imposte dirette e indirette

Le indennità di riconoscibili all’agente al momento della cessazione del contratto di agenzia previste dal contratto collettivo vigente sono riconducibili a tre distinti emolumenti:  

indennità di risoluzione del rapporto 

indennità suppletiva di clientela 

indennità meritocratica 

  

In caso di mancato preavviso, l’agente ha anche diritto a ricevere un’ulteriore cd. ”indennità di mancato preavviso” calcolata sulla media delle provvigioni corrisposte nel periodo del contratto, moltiplicate per i mesi di preavviso previsti e non concessi. 

  

Indennità di risoluzione del rapporto 

Queste indennità deve essere annualmente accantonata dal preponente nell’apposito Fondo Indennità 

Risoluzione Rapporto (FIRR), costituito presso l’Enasarco. 

Con la cessazione del rapporto di agenzia, le case mandanti sono tenute, entro un mese dalla cessazione stessa, a darne comunicazione all’Enasarco  che provvederà a liquidare all’agente, a titolo di indennità per lo scioglimento del contratto, le somme accantonate in suo favore presso il FIRR. 

  

Indennità suppletiva di clientela 

L’indennità suppletiva di clientela è dovuta, in aggiunta all’indennità di risoluzione del rapporto, qualora il contratto a tempo indeterminato venga risolto ad iniziativa del preponente per un fatto non imputabile all’agente. 

L’indennità in oggetto è prevista anche  in caso di dimissioni dell’agente dovute a invalidità permanente o totale o successive al conseguimento della pensione di vecchiaia. In tali casi trattasi di cause di forza maggiore che hanno determinato la cessazione del rapporto non riconducibili alla mera volontà dell’agente. 

  

La quantificazione dell’indennità suppletiva di clientela avviene secondo percentuali applicate all’ammontare globale delle provvigioni (e delle altre somme) corrisposte o, comunque, dovute all’agente fino alla data di cessazione del rapporto. 

A differenza dell’indennità di risoluzione del rapporto, essa viene corrisposta, all’atto dello scioglimento del contratto, direttamente dalla ditta preponente. 

  

Indennità “meritocratica” 

Un ulteriore emolumento spettante all’agente è la c.d. “indennità meritocratica”. Trattasi di un’indennità aggiuntiva rispetto alle due precedenti, corrisposta all’agente nel caso in cui, al momento della cessazione del rapporto, egli abbia procurato nuova clientela o abbia incrementato gli affari con i clienti esistenti, in ottemperanza con quanto previsto nell’art. 1751 co. 1 c.c. 

  

Indennità di mancato preavviso 

E’ riconosciuta solamente in caso di interruzione del rapporto di agenzia senza che sia concesso all’agente il termine di preavviso previsto contrattualmente. 

  

DISCIPLINA FISCALE DELLE INDENNITA’ 

Imposte dirette 

Ai fini delle imposte dirette per l’agente queste indennità assumono natura risarcitoria e pertanto sono soggette a tassazione separata, con obbligo del sostituto di operare una ritenuta a titolo di acconto pari al 20% con il codice 1040, se l’agente è persona fisica o società di persone. 

Se l’agente è una società di capitali invece anche l’indennità rientra nel reddito d’impresa e pertanto viene tassato come tale. Non è necessario operare alcuna ritenuta d’acconto. 

  

Per la società mandante le indennità Firr e suppletiva di clientela devono essere dedotte per competenza come chiarito anche dall’Agenzia delle Entrate nella circ. 33E del 8/11/2013, con la quale ha cambiato il suo storico orientamento. 

L’indennità meritocratica e l’indennità di mancato preavviso non essendo certe ne determinabili in costanza di rapporto saranno deducibili per cassa al momento di cessazione del rapporto di agenzia. 

  

Imposte indirette 

Ai fini Iva tutte le indennità sopra richiamate avendo natura risarcitoria non rientrano nel campo di applicazione dell’Iva ai sensi dell’art. 2 co 3 lett. a) del DPR 633/72. 

  

Enasarco 

Il contributo Enasarco è dovuto su tutti gli importi riconosciuti all’agente in costanza di rapporto (provvigioni, rimborsi spese, premi di produzione) e anche sull’indennità di mancato preavviso. 

Non è invece dovuto sulle somme riconosciute dopo la cessazione del rapporto tra cui l’indennità suppletiva di clientela e l’indennità meritocratica. 

  

 

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuove ipotesi di reverse charge 2015

Dal 1 gennaio 2015 sono state introdotte nuove tipologie di operazioni soggette al reverse charge: prestazioni di pulizia e installazione di impianti

Continua

E-commerce indiretto

Vedite sul web: disciplina fiscale delle vedite on-line di beni

Continua

PMI: liquidità cercasi

Come ottenere finanziamenti oggi? Esiste la possibilità di ottenere preziose garanzie da fornire alle banche senza esporre direttamente l'imprenditore

Continua