Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Quante aziende conoscono il D.Lgs. 231/01?

Con il D.Lgs.231/01 la responsabilità amministrativa delle imprese è stata estesa ai reati in materia di sicurezza sul lavoro e contro l'ambiente

Quante aziende conoscono il D.Lgs. 231/01? - Con il D.Lgs.231/01 la responsabilità amministrativa delle imprese è stata estesa ai reati in materia di sicurezza sul lavoro e contro l'ambiente

Da quando il D.Lgs. 231/01 è stato esteso ai reati inerenti la sicurezza e l’ambiente, le aziende possono venir sanzionate con pene pesantissime che possono arrivare alla limitazione o cessazione dell’attività, con gravi conseguenze sulla business continuity


Amministratori, manager e responsabili di funzione sono tutti toccati dalla normativa. Chi oggi occupa posizioni di responsabilità all’interno delle imprese non può prescindere dalla conoscenza del mutato contesto legislativo che include gli orientamenti della giurisprudenza alla luce delle più recenti sentenze. 


Nelle imprese gestite da società di capitali, gli obblighi inerenti alla prevenzione degli infortuni sul lavoro a carico del datore di lavoro gravano indistintamente su tutti i componenti del consiglio di amministrazione (sentenza Cass. Pen. Sez. IV, 08.02.2008, n. 6280).
Caratteristica del D.Lgs. 231/01 è la presunzione di colpevolezza dell’ente (impresa) sul quale grava l’onere di dimostrare la mancanza di colpa (inversione dell’onere della prova).  


Tuttavia, ai sensi dell’art.6 del decreto, le imprese possono esimersi dalla responsabilità per i suddetti reati se dimostrano che l’organo dirigente ha attuato, prima della commissione del fatto, modelli organizzativi e di gestione idonei; che il compito di vigilare è stato affidato ad un organismo di vigilanza; che gli autori del reato hanno eluso fraudolentemente i modelli di gestione e che non vi è stata omessa o insufficiente vigilanza.

Il modello di organizzazione, gestione e controllo dell’azienda deve essere adeguato ai requisiti richiesti dal D.Lgs. 231/01. Le aziende che vogliono tutelarsi da una propria responsabilità amministrativa devono provvedere ad adeguare il proprio sistema di gestione e formalizzare il processo di monitoraggio dell’effettiva attuazione del sistema del sistema dei presidi descritto nel documento di valutazione dei rischi. E per farlo rivolgersi ad esperti della materia. Green Innovation offre la prima consulenza gratuita.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Campi elettromagnetici: adeguamento direttiva ue

Obbligo di misurazione dei campi elettromagnetici per la sicurezza e salute relative ai lavoratori

Continua

Contributi alle imprese per efficienza energetica

Umbria: sostegno agli investimenti per l`efficienza energetica e l`utilizzo delle fonti di energia rinnovabile per le imprese

Continua

Business Acquisti Verdi Pubbliche Amministrazioni

Come possono le aziende essere scelte dalle Pubbliche Amministrazioni nelle gare che vanno sotto il nome di acquisti verdi (Green Public Procurement)?

Continua

Incentivi PSR Umbria

Programma di sviluppo rurale Umbria 2014-2020: incentivi per imprese, enti pubblici e associazioni

Continua

EPD: Dichiarazione ambientale di prodotto

Green Innovation eroga consulenza per il rilascio della dichiarazione ambientale di prodotto (EPD)

Continua

Agrifood in Umbria, nuovi posti di lavoro

Tirocini formativi gratuiti per laureati nelle Aziende della filiera vitivinicola, olivicola-olearia e cerealicola in Umbria

Continua

Tirocini formativi gratuiti per le aziende

Progettto“smart” Umbria: tirocini formativi per diplomati e laureati finanziato dal P.O.R. Umbria FSE 2014-2020.

Continua

Contributi a fondo perduto 100% agli agricoltori

Contributo concesso nella misura pari al 100% della spesa sostenuta e fino ad un massimo di 3.000 euro/anno/azienda per un massimo di cinque anni.

Continua

Contributi a fondo perduto 70% per le imprese

Bando della Regione Umbria con un sostegno pari al 70% dei costi ammissibili per attività di informazione e promozione attuate da produttori agricoli

Continua

P.S.R. Umbria 2014-2020. Criteri di selezione

Programma di sviluppo rurale per l'Umbria 2014-2020: pubblicazione dei criteri di selezione degli interventi finanziati.

Continua

Enti pubblici. Contributi per diagnosi energetiche

Contributi da 6 mila a 24 mila euro agli enti pubblici che effettuano diagnosi e certificazioni energetiche del proprio patrimonio edilizio

Continua

Online la prima ricetta con impatto sull'ambiente!

È disponibile online la prima ricetta con indicati gli impatti sull’ambiente e sulla salute ed i consigli per uno stile di vita sano

Continua

Come fa un’Istituzione a diventare più green?

Come può un’Istituzione nazionale diventare più green ed essere un modello per l’intero settore?

Continua

La 1° Ricetta di cucina con impatto sull'ambiente!

La prima Ricetta di cucina con indicati gli impatti sull’ambiente e sulla salute e consigli per uno stile di vita sano nell'anno di EXPO 2015.

Continua

Made in Italy oppure 100% Made in Italy?

Qual è la differenza tra queste 2 diciture che troviamo sui prodotti? I Grandi Marchi quale utilizzano?

Continua

Ultimi giorni per partecipare al bando ISI INAIL!

Scadrà il 07/05/2015 il termine per la richiesta del contributo del 65% per progetti di investimento e per i Sistemi di Gestione della Sicurezza.

Continua

In arrivo la nuova norma ISO 9001: quali novitá?

Vediamo le principali novità della norma che uscirà a ottobre 2015. Le aziende e gli enti certificati ISO 9001:2008 hanno 3 anni di tempo per adeguarsi

Continua

Vuoi far crescere il tuo business? La soluzione...

... viene dai tuoi clienti! Sapere cosa i clienti pensano realmente dei servizi o prodotti che offriamo è il modo migliore per crescere

Continua

CCIAA Pisa: contributi per la gestione certificata

La Camera di Commercio di Pisa concede per l’anno 2015 contributi per l’adozione di sistemi di gestione certificati

Continua

CCIAA Livorno: contributi del 50% per certificazioni

La Camera di Commercio di Livorno concede contributi per l’adozione di sistemi di gestione ambientali, di sicurezza, qualità e responsabilità sociale

Continua

Credito d'imposta del 50% per le imprese

Credito d'imposta del 50% delle spese sostenute nel 2015 per attività di ricerca e sviluppo svolte da personale qualificato, altre imprese, università

Continua

La carbon footprint: cos'è e perché se ne parla?

La carbon footprint dei prodotti e l'impronta di carbonio delle organizzazioni sono le nuove richiestissime certificazioni ISO del 2015.

Continua

Contributi a fondo perduto fino al 100%

Con l'aiuto di un esperto puoi ottenere un contributo a fondo perduto fino al 100% per la tua azienda!

Continua