Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto Bancario

Interessi Bancari di Capitalizzazione secondo la Corte di Cassazione

Diritto Bancario - Interessi  Bancari di Capitalizzazione secondo la Corte di Cassazione

La negazione dell’esistenza di usi normativi idonei a legittimare la capitalizzazione trimestrale degli interessi debitori (Cass. n. 2374/1999; Cass. n. 3096/1999; Cass. n. 12507/1999), ha indotto la giurisprudenza ad interrogarsi circa la presenza di consuetudini in grado di giustificare l’anatocismo su altre basi temporali. 

 

Esclusa l’esistenza di usi normativi in ordine ad una capitalizzazione da operare su base annuale (cfr. Cass. n. 20172/2013; Cass., Sez. U., n. 24418/ 2010; Cass. n. 6187/2005), anche l’ipotesi della capitalizzazione semestrale, da fondarsi eventualmente sull’applicazione dell’art. 1831 cod. civ. al contratto di conto corrente bancario, è stata esclusa, sicchè deve ritenersi che gli interessi a debito del correntista debbano essere calcolati senza alcuna forma di capitalizzazione. 

 

Nel solco di questa conclusione si pone, da ultimo, Cass. n. 15135/2014, che ha ribadito l'inapplicabilità, al contratto di conto corrente bancario, dell'art. 1831 c.c., dettato in materia di conto corrente ordinario, sia perchè il primo si presenta diverso per struttura e funzione, sia perchè la predetta norma non è tra quelle specificamente richiamate dall'art. 1857 c.c.; ne consegue che, in tema di anatocismo, il rapporto di conto corrente bancario resta soggetto ai principi generali di cui all'art. 1283 c.c. 

 

La Suprema Corte ha altresì affermato che la nullità della clausola di capitalizzazione (trimestrale) degli interessi dovuti dal cliente sul saldo passivo, in quanto stipulata in violazione dell'art. 1283 c.c., è rilevabile d'ufficio ex art. 1421 c.c., anche in sede di gravame, qualora vi sia contestazione sul titolo posto a fondamento della domanda degli interessi anatocistici, rientrando nei compiti del giudice l'indagine in ordine alla sussistenza delle condizioni dell'azione (Cass. n. 23656/2011; Cass. n. 23974/2010; v. anche Cass., Sez. Un., n. 21095/2004).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Il divorzio breve e facile

La riforma della L. 6 maggio 2015, n.55 coordinata con il D.l. n.132/2014, convertito in L. n.162/2014

Continua

Riconoscimento di figli naturali

Eliminazione di ogni distinzione fra figli legittimi e naturali

Continua

La Corte Europea condanna l`Italia

Rapporto nonni-nipote: le autorità italiane non hanno compiuto gli sforzi necessari per salvaguardare il legame familiar

Continua

Fecondazione eterologa: figlio nato in Spagna da due donne

La Corte d`Appello di Torino autorizza la trascrizione dell`atto di nascita del bambino

Continua

Divorzio celere

La Commissione giustizia del Senato ha dato il via libera al Ddl sul divorzio breve che contiene anche la norma sul divorzio immediato

Continua

Legge 10.11..2014 N.162: negoziazione volontaria

La negoziazione volontaria in materia di separazione e/o divorzio consensuale e congiunto

Continua

Tempo di permanenza e visita del figlio

La Corte di Appello di Catania spiega i motivi per cui il minore deve stare con chi non è collocatario il più lungo tempo possibile

Continua

La regolamentazione dello stato di filiazione

Legge 10.12.2012, n. 219 e D.Lgs 28.12.13 n.154 in vigore dal 07.02.14: normative che regolano anche i casi di disgregazione della coppia

Continua