Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Freddo in azienda e legittima astensione da lavoro

E' legittima l'astensione dal lavoro dei dipendenti a causa della bassa temperatura in azienda causata dal difettoso funzionamento del riscaldamento

Freddo in azienda e legittima astensione da lavoro - E' legittima l'astensione dal lavoro dei dipendenti a causa della bassa temperatura in azienda causata dal difettoso funzionamento del riscaldamento

La Corte di Cassazione, sezione Lavoro, con la sentenza n. 6631 dell'1.4.2015, ha respinto il ricorso promosso da un datore di lavoro verso un gruppo di propri dipendenti, che si erano astenuti da lavoro per via delle basse temperature dei locali aziendali, dovute ad un mal funzionamento dell'impanto di riscaldamento. 

La Suprema Corte ha confermato la sentenza di merito. Nel procedimento di primo grado, infatti, il Giudice ha effettuato tutti gli accertamenti del caso, rilevando come di fatto “la temperatura era significativamente bassa in considerazione della stagione e della eccezionalità della temperatura del giorno, tanto che l'azienda aveva ritenuto legittima l'interruzione dell'attività lavorativa da parte dei dipendenti del piano inferiore”. 

 

Alla base della pronuncia in esame vi è l'obbligo del datore di lavoro a garantire condizioni di lavoro idonee e sicure. L' art. 2087 cod. civ. prevede infatti che il datore debba adottare “le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l'esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare l'integrità fisica e la personalità morale del prestatore di lavoro”. L'inadempimento configura secondo parte della dottrina e della giurisprudenza una responsabilità di natura contrattuale, mentre secondo un altro orientamento una responsabilità da fatto illecito (c.d. aquiliana). Ricordiamo che in attuazione dell'art. 2087 c.c. vige il d.lgs. n. 81/2008 (c.d. Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro) che prevede anche numerosi illeciti da parte del datore di lavoro e di altri soggetti gravitanti nel mondo del lavoro penalmente puniti. 

 

Ritornando però agli aspetti prettamente civili, riguardanti la pronuncia in esame, ribadiamo che se il datore di lavoro si rivela inadempiente rispetto a tale obbligo di salute e sicurezza, è legittimo che il lavoratore non esegua la prestazione, eccependo l'inadempimento altrui; circostanza che si è verificata nel caso in oggetto. 

In tali casi, dunque, il datore di lavoro non potrà neppure applicare ai dipendenti, che si sono astenuti dalla prestazione lavorativa, sanzioni disciplinari. 

Inoltre, i lavoratori mantengono il diritto alla retribuzione, “in quanto al lavoratore non possono derivare conseguenze sfavorevoli in ragione della condotta inadempiente del datore”. Per tali motivi il ricorso del datore di lavoro è stato rigettato.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Insubordinazione lieve e grave del dipendente

La reazione verbale di un dipendente alle provocazioni del datore non costituisce grave inadempimento se il lavoratore adempie la sua prestazione

Continua

Mobbing: responsabilità del datore di lavoro

Responsabilità del datore per condotte mobbizzanti protrattesi nel tempo e poste in essere da un suo dipendente nei confronti di un altro

Continua

Licenziamento illegittimo nel periodo di prova

La Cassazione ha sancito l'illegittimità del licenziamento del lavoratore durante il periodo di prova se le mansioni non sono specificate per iscritto

Continua