Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Cambio di destinazione d'uso del sottotetto

E' richiesta l'autorizzazione per la trasformazione del sottotetto in vano abitabile

Cambio di destinazione d'uso del sottotetto - E' richiesta l'autorizzazione per la trasformazione del sottotetto in vano abitabile

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 10 luglio 2014 – 15 aprile 2015, n. 15429
Presidente Teresi – Relatore Aceto 

Ritenuto in fatto 

1. Il sig. L.S. ricorre per l'annullamento della sentenza del 26/02/2013 con la quale il Tribunale di Salerno l'ha condannato alla pena di Euro 400,00 di ammenda per il reato di cui agli artt. 93 e 95, d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380, commesso in (omissis) .
La vicenda riguarda l'abusiva trasformazione in vano abitabile del sottotetto di pertinenza dell'abitazione del ricorrente, sita in zona sismica ed effettuata in assenza del preventivo deposito dei progetti presso il competente sportello unico.
Con unico motivo, il L. , avuto riguardo alla natura dell'intervento (messa in opera di parquet, apposizione di un radiatore, installazione di infissi e serramenti, apposizione di servizi igienici in costanza di impianti di scarico già esistenti), eccepisce l'inapplicabilità, al caso di specie, degli artt. 93 e 95, d.RR. 380/2001, applicabili, invece, alle sole costruzioni, riparazioni e soprelevazioni. 

 

Considerato in diritto 

2. Il ricorso è infondato.
3. Qualsiasi intervento edilizio in zona sismica, comportante o meno l'esecuzione di opere in conglomerato cementizio amato, diverso dalla semplice manutenzione ordinaria, deve essere previamente denunciato al competente ufficio al fine di consentire i preventivi controlli e necessita del rilascio del preventivo titolo abilitativo, conseguendone, in difetto, la violazione dell'art. 95 del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 (Sez. 3, 34604 del 17/06/2010; cfr., altresì, Sez. 3, n. 45958 del 26/10/2005, che ha condivisiblmente affermato che “la normativa antisismica non distingue tra opere interne ed opere esterne, ma prescrive il controllo di qualsiasi costruzione, riparazione o sopraelevazione. La giurisprudenza di questa corte nel concetto di costruzione, sotto il vigore della disciplina previgente, faceva rientrare qualsiasi opera a prescindere dal titolo abilitativo richiesto (concessione o autorizzazione) e dalle sue caratteristiche o dimensioni e ciò al fine di consentire il controllo preventivo e documentale dell'attività edile eseguita in zone sismiche (Cass. n. 10640 del 1985; 21 luglio 1992 n. 8140; Cass. Sez. 3, n. 7353 del 1995; 2 giugno n. 1999 n. 6923). La vigilanza sull'attività edilizia nei comuni considerati sismici si affianca a quella ordinaria basata sul rilascio di un titolo abilitativo conforme alle prescrizioni urbanistiche ed edilizie. Nelle zone sismiche l'attività edilizia è quindi soggetta ad un duplice controllo: a quello operato dall'ufficio tecnico regionale, riguardante la sicurezza delle costruzioni rispetto ai fenomeni sismici, ed a quello dell'autorità comunale, attinente all'osservanza degli strumenti urbanistici e dei regolamenti edilizi. Quindi, sia in base alla disciplina attuale, che a quella previgente, qualsiasi intervento edilizio, fatta eccezione per quelli di semplice manutenzione ordinaria, se eseguito in zona sismica deve essere preventivamente denunciato all'ufficio tecnico al fine di consentire i dovuti controlli in merito al rispetto della disciplina vigente in materia di costruzione in zone sismiche”). 


La modifica della destinazione d'uso del locale sottotetto in un vano abitabile non può essere considerata alla stregua di un intervento di manutenzione ordinaria perché si tratta di un intervento di ristrutturazione edilizia, in questo caso con opere (messa in opera di parquet, apposizione di un radiatore, installazione di infissi e serramenti, apposizione di servizi igienici in costanza di impianti di scarico ancorché già esistenti).
Va peraltro aggiunto che il D.M. Ministero delle Infrastrutture del 14/01/2008 - Approvazione delle nuove norme tecniche per le costruzioni in cemento armato ed in zone sismiche (Pubblicato nella Gazz. Uff. 4 febbraio 2008, n. 29, S.O.), disciplina espressamente (capitolo 8) gli interventi non dichiaratamente strutturali effettuati su edifici esistenti, prescrivendo (paragrafo 8.3) che “le costruzioni esistenti devono essere sottoposte a valutazione della sicurezza quando ricorra anche una delle seguenti situazioni: (...) cambio della destinazione d'uso della costruzione o di parti di essa, con variazione significativa dei carichi variabili e/o della classe d'uso della costruzione”.
Sottotetti ed ambienti residenziali hanno carichi variabili diversi (capitolo 3, paragrafo 3.1.4); ne consegue che la trasformazione del vano sottotetto non abitabile in ambiente residenziale comporta sempre la necessaria valutazione di sicurezza, con conseguente divieto di iniziare i lavori senza l'autorizzazione scritta del competente ufficio tecnico della regione.
Il ricorso deve pertanto essere respinto e il ricorrente condannato alla spese del procedimento. 

P.Q.M. 

Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilità circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirà all'Autorità Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore è esperto in

 -  ()

/

- ()

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Licenziamento illegittimo e reintegra

Legittimo il rifiuto della lavoratrice alla richiesta del datore di lavoro di svolgere mansioni non compatibili con i problemi fisici

Continua

Comparto scuola: anzianità di servizio

L’attribuzione dell’anzianità di servizio deve essere uniforme tra lavoratori a termine e non, affinchè vi sia la medesima progressione salariale

Continua

Lavoratori in esubero e prossimità alla pensione

Licenziare i lavoratori prossimi alla pensione è conforme al principio di ragionevolezza e non discriminazione

Continua

Motivazione obbligatoria

Il solo voto non basta a bocciare l’aspirante avvocato: la motivazione è obbligatoria

Continua

Ammissione scuole specializzazione 2013/2014

Il Consiglio di Stato ha sanato le irregolarità connesse all'ammissione alle scuole per l'anno accademico 2013/2014

Continua

La Cassazione stringe sui furbetti 2.0

E’ legittimo il licenziamento del postino che durante il periodo di malattia svolge attività lavorativa da dj sottoponendosi anche a uno stress fisico

Continua

L. n. 104/1992: diritti spettanti ai familiari

Non è dovuto il permesso di due ore giornaliere per assistere la madre con handicap

Continua

Il certificato medico va effettivamente trasmesso

Può essere licenziato il lavoratore se non si accerta che venga trasmesso il certificato medico al datore di lavoro

Continua

Il disabile deve poter accedere al bancomat

L'esistenza di una barriera architettonica costituisce comportamento discriminante nei confronti del soggetto portatore di handicap

Continua

Art. 33, comma 3, della legge 5.2.1992, n. 104

Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate: i permessi retribuiti spettano anche al convivente

Continua

Legittimo il licenziamento del lavoratore furbetto

Ben può procedere al licenziamento il datore di lavoro che anche tramite investigatore privato scopre che il dipendente in malattia svolge lavoretti

Continua

Mansioni part-time e full-time: licenziamento

Il datore di lavoro ben può licenziare il lavoratore a tempo parziale in considerazione delle esigenze organizzative

Continua

Reitera contratti a tempo determinato

La Corte di Giustizia, UE, Decima Sezione, sentenza 14 settembre 2016, causa C-16/15 ha ancora censurato l'utilizzo dei contratti a tempo determinato

Continua

Anagrafe Edilizia Scolastica 20 anni dopo

La legge n. 23/1996 ha previsto che accertasse la consistenza, la situazione e la funzionalità del patrimonio edilizio scolastico

Continua

Può essere licenziato il dipendente violento!

Costituisce recesso per giusta causa il comportamento violento del dipendente nei confronti della ex

Continua

Concorso docenti 2016

Illegittime le esclusioni di alcune categorie di docenti e la possibilità di presentazione della domanda per una sola regione

Continua

Corte europea dei diritti dell’uomo

L’indennizzo ex legge Pinto è dovuto anche in caso di mancata presentazione della istanza di prelievo.

Continua

Concorso Polizia di Stato, limite di età

E' illegittimo il bando di concorso di vice ispettore di Polizia limitato a coloro che non abbiano superato 32 anni di età

Continua

Adempimento del mandato: errori e conseguenze

Violazione dei doveri connessi allo svolgimento dell'attività professionale: dovere di diligenza, corretto adempimento e informazione

Continua

D.Lgs. 206/2007 e direttiva CEE 36/2005

Vecchie e nuove problematiche in ordine al riconoscimento dei titoli professionali conseguiti all'estero

Continua

Può essere sequestrata la veranda abusiva

L'esistenza di una struttura abusiva integra il requisito dell’attualità del pericolo, indipendentemente dal fatto che la costruzione sia ultimata

Continua

Separazione personale dei coniugi e addebito

L'inosservanza dell'obbligo di fedeltà è idoneo a giustificare l'addebito della separazione al coniuge responsabile

Continua

Danno causato da animali e caso fortuito

Non costituisce caso fortuito e non esonera da responsabilità l'imprevedibilità del comportamento dell'animale

Continua

No al compenso aggiuntivo per festività di domenica

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza n. 6541/15; depositata il 31 marzo

Continua

La banca deve ricostruire il profilo di rischio

E' quanto ha statuito la Corte di Cassazione, sez. I Civile con la sentenza n. 6376/15 depositata il 30 marzo

Continua

Strada dissestata: responsabilità P.A.

Corte Cass. sez. VI Civile – 3, ordinanza 30 marzo n. 6425/15

Continua

Corte di Cass. III Civ. del 31.3.2015 n. 6440

In caso di malattia genetica della neonata sono colpevoli la struttura sanitaria e il medico per l'errore diagnostico

Continua

Corte di Cassazione SS. UU. Civ. 23.3.2015 n. 5744

Per il risarcimento del danno da esproprio illegittimo è competente il giudice ordinario

Continua

Legge Pinto - il danno è personale

Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, sentenza n. 5916/15; depositata il 24 marzo

Continua

Rapporto di lavoro - Patto di prova

Corte di Cassazione, sez. Lavoro, sentenza 10 dicembre 2014 – 25 marzo 2015, n. 6001

Continua