Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Rent to buy, una vera nuova opportunità per molti

La banca non eroga il mutuo per l’acquisto della casa o dell’ufficio? Acquista l’immobile con il rent to buy senza buttare i soldi per l’affitto!

Rent to buy, una vera nuova opportunità per molti - La banca non eroga il mutuo per l’acquisto della casa o dell’ufficio? Acquista l’immobile con il rent to buy senza buttare i soldi per l’affitto!

Con il Decreto Legge n. 133/2014 (il cosiddetto decreto “Sblocca Italia”) è stata finalmente regolata la fattispecie dei contratti di “godimento in funzione della successiva alienazione di immobili”: il cosiddetto rent to buy

  

Tale fattispecie è una delle forme contrattuali che negli ultimi anni, anche a causa della forte flessione del mercato immobiliare, sta riscontrando in maniera crescente le attenzioni degli operatori. Questa nuova formula, che richiama al tempo stesso le regole della locazione e della vendita, consente ad un soggetto di poter disporre da subito di un immobile a fronte del pagamento di un canone di locazione, con la possibilità di rinviarne l’acquisto ad un momento successivo

  

Tramite il rent to buy, il potenziale acquirente ottiene immediatamente la disponibilità dell’immobile e successivamente, in caso di acquisto, ‘‘recupera’’ i canoni di locazione versati per il godimento dello stesso. In particolare, tale tipologia contrattuale (diversa dal leasing), si articola nelle seguenti tre fasi

  

1. inizialmente, le parti stipulano un contratto di locazione con opzione d’acquisto, con la corresponsione di canoni (considerati, in parte o in tutto, acconti del prezzo ‘‘finale’’ di cessione) da parte del conduttore/futuro acquirente e di una eventuale caparra confirmatoria/acconto; 

  

2. durante il periodo di godimento, il conduttore beneficia dell’immobile, essendo titolare di un diritto che può consentire un’opzione di acquisto; 

  

3. successivamente, si può esercitare l’opzione per la stipula del contratto di compravendita

  

A partire dalla data di stipula del contratto, il conduttore può utilizzare l’immobile per il periodo concordato e divenirne proprietario, nei modi e nei tempi convenuti nel contratto stesso, anche in modo automatico, dietro pagamento di un numero minimo di rate, oppure in seguito all’esercizio di un’opzione. Per il contratto in esame, al fine di rafforzare la tutela delle parti, è prevista obbligatoriamente la trascrizione. L’accordo, pertanto, dovrà avere la forma dell’atto pubblico o della scrittura privata autenticata

  

Considerando anche l’attuale situazione di congiuntura economica non positiva che interessa maggiormente il comparto immobiliare, tra gli indubbi vantaggi per l’acquirente c’è il fatto che egli ottiene immediatamente la disponibilità dell’immobile e non “spreca”, per così dire, risorse finanziarie per il godimento di un bene che alla fine non rimarrà nella sua proprietà. Lo stesso pone in essere, invece, un investimento immobiliare che ha un peso finanziario equiparabile circa ad una locazione ma con la differenza che alla fine del contratto potrà decidere di concretizzare. L’acquirente ha, di fatto, la possibilità di rimandare l’atto di acquisto, con tutti i costi correlati, ad un periodo successivo

  

Altro vantaggio per l’acquirente è la possibilità di presentarsi presso un istituto di credito per chiedere una somma a mutuo pari alla percentuale che attualmente il mercato eroga (70-80%), oltretutto, con l’opportunità di crearsi un “rating” positivo, nel senso di creare uno storico attraverso il quale dimostrare all’istituto erogante di avere la capacità di pagare regolarmente una rata mensile (prima di affitto e dopo di mutuo). Altri ulteriori vantaggi, di non poco conto, sono la possibilità di familiarizzare con la casa ed apprezzarla al fine del successivo acquisto oltre al fatto di fissarne fin da subito il prezzo

  

Per il soggetto che vende, di contro, sussiste la possibilità di mettere a reddito immediatamente l’immobile (percependo un affitto), cosa sempre più ostica soprattutto per le imprese di costruzione. Inoltre, se il venditore è un soggetto d’impresa vi è la possibilità, con il preliminare registrato e trascritto, di “scontare” tale contratto in banca al fine di ottenere un anticipo e munirsi così di liquidità immediatamente disponibile. 

  

La norma prevede altresì l’applicazione di altre specifiche disposizioni del Codice Civile in merito alla cancellazione della trascrizione, all’inadempimento delle parti, all’ipoteca iscritta sull’edificio a garanzia del finanziamento dell’intervento edilizio, nonché in tema di inventario, di garanzia, di spese di manutenzione e pretese di terzi e/o liti. Inoltre con recente ed attesa Circolare dell’Agenzia delle Entrate n. 4/E/2015 del 19.02.2015, è stato chiarito il trattamento fiscale applicabile in capo ai soggetti coinvolti nel contratto. Per ovvie ragioni di spazio e di complessità della normativa, tali argomentazioni non saranno approfondite in questa sede, ma saranno oggetto di analisi di ogni singola specifica consulenza richiesta. 

  

UCS-CEA si avvale di strutture e professionisti esperti che saranno lieti di analizzare e trovare la soluzione migliore per ogni singolo caso proposto. 

  

Per qualsiasi informazione e chiarimento sull’argomento trattato o per fissare un appuntamento con i nostri esperti, UCS-CEA è sempre disponibile ai recapiti indicati nel profilo di studio.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Startup innovativa a costo zero

Maggiori agevolazioni fiscali per le startup innovative per favorire un maggior impulso negli investimenti in capitale di rischio

Continua

Disapplicazione della disciplina società di comodo

Lo stato di crisi di un’impresa industriale giustifica l’inapplicabilità della disciplina delle società non operative

Continua

Risoluzione del contratto di cessione d’azienda

Di seguito vengono esaminate le conseguenze fiscali connesse alla risoluzione del contratto di cessione d’azienda con clausola di riserva di proprietà

Continua

Esdebitazione debiti IVA secondo la Legge 3/2012

Di seguito viene esaminato il regime di decurtabilità dei debiti IVA a seguito della procedura di liquidazione del patrimonio

Continua

La gestione della crisi da sovraindebitamento

Di seguito viene esaminato il rapporto fra professionisti di nomina giudiziale e gli OCC nella gestione della crisi da sovraindebitamento

Continua

Perdite realizzate durante la liquidazione

Di seguito viene esaminato il trattamento fiscale delle perdite delle società di persone che si generano nella fase della liquidazione

Continua

Trasformazione agevolata in società semplice

Importanti chiarimenti sono stati forniti con la circolare n. 26/E/2016 dell’Agenzia delle Entrate per il perfezionamento operazione agevolata

Continua

Patent Box: determinazione del reddito agevolabile

L’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti e soluzioni interpretative sull’impianto del Patent Box

Continua

Operazioni di acquisizione con indebitamento

L’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti relativi alla deducibilità degli interessi passivi connessi al finanziamento delle predette operazioni

Continua

Accertamenti sulla plusvalenza da cessione azienda

Lo scostamento tra valore e prezzo di cessione d’azienda non legittima il Fisco a procedere all’accertamento induttivo

Continua

Nuove agevolazioni per gli immobili in comodato

La Legge di Stabilità ha introdotto nuove disposizioni per la riduzione dell’IMU e della TASI sulle abitazioni concesse in comodato ai parenti

Continua

Limiti alle azioni esecutive di Equitalia

Non tutti i beni del contribuente, in debito con il fisco, possono essere pignorati. Vediamo cosa può fare e cosa non può fare Equitalia

Continua

Nuovi chiarimenti sui rimborsi IVA semplificati

L’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti relativi a questioni interpretative inerenti alla disciplina dei rimborsi IVA (circ. 35/E del 27.10.2015)

Continua

Benefit ai dipendenti, risparmio per l’azienda

“Welfare Marketplace” in Italia: i dipendenti scelgono i benefit di loro interesse e l’imprenditore riduce il cuneo fiscale

Continua

Voluntary disclosure: aderire è meglio che curare

Gli accordi internazionali sono ormai quasi tutti definiti o in via di definizione. L’adesione è una scelta di fatto obbligata più che volontaria

Continua

Illegittimo il blocco della perequazione pensioni

La Corte Costituzionale rileva l’illegittimità del blocco della perequazione pensioni per il biennio 2012-2013. Istanza preventiva per il rimborso

Continua

La contabilità si automatizza con “boxmydox”

Boxmydox, la prima ed innovativa applicazione che “pre-contabilizza” le fatture senza l’utilizzo di “OCR”, “barcode” o “tracciati semantici”!

Continua

Troppi debiti? Esdebitazione è la risposta!

Sovraindebitamento ed esdebitazione. Finalmente ora è possibile lasciarsi alle spalle i debiti contratti nel passato e ripartire da zero!

Continua