Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Cerca un Professionista Cerca un Argomento
Cerca un professionista per Categoria / Regione
Richiedi la prima consulenza oggi
La Rubrica informativa di ProntoProfessionista.it, comprende spazi a pagamento degli autori

Diritto del lavoro

La nuova NASPI

Hanno diritto a percepire la Naspi i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti che hanno perso il lavoro senza averne colpa

La nuova NASPI - Hanno diritto a percepire la Naspi i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti che hanno perso il lavoro senza averne colpa

Hanno diritto a percepire la Naspi i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti che hanno perso il lavoro senza averne colpa (le dimissioni sono ammesse solo se dettate da giusta causa, come per esempio il mancato pagamento dello stipendio). Sono esclusi i dipendenti a tempo indeterminato della Pa, gli operai agricoli a tempo indeterminato o determinato.  

 

La condizione per ottenere il pagamento della Naspi è che il beneficiario sia in stato di disoccupazione involontario, con almeno 13 settimane di contribuzione negli ultimi 4 anni di lavoro e, congiuntamente, almeno 30 giornate effettive di lavoronegli ultimi dodici mesi. 

 

Come detto, la riforma prevede la possibilità di ottenere il pagamento dell’intera Naspi in un’unica soluzione e in via anticipata per finanziare (una sorta di incentivo) l’avvio di un’attività lavorativa autonoma o di un’impresa individuale (ma anche per sottoscrivere una quota di capitale sociale di una cooperativa nella quale il rapporto mutualistico ha per oggetto la prestazione di attività lavorative da parte del socio). 

 

La domanda dovrà essere presentata all’Inps, in via telematica, entro il termine massimo di 30 giorni dall’avvio dell’attività (a pena di decadenza), ma potrà essere avanzata anche se il beneficiario ha già iniziato a usufruire della Naspi ordinaria, essendosi determinato, solo in un momento successivo, ad aprire un’attività.  

 

La liquidazione anticipata della Naspi – in un’unica soluzione – non dà diritto alla contribuzione figurativa, né all’assegno per il nucleo familiare. 

Se, successivamente alla liquidazione della Naspi in un’unica soluzione e in forma anticipata, il beneficiario dovesse accettare un posto di lavoro dipendente, prima della scadenza del periodo per cui è riconosciuta la liquidazione anticipata della Naspi, dovrà restituire per intero l’anticipazione ottenuta (tranne nell’ipotesi in cui il rapporto di lavoro subordinato sia instaurato con la cooperativa della quale il lavoratore ha sottoscritto una quota di capitale sociale).

articolo del

Profilo dell'autore Richiedi il primo contatto gratuito in studio

Commenta l'articolo

Produezero s.r.l. non si assume alcuna responsabilitÓ circa il contenuto dei commenti rilasciati dai singoli Utenti del sito www.ProntoProfessionista.it, che abbiano carattere diffamatorio, denigratorio ovvero contrario alla legge.
Produezero s.r.l. fornirÓ all'AutoritÓ Giudiziaria ogni informazione utile all'identificazione del singolo Utente che abbia rilasciato commenti in contrasto con la normativa vigente.
Accetto
Invia
Resetta

L'autore Ŕ esperto in
Diritto del lavoro

Avv. Emanuele Zanarello - Padova (PD)

Avv. Emanuele Zanarello

Avvocati / Civile

Via Tommaseo Niccolo 15

35131 - Padova (PD)

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Ad esempio: Località / Indirizzo

Altri articoli del professionista

Le tutele del lavorarore

Le tutele del lavoratore assunto con contratto a termine datato prima del Job acts e trasformato successivamente in tempo indeterminato.

Continua

La Tredicesima

La tredicesima è una mensilità aggiuntiva che spetta ai lavoratori dipendenti e ai pensionati

Continua

Fondo di garanzia: TFR e ultime mensilità

Per ottenere il TFR il dipendente può agire direttamente nei confronti del Fondo di Garanzia

Continua