Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Geometri

Come si calcolono i vani catastali di un immobile

Come calcolare i vani di un immobile

Come si calcolono i vani catastali di un immobile - Come calcolare i vani di un immobile

I vani catastali sono i locali utili effettivi detti anche vani principali; in linea di massima l'ampiezza di un vano non può superare i 15/20 mq. I vani principali vengono conteggiati come vano, mentre la cucina viene conteggiata un vano indipendentemente dalla sua superficie, gli accessori diretti (bagni, ripostigli, ingressi, corridoi, ecc.) vengono conteggiati un terzo di vano, parimenti gli accessori complementari (soffitte, cantine, ecc.) vengono conteggiati un quarto di vano.

In merito alle dipendenze (scoperti esclusivi, vani di servizio in comune, ecc.) vengono conteggiate come percentuale della consistenza complessiva fino ad un massimo del 10%. La consistenza viene arrotondata al mezzo vano il che significa che ad esempio: se dal conteggio della consistenza risultano vani 5,21 si arrotonda a vani 5.

Per quanto riguarda gli immobili a destinazione commerciale (gruppo C, come negozi C/1, magazzini C/2, garage C/6, ecc.) la consistenza viene espressa in metri quadrati che corrispondono alla superficie netta di tali immobili. Fanno eccezione i negozi (categoria C/1) per i quali vengono conteggiati per intero i metri quadrati dei locali principali (effettivamente adibiti a negozio, bottega, bar, ristorante, ecc.) mentre i locali accessori (retrobottega, servizi igienici, locali di deposito, ecc.) vengono calcolati in percentuale (mediamente del 50%). 

Per il computo della consistenza si deve tener conto principalmente dei:
- VANO PRINCIPALE: sono quei vani con utilizzo principale nel contesto dell’ unità immobiliare, aventi superficie utile compresa entro i limiti minimo e massimo di ciascuna categoria, e per ciascun comune. (saloni, soggiorni, camere, stanze e cucine)
- ACCESSORI DIRETTI: si intendono accessori diretti i locali necessari al servizio e/o al disimpegno dell’abitazione che non hanno caratteristica di vano, sono tali: corridoi, bagni, W.C., ripostigli, vani bui, vani con superficie inferiore al minimo stabilito, ecc. A ognuno di questi è assegnato 1/3 di vano.
- ACCESSORI INDIRETTI: gli accessori indiretti sono tutti quei vani che pur non essendo strettamente necessari alla utilizzazione dei vani principali ne integrano la funzione, ovvero: cantine, ripostigli posti nel cortile o in soffitta, lavatoi ecc., computati 1/4 di vano.
- DIPENDENZE: vanno intese come tali tutte quelle superfici libere a servizio della U.I.U. (anche in comune), quali cortili, giardini, terrazze ecc., e quei locali destinati al servizio comune di più unità immobiliari (portici, tettoie aperte)
- ECCEDENZA: qualora la superficie è superiore al valore massimo si sottrae alla superficie del vano eccedente il limite massimo, quindi si divide il risultato per lo stesso limite massimo e tale valore va sommato al resto della consistenza.
- PERCENTUALE DI INCREMENTO O DECREMENTO: alle dipendenze, quali terrazze, cortili esclusivi e comuni, ecc. viene assegnata una percentuale che si va a sommare al totale dei vani, accessori diretti e accessori indiretti, fino a un massimo del 10%.
- ARROTONDAMENTO: il valore complessivo della consistenza si arrotonda al mezzo vano.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Geometri

Pilati Giuseppe - Trapani (TP)

Pilati Giuseppe

Geometri / Studio Tecnico

Via Vespri, 83

91100 - Trapani (TP)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Nuove regole per la certificazione energetica

Certificazione energetica degli edifici, in arrivo il nuovo APE - Un unico modello per tutto il territorio nazionale, aumento delle classi energetiche

Continua

Committente dei lavori, responsabilità

Il commitente dei lavori è sempre responsabile per colpa in vigilando. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 14012/2015

Continua

Le facciate ventilate

Cosa si intende per parete ventilata

Continua

Superbonus per il "ritocchino"

Perchè no! Proposta di incentivazione per il restauro delle facciate dei palazzi delle nostre città.

Continua

Come arredare il bagno: le nuove tendenze

Arredare il bagno secondo le nuove tendenze

Continua

Opere di ristrutturazione - Detrazioni fiscali

Opere di ristrutturazione - Condizioni per chiedere la detrazione fiscale

Continua

Opere precarie per terrazze e verande

Come attrezzare e vivere lo spazio esterno degli alloggi

Continua

Determinazione della superficie catastale

Norme tecniche per la determinazione della superficie catastale delle unità immobiliari a destinazione ordinaria

Continua

Calcolo della superficie

Superficie commerciale di un immobile secondo la norma UNI 10750

Continua