Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Non punibilità per particolare tenuità del fatto

Ancora un'occasione sprecata per iniziare a riformare il sistema sanzionatorio italiano: qualche beneficio ci sarà, ma è solo l'ennesima toppa.

Non punibilità per particolare tenuità del fatto - Ancora un'occasione sprecata per iniziare a riformare il sistema sanzionatorio italiano: qualche beneficio ci sarà, ma è solo l'ennesima toppa.

Il D. Lgs. 28/2015 ha introdotto nel codice penale l'art. 131-bis, ai sensi del quale nei reati per i quali è prevista la pena detentiva non superiore nel massimo a cinque anni, oppure la pena pecuniaria, la punibilità è esclusa quando l'offesa è di particolare tenuità e il comportamento non risulta abituale

 

Deve essere innanzitutto sfatato il mito – purtroppo già diffusosi – che qualsiasi reato con pena edittale fino a cinque anni non sarà punibile: è necessaria una valutazione da parte del giudice sulla concreta tenuità del fatto che tenga conto della modalità della condotta e dell'esiguità del danno o del pericolo. 

Inoltre, sono stati previsti dei casi in cui il fatto non può mai essere ritenuto tenue: si tratta di ipotesi che richiamano alcune delle aggravanti comuni di cui all'art. 61 c.p. (aver agito per motivi abietti o futili o con crudeltà, aver adoperato sevizie, aver approfittato delle condizioni di minorata difesa della vittima). Non sarà mai tenue il fatto quando la condotta avrà causato, come conseguenze non volute dal reo, la morte o le lesioni gravissime della vittima. 

 

Ulteriore condizione è che il comportamento non risulti abituale, e sarà tale quando l'autore del reato sia stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza, quando abbia commesso più reati della stessa indole, e quando si tratti di reati aventi ad oggetto condotte plurime, abituali e reiterate

Per comprendere quali reati rientrino nel campo di applicazione della nuova norma, si deve tenere conto della pena edittale, ma non delle circostanze, a meno che si tratti di circostanze ad efficacia speciale o ad effetto speciale. Non si dovrà, però, tenere conto del giudizio di bilanciamento. 

 

Come si è potuto osservare, il legislatore ha previsto che la particolare tenuità del fatto sia atta ad escludere la punibilità del reato. Autorevole dottrina ha definito la punibilità come “l'insieme delle eventuali condizioni, ulteriori ed esterne rispetto al fatto antigiuridico e colpevole, che fondano o escludono l'opportunità di punirlo” (Marinucci-Dolcini). Partendo da questo dato è facile comprendere come il legislatore non abbia inteso eliminare la rilevanza penale delle condotte particolarmente tenui, ma ha semplicemente ravvisato la non opportunità di sanzionarle in concreto

 

Coerentemente con questa impostazione, sono state inserite alcune modifiche anche al codice di procedura penale in tema di archiviazione, proscioglimento prima del dibattimento e di efficacia del giudicato. 

In particolare, è stato previsto che il pubblico ministero possa formulare la richiesta di archiviazione quando l'indagato risulti non punibile per la particolare tenuità del fatto. 

In secondo luogo, qualora il fatto appaia non punibile perché di particolare tenuità, il giudice potrà pronunciare sentenza di non doversi procedere prima dell'apertura del dibattimento

La permanente rilevanza penale del fatto traspare chiaramente dall'art. 651-bis c.p.p., ai sensi del quale, la sentenza di proscioglimento per particolare tenuità ha efficacia di giudicato nel giudizio civile o amministrativo, quanto all'accertamento della sussistenza del fatto, della sua illiceità penale e all'affermazione che l'imputato lo ha commesso

 

Pertanto, la persona offesa ben potrà agire in sede civile contro l'autore del reato, forte della sentenza di proscioglimento che vincolerà il giudice civile circa la commissione di un reato da parte di un determinato soggetto. 

Come conseguenza della rilevanza penale del fatto, i provvedimenti che abbiano dichiarato la non punibilità per particolare tenuità saranno iscritti nel casellario giudiziale per essere cancellati dopo dieci anni dalla pronuncia. Tuttavia, essi non compariranno nel certificato generale e nel certificato penale richiesti dall'interessato. 

L'intervento legislativo in questione, a mio parere, dimostra la superficialità di un legislatore che non vuole, forse per mera opportunità elettorale, affrontare in modo serio l'ormai necessaria riforma del sistema sanzionatorio penale. 

Ancora una volta è stata creata una pezza a soli fini decongestionanti dell'ormai arrancante macchina giudiziaria, ma si è persa l'occasione per avviarsi finalmente sulla strada di un diritto penale davvero rispettoso del tanto sbandierato principio di offensività.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitā circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirā all'Autoritā Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore č esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

'No' dalla Cassazione alla scriminante culturale

Corte di Cassazione: chiunque desideri inserirsi in Italia deve adeguarsi ai principi e alle norme che reggono lo Stato italiano

Continua

Proscioglimento, oblazione e decreto penale

La Consulta afferma che se l'imputato, con l'opposizione al decreto penale di condanna, chiede l'oblazione, può essere prosciolto ex art. 129 c.p.p.

Continua